MERCOLEDÌ 12 GIUGNO 2019, 00:01, IN TERRIS

Sfruttamento minorile, perché accade anche in Italia

Raffaela Milano, direttrice dei Programmi in Italia ed Europa di Save the Children: "E' l'altra faccia della dispersione scolastica"

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bambino al lavoro in una fabbrica tessile
Bambino al lavoro in una fabbrica tessile
P

rivati del loro diritto all'infanzia, costretti a lavorare anche in condizioni che il loro corpo, in piena fase di crescita, non permetterebbe: una situazione grave quella dello sfruttamento minorile, che accomuna milioni di bambini e adolescenti in tutto il mondo e che costringe a un'analisi del fenomeno da non circoscrivere alla sola occasione della Giornata mondiale a tema. Il lavoro minorile, nelle sue varie forme di sfruttamento, rappresenta un'urgenza con la quale fare quotidianamente i conti, sia per la sua incidenza sul percorso di crescita dei minori, sia per la sua connessione a realtà di forte disagio socio-economico, senza dimenticare l'esposizione al rischio di ulteriore sfruttamento da parte della criminalità. Un quadro di estrema gravità che, come spiegato a In Terris da Raffaela Milano, direttrice dei Programmi in Italia ed Europa di Save the Children, coinvolge anche l'Italia, in misura molto più frequente di quanto si pensi.



Dott.ssa Milano, StC ha recentemente fornito dati inquietanti sullo sfruttamento del lavoro minorile: 152 milioni, fra bambini e bambine, privati dell'infanzia per lavorare in luoghi e contesti anche di serio pericolo. Numeri allarmanti dai quali, stando al rapporto, il nostro Paese non è esente...
"L'Italia non è immune dalla piaga del lavoro minorile. Nel nostro Paese, questo 'lavoro' può essere considerato l'altra faccia della dispersione scolastica. Ci sono molti ragazzi e ragazze, minori di 16 anni, che entrano nel mondo del lavoro in modo irregolare, senza la possibilità di accedere a un percorso di vero e proprio apprendistato ma in condizioni di sfruttamento. Non abbiamo purtroppo, nel nostro Paese, un monitoraggio specifico di queste situazioni. Abbiamo i rilievi che vengono dall'Ispettorato del lavoro: negli ultimi due anni sono stati accertati 480 casi di illeciti riguardanti l'impiego di bambini e adolescenti all'interno di attività lavorative. Tuttavia, qualche anno fa noi abbiamo condotto un'attività di ricerca sul campo dalla quale sono emersi dei numeri molto più ampi: 260 mila minori fra i 7 e i 15 anni coinvolti in attività lavorative, tra questi oltre 30 mila in attività particolarmente faticose e pericolose e, quindi, del tutto inadatte per ragazzi e ragazze che sono in una fase di crescita. Quindi anche il nostro Paese non può chiudere gli occhi davanti a questa realtà e, come Save the Children, chiediamo un piano di azione drastico verso questo tipo di sfruttamento".

Al momento non vi è, dunque, una specifica strategia di contrasto a questo fenomeno?
"Quello che sappiamo è che, in realtà, ci sono le attività ordinarie di controllo, che hanno rilevato queste situazioni. Ma è troppo poco, avremmo bisogno di un intervento a più livelli, innanzitutto per prevenire la dispersione scolastica. In secondo luogo, anche per andare a sostenere quelle situazioni di povertà estrema o assoluta che talvolta spingono anche i ragazzi più piccoli delle famiglie a dover contribuire in qualche modo al reddito familiare, con attività ad esempio nei bar e negli autolavaggi. E poi avere anche una rete di controlli molto rigida che sia mirata a rilevare i casi in cui i minori vengono impiegati in queste attività lavorative. Sono minori italiani sia stranieri, ad esempio quelli non accompagnati che, in alcuni casi, sono arrivati in Europa contraendo un debito con le loro famiglie e che, in sostanza, devono immediatamente trovare dei fondi da mandare a casa. Per questo sono ancora più esposti a qualsiasi tipo di sfruttamento".

Individuati i casi, si lavora sulle tutele: in che modo si articola l'intervento di StC?
"Interveniamo in due modi, innanzitutto nell'ambito della prevenzione: siamo attivi all'interno delle scuole con un programma, 'Fuoriclasse', volto a prevenire la dispersione scolastica e durante il quale abbiamo sperimentato percorsi di apprendistato e formazione professionale per i minori più esposti al rischio di entrare nei circuiti di sfruttamento. Quando si è conclusa la scuola secondaria di primo grado, garantire ai ragazzi delle borse di sostegno per inserirsi in un percorso di studio regolare anche negli istituti professionali per avere quindi un accesso pulito al mondo del lavoro. Siamo inoltre attivi nelle periferie, o comunque nelle zone più povere, con supporto anche materiale alle famiglie, sempre con l'obiettivo di evitare che i minori possano individuare questa come l'unica strada per andare incontro a bisogni di carattere primario. Ci rendiamo conto però, noi come tante altre organizzazioni che si muovono su questo fronte, che è necessario un intervento da parte delle istituzioni che sia mirato, anche per far rilevare il fenomeno. Noi, assieme all'associazione 'Bruno Trentin', abbiamo fatto nel 2013 questo lavoro di ricerca autofinanziato su tutta Italia ma, a oggi, non c'è un rilevamento mirato che vada a verificare in quali aree del Paese e in quali settori il lavoro minorile venga sfruttato".

Non è quindi possibile inquadrare alcuni contesti sociali o geografici nei quali il fenomeno è più radicato?
"E' difficile dirlo, perché quello che emerge è solo la punta dell'iceberg. E' chiaro che, essendo un fenomeno illegale, è per sua natura sommerso. Dall'osservazione sul campo, però, non è difficile vedere le presenze di questi minori che lavorano sul territorio. Poi, se si fa il raffronto con i minori dispersi, ovvero quelli che non proseguono gli studi, ci si rende conto che c'è una coincidenza".

Abbiamo parlato di interventi nelle periferie o, comunque, in situazioni di forte difficoltà: analizzando contesti di questo tipo, le maggiori condizioni restano circoscritte all'ambito familiare o vi è un'esposizione al rischio di infiltrazioni e, quindi, di coinvolgimento con la criminalità?
"Questo è un punto importante: abbiamo fatto anche una ricerca specifica sui minori nel circuito penale. Siamo andati cioè a intrattenere dei colloqui con i ragazzi che sono all'interno degli istituti penali minorili per ricostruire la loro biografia e abbiamo visto un'altissima incidenza nella loro storia di vicende di lavoro minorile. Ovvero, prima di entrare nei circuiti della criminalità, hanno tutti avuto un trascorso di lavoro sfruttato. Una situazione che, a ben vedere, non è difficile da comprendere perché se per spostare le cassette di frutta in maniera del tutto sfruttata si prendono pochi euro, e ci si ritrova una proposta di guadagnare cento volte tanto per una notte di vedetta in una piazza di spaccio, diventa forte la tentazione di passare da un lavoro sfruttato a un lavoro anche di coinvolgimento nelle reti della criminalità. Un fattore, questo, da tenere in seria considerazione: il rischio, peraltro molto facile da correre, di passare da una condizione di lavoro non regolare, a una di inserimento nei circuiti criminali".

Ragazzi sui quali andrà fatto un percorso di recupero innanzitutto umano...
"Assolutamente sì. Si tratta infatti di ragazzi che, per la maggior parte, non hanno mai conosciuto un'attività lavorativa regolare né, tantomeno, una condizione dignitosa".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio
Salvini arriva a Washington
WASHINGTON

Salvini all'Ue: "Non accettiamo più briciole"

Da Oltreoceano il vicepremier manda un messaggio alle istituzioni europee: "Flat tax sì, fatevene una ragione"
Francesco Belsito
LA SENTENZA

Processo Siram: assolto Belsito

Il pm aveva chiesto 4 anni per l'ex tesoriere della Lega Nord
Luca Poniz
NOMINE

Csm, Poniz: "Politica si assuma responsabilità"

Il neo presidente dell'Anm: "Da tempo criticavo la magistratura associata"
BERGAMO

Travolto al posto di controllo, morto un carabiniere

Investimento nella notte, il conducente forse era ubriaco
INCIDENTI STRADALI

Roma, donna investita da autobus è grave

Sulla ricostruzione della dinamica sta lavorando la Polizia Locale
Paramilitare
AMERICA LATINA

Nicaragua: i paramilitari attaccano due chiese

Lanciate bombe “stordenti” e colpiti i fedeli all'uscita delle celebrazioni eucaristiche
Il blackout
L'EVENTO

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto
LOTTA AGLI STUPEFACENTI

Palermo: sbarca con 21 chili di droga, arrestato

Misura cautelare effettuata nei confronti di un incensurato
Bomba carta (immagine di repertorio)
RIONE SAN GAETANO

Bomba carta e "stesa" a Napoli: scene da guerriglia

L'ordigno artigianale è esploso davanti l'ingresso di una palazzina di via Teano
La petroliera in fiamme nel golfo di Oman
MARE DI OMAN

Attacco alle petroliere: gli Usa valutano l'invio di truppe

Ma il Giappone chiede agli Usa "Prove concrete" contro l'Iran "oltre le speculazioni"
Joshua Wong
ASIA

Hong Kong: è libero il leader degli ombrelli

Scontata la pena di due mesi per le manifestazioni del 2014
Mario Conoci
ELEZIONI COMUNALI IN SARDEGNA

Mario Conoci è il nuovo sindaco di Alghero

Centrodestra in testa anche a Cagliari, il Centrosinistra a Sassari
Lavoro

Zero, qualcosina

In questi ultimi giorni si è data enfasi sulla crescita dell'occupazione in modo tale che i media potessero...
Italia-Spagna 3-1. Chiesa festeggia la doppietta con Orsolini - Foto © Twitter
EUROPEO U-21

Notte magica per l'Italia, la Spagna è ribaltata: 3-1

Sfatato il tabù iberico: Chiesa (doppietta) e Pellegrini (rigore) portano gli azzurri in testa al girone