MERCOLEDÌ 08 MAGGIO 2019, 17:23, IN TERRIS

Salvini annuncia guerra alla droga

"Da domani controlli a tappeto per chiudere i negozi di cannabis"

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifestazione a favore della cannabis
Manifestazione a favore della cannabis
L

e "maniere forti". Sono quelle evocate dal vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, per stroncare la piaga della droga. In una conferenza stampa, il segretario della Lega ha parlato di oltre mille negozi di cannabis "in giro per l'Italia, uno a cento metri da palazzo Chigi". E dunque "da domani ci saranno controlli a tappeto per andarli a controllare uno per uno con l'obiettivo di chiuderli uno per uno".


"Galera per gli spacciatori"

Per Salvini “la droga è un’emergenza nazionale devastante soprattutto per i minori e dunque dobbiamo usare tutti i metodi democratici per chiudere questi luoghi di rieducazione di massa. Ora usiamo le maniere forti“. Il capo del Viminale chiederà che "siano vietate anche tutte le feste a base di cannabis”, ha detto ancora al termine dell’incontro coi rappresentanti di una ventina di comunità di recupero per tossicodipendenti. Le quali - ha aggiunto - "mi hanno chiesto un approccio assolutamente rigido" su questo tema. E Salvini ha assicurato che "noi non vogliamo punire i consumatori, mi interessa la galera certa per gli spacciatori trovati in flagranza di reato". Già il 29 aprile scorso era intervenuto sul tema affermando: “Sono assolutamente contrario come ministro, da italiano e papà, a qualsiasi sottovalutazione del male che fa qualsiasi utilizzo di droga, quindi mi auguro che nessuno avalli la vendita di questo genere di sostanze”.


Il parere del Consiglio superiore di sanità

"Non può essere esclusa la pericolosità della cannabis light”. Fu lapidario nel giugno scorso il parere del Consiglio superiore di sanità (Css), richiesto qualche mese prima dal Ministero della Salute. Sulla vicenda è altrettanto netto il fondatore della comunità di recupero Villa Maraini, Massimo Barra, che in un’intervista ad In Terris a margine della nascita dei primi cannabis shop in Italia, spiegava: “Disquisire intorno al limite dello 0,6 per cento di thc è irrilevante. È estremamente pericoloso tutto ciò che attenta al sistema nervoso centrale, che è la parte più raffinata e differenziata del corpo, nonché la più delicata”. E ancora, con romana schiettezza, il dottor Barra aggiunse: “Se la gente la consuma (la cannabis light, ndr), è perché je piace. E se je piace, è perché c’è l’effetto psicoattivo, qualunque esso sia: rilassante, immunizzante, ansiolitico… Possiamo chiamarla ‘light’ o in qualunque altro modo, sempre di droga si tratta”. Sulla vicenda era intervenuto anche Silvio Garattini, direttore scientifico dell'Irccs Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano: “Assolutamente d'accordo sui rischi della vendita della 'cannabis light', a causa dei suoi potenziali danni per la salute, che esistono soprattutto per i giovani. L’apertura dei 'cannabis shop' ha dato l'impressione che questa sostanza possa essere assimilata a un alimento: ci sono i controlli, ma si possono pur sempre eludere e si rischia che diventi un modo per acquistare cannabis anche per scopi diversi da quelli per cui i negozianti dicono di venderla".


"Ora il governo agisca"

Plauso alle dichiarazioni di Salvini giunge da Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente del Congresso Mondiale delle Famiglie delle famiglie. “Finalmente - spiegano - basta bugie e guerra senza quartiere agli shop e alle feste della cannabis, perché i giovani sono il futuro della società e hanno bisogno di messaggi positivi, di lavoro e di istituzioni che offrono opportunità invece che spacciare sballo. Noi continueremo a proteggerli e ad avvertirli: la droga è negativa, come abbiamo ribadito a Verona, e sempre più minori vengono rapiti dalla sua rete con la scusa che esista quella leggera”. “Promuovere la cultura della vita e del bene comune - per Brandi e Coghe - è compito di un governo che si rispetti. Ora faccia velocemente quanto promesso”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?

Cannabis light: fa male o no?

Viaggio nell'intricato mondo della sostanza stupefacente ma con thc più basso

Cannabis
“Non può essere esclusa la pericolosità della cannabis light”. Il parere del Consiglio superiore di sanità (Css),...
NEWS
Un bus Atac a Roma
VIA BOCCEA

Baby gang aggredisce autista dell'Atac

Il gruppetto di giovani aveva azionato la leva di emergenza, denunciato un 17enne
Falso
MARCHI TAROCCATI

GdF: falso "Made in Italy", 66 denunce

L'allarme Coldiretti: "58% delle frodi a tavola, la concorrenza sleale fa crollare i prezzi"
Friday for Future

Custodire la nostra casa Terra

E'stato programmato il primo sciopero globale della storia con circa 150 paesi della Terra, per la tutela del clima...
Il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio
ELEZIONI

Regionali Umbria, Rousseau dice sì al patto civico

La base grillina ha espresso la sua preferenza con il 60% di voti favorevoli
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
Uno degli atolli di Kiribati
OCEANIA

Kiribati, la battaglia per il clima dell'arcipelago che affonda

I giovani gilbertesi al fianco di Greta contro il riscaldamento globale che rischia di accelerare la scomparsa della loro terra
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Manifesto con simboli politici

Vino nuovo in nuovi otri

In un mese e mezzo la politica italiana è stata fortemente modificata da eventi rapidissimi che hanno sortito...
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele

Chi ha paura di Papa Francesco?

Se i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece,...