LUNEDÌ 10 GIUGNO 2019, 13:26, IN TERRIS

TELEVISIONE

"Realiti", dopo gli insulti a Falcone e Borsellino, ecco la replica di Borrometi Usigrai

Il flop della nuova trasmissione di Rai2 finisce al centro del dibattito è spostata in seconda serata

GIUSEPPE CHINA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il conduttore Enrico Lucci
Il conduttore Enrico Lucci
N

on si fermano, giustamente, le dure polemiche intorno alla prima puntata della tasmissione di "Realiti" di Rai2. E' lo scorso 5 giugno quando viene mandato in onda il programma condotto da Enrico Lucci che per il debutto ospita due cantanti neomelodici: uno è Leonardo Zappalà, 19 anni, in arte "Scarface", l'altro è Niko Pandetta, alias "Tritolo", che alcuni definiscono "il re del neomelodico catanese", nipote di Turi Cappello, boss condannato al carcere a vita per reati di mafia. Già dai nomi d'arte, per usare un eufemismo, i due cantanti non usano toni pacifci. Fin qui tutto abbastanza lecito, i problemi sono iniziati quando nel corso della trasmissione è stato proiettato un video di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i due magistrati uccisi dalla mafia nel 1992.


I commenti allusivi e le dediche dei due cantanti

Leonardo Zappalà, dopo aver visto il filmato, ha dichiarato: "Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro". Parole che non lasciano spazio ad interpretazioni e che feriscono in maniera profonda il Paese e la sua Storia. Ma non è finita qui perché dopo una frase del genere, anche il suo collega ha espresso le sue "preferenze" in fatto di legalità. "Mio zio (Salvatore Cappello attualmente detenuto ndr) scrive i testi delle canzoni dal 41 bis, il primo cd l'ho finanziato con una rapina", difficilmente l'avrebbe potuto esplicitare in maniera più chiara di così. Senza dimenticare i "versi" presenti nella canzone "Dedicata a te": "Zio Turi ti ringrazio per quello che hai fatto per me, sei stato la scuola di questa vita e per colpa di questi pentiti stai chiuso lì dentro al 41 bis". 


L'intervento di Paolo Borrometi 

Inevitabile che la prima puntata della trasmissione "Realiti" finisse sotto l'occhio del ciclone mediatico e non. Paolo Borrometi, presidente di Articolo 21 e giornalista sotto scorta a cause delle intimidazioni mafiose ricevute, ha commentato su Facebook: "Il problema è che "personaggetti" del genere non meritano di andare in Rai. Ed è grave che vengano invitati. Così come l'altro suo "collega", tale Niko Pandetta, che, sempre su Rai2, ci ha spiegato che lo zio ergastolano (boss al carcere duro per mafia), Turi Cappello, scriva le sue canzoni dal carcere". 

E ancora: "Proprio quel Cappello che ha dato il cognome al clan Cappello di Catania che, secondo i Magistrati, doveva realizzare un attentato con un'autobomba nei miei confronti e nei confronti degli Uomini della mia scorta. Ma è possibile tutto ciò? C'è chi è morto per la Giustizia, c'è chi dovrebbe saltare in aria secondo i piani dei clan. E la Rai cosa fa? Fa parlare chi inneggia ai boss?". 


Il voucher incriminato

Eppure per la Rai i problemi non sono finiti. Perché lo stesso Niko Pandetta ha pubblicato un altro post dove diffonde il buono con cui l'azienda di Stato gli avrebbe pagato la trasferta e l'albergo per poter partecipare alla trasmissione. Sull'ultima sfaccettatura di questo caso è intervenuto con un tweet Vittorio Di Trapani, il Segretario Generale dell'Usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai. 

Da Viale Mazzini hanno cercato di togliersi dagli impicci cancellando la prima puntata di "Realiti" dalla piattaforma Raiplay. Senza dubbio un segnale, nonostante quanto sia successo di fronte a milioni di telespettatori sia quasi imperdonabile.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SICILIA

Palermo, ventenne ucciso a coltellate

Tragedia all'uscita dalla discoteca a Terrasini, in provincia di Palermo, dove un giovane di venti anni è...
Iraniani a Teheran indossano la mascherina - Foto © AFP
EMERGENZA GLOBALE

Coronavirus, la paura da Pechino al Medio Oriente

Aumentano i casi di contagio globale. In Iran isolata la città santa di Qom
Clochard
MORIRE DI FREDDO

Il gelo dell'indifferenza uccide i più fragili

In preghiera a Genova per i clochard. 51 mila a rischio in Italia
ALLARME SANITARIO

"I social contagiano la psiche"

Appello degli psicologi contro la "diffusione digitale del virus del terrore"
Coronavirus
L'EPIDEMIA

Coronavirus, aumentano i casi nel Nord Italia

A Crema registrata la terza vittima, stop a scuole e musei in tutto il Settentrione. Milano chiude il Duomo, Venezia il...
Preghiera
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, a Padova scuola di preghiera da casa su YouTube

Alla Basilica di Assisi si è pregato oggi per la fine dell'epidemia
Sala parto
NASCITE

Troppo bisturi in sala parto. All'Italia il record Ue

Negli ultimi 15 anni è raddoppiato il numero dei bambini nati con parto cesareo (1 su 5 nel mondo, 1 su 4 in Italia)
Macerie nella provincia di Van, in Turchia
IL SISMA

Terremoto di 5.7 fra Iran e Turchia

Epicentro in territorio iraniano ma 7 vittime segnalate nella provincia turca di Van, numerosi gli edifici crollati
Xi Jinping
CORONAVIRUS

Xi: "La nostra emergenza sanitaria più grave dal '49"

Le vittime in Cina sono 2.442, allerta massima anche in Giappone e Corea del Sud. In quarantena i migranti sbarcati a Pozzallo
Papa Francesco incontra i fedeli - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Papa Francesco a Bari: scegliere l’estremismo della carità

L'omelia del Santo Padre alla messa in Corso Vittorio: "Gesù, col suo amore senza limiti, alza l’asticella...
Papa Francesco a Bari - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Il Papa: "La guerra è il fallimento di ogni progetto umano e divino"

Il Santo Padre al convegno "Mediterraneo frontiera di pace": "Non ci sono vie alternative al dialogo"
Mediterraneo frontiera di pace
CHIESA IN USCITA

Nel Mediterraneo come promotori di pace

Chiusi i lavori del meeting dei vescovi mediterranei a Bari. Bassetti: "Le Chiese non siano più rivali"
Raccolta differenziata
LA GREEN ECONOMY DEI PICCOLI

"Noi bambini ricicliamo più degli adulti"

Letizia, 11 anni: "Ho chiesto ai miei genitori di parlarmi di Greta. E a casa faccio la raccolta differenziata"

Chi riduce il cristianesimo a una regoletta

"Vogliamo pregare anche per quelli che hanno colpito il mio papà perché, senza nulla togliere...

Chi ci perde se nasce un bambino in più?

Sul fronte della difesa della vita “dal concepimento alla morte naturale” le buone notizie sono una...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, Conte: "Il decreto legge è per tutelare la salute degli italiani"

Nel provvedimento misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica