LUNEDÌ 17 DICEMBRE 2018, 10:29, IN TERRIS


L'INDAGINE

Qualità della vita: Milano campione d'Italia

Prima volta della provincia meneghina nella posizione più alta. Bolzano e Aosta sul podio. Roma 21esima

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Milano dall'alto
Milano dall'alto
M

ilano campione d'Italia. Non si tratta di un titolo sportivo, ma dell'ottenimento da parte della provincia meneghina della 29esima edizione della "Qualità della vita", indagine annuale de Il Sole 24 Ore. La provincia si piazza ben sette volte su 42 nei primi tre posti per i risultati conseguiti negli indicatori del benessere e conquista così lo scettro di provincia più vivibile d'Italia, dopo averlo sfiorato per quattro volte, fermandosi al secondo posto nel 2003 e 2004 e poi nel 2015 e nel 2016.

I parametri usati dal quotidiano economico per inquadrare la questione della vivibilità urbana sono 42 suddivisi in sei macro aree tematiche (Ricchezza e consumi, Affari e lavoro, Ambiente e servizi, Giustizia e sicurezza, Demografia e società, Cultura e tempo libero), riferiti all'ultimo anno appena trascorso. Milano risulta essere città ricca, con opportunità lavorative e servizi. Vince inoltre l'ICityrate 2018 come migliore smart city. Anche la cultura sale sul podio, con la spesa media dei milanesi al botteghino. Tra i punti deboli la sicurezza (scippi, borseggi e rapine) e l'indice di litigiosità nei tribunali. Al secondo ed al terzo posto si piazzano Bolzano, in risalita dalla quarta posizione del 2017, e Aosta, in discesa di una posizione dallo scorso anno.

Evidente il divario tra Nord e Sud. In coda alla graduatoria si ritrova Vibo Valentia, ma sale Napoli di 13 posizione, mentre Roma si piazza 21esima. La Capitale resta in linea con l'anno scorso, quando si piazzò 24esima. La ricchezza viene confermata dal dato medio dei prezzi delle case, in media il più elevato d'Italia, e dalla maggiore propensione agli investimenti fotografata dall'elevata percentuale di impieghi sui depositi. Pesano purtroppo sulla città il numero dei protesti pro capite, l'indice di litigiosità nei tribunali e le denunce per reati legati agli stupefacenti. Migliorano Venezia, Torino, Catania, Bari e Bologna, in controtendenza solo Genova e Firenze che perdono rispettivamente otto e dieci posizioni. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"