GIOVEDÌ 10 OTTOBRE 2019, 18:45, IN TERRIS

DONNE CROCIFISSE

Prostituzione, quella rete criminale che lega l'Italia alla Libia

A Perugia cinque nigeriani accusati di favoreggiamento alla tratta di decine di donne

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una donna vittima di tratta
Una donna vittima di tratta
C'

è persino l'ombra dei riti voodoo fra i capi d'accusa che pendono sul capo di cinque nigeriani, portati davanti alla Corte d'assise di Perugia per tratta di essere umani finalizzata alla prostituzione. Secondo l'accusa, i cinque avrebbero soggiogato diverse giovani donne introducendole "illegalmente in Italia" e, quindi, costringendole a prostituirsi.


La vicenda

I fatti si riferiscono al biennio 2015-17, quando il gruppo di presunti criminali avrebbe avuto contatti con diverse donne, alcune delle quali minorenni, al solo scopo di indurle alla prostituzione. Le vittime, provenienti dalla Nigeria, erano inserite in questa "rete criminale" sin dal loro Paese d'origine. Nel periodo antecedente la traversata dalle coste libiche, le donne sarebbero state sottoposte a ripetute violenze e privazioni che ne avrebbero minato l'integrità fisica e psicologica. La sudditanza psichica, unita alla giovane età, avrebbero giocato un ruolo determinante nella sottomissione delle donne ai loro carnefici.


Una rete criminale

Giunte in Italia attraverso imbarcazioni di fortuna, le donne erano spostate in diversi centri d'accoglienza prima di essere condotte a Perugia, dove erano venivano costrette a prostituirsi. Questa ricostruzione svelerebbe una rete criminale ramificata in Libia e Italia, che consentiva ai carnefici - secondo quanto ricostruisce l'accusa - un rapporto indiretto con le famiglie delle stesse vittime per costringerle a saldare il debito contratto alla partenza. Attraverso riti voodoo, infatti, le donne erano irretite spinte dal timore di una ritorsione verso i loro cari. Stando all'accusa, ad alcune di loro era anche fornito un prontuario su come rispondere davanti alla commissione per il riconoscimento dello stato di rifugiato o del diritto d'asilo.


Violenza estrema

Le testimonianze di alcune delle vittime tracciano resoconti di estrema violenza. Alcune donne - riferisce PerugiaToday - erano schiaffeggiate o prese a morsi perché consegnassero l'incasso di una giornata intera. Altre ricordano la somministrazione di farmaci ed alcol che potessero provocare l'aborto in caso di gravidanza inattesa. 


L'impegno di don Aldo

È per porre fine a questa tratta indiscriminata delle donne che don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII, continua il suo accorato appello alle istituzioni della società civile perché si fermi questa "piaga vergognosa della tratta". Per sollecitare il dibattito pubblico e mediatico, il sacerdote di frontiera, protagonista in prima linea del difficile e doloroso cammino di molte donne, ha pubblicato il libro Donne CrocifisseIl testo gode della prefazione dello stesso Papa Francesco, che condanna l'atto criminale della tratta come "un vizio schifoso, che confonde il fare l'amore con lo sfogare i propri istinti torturando una donna inerme". 

È possibile acquistare il libro Donne Crocifisse al seguente link: www.donnecrocifisse.it

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un frame del video dell'opera di Banksy postato sui social
STREET ART

Il commovente murales natalizio di Banksy in un video virale

Al centro dell'opera i senzatetto soli durante le festività
Antonio Salieri e Wolfgang Amadeus Mozart (Foto di scena)
TEATRO

Amadeus, il dramma dell'uomo contro il genio

In scena al Teatro della Pergola di Firenze, dal 10 al 15 dicembre, l'opera di Peter Shaffer sotto la regia di Andrej...
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
POLITICA

Governo, una verifica dopo la Manovra

Il premier Conte dà l'ok a un confronto in maggioranza a gennaio: "Serve un cronoprogramma fino al 2023"
ANNIVERSARIO

40 anni dalla missione di solidarietà nel Sud est asiatico

Nel 1979 l'Italia soccorse un migliaio di profughi vietnamiti che vagavano per il mare con mezzi di fortuna in una drammatica...
CAPOLAVORI IN MOSTRA

I patroni di Roma tornano a casa

Dalle collezioni dell’Ermitage di San Pietroburgo alla capitale d'Italia e della cattolicità: sarà...
IL PUNTO

La settimana politica

Dalla manovra alla legge elettorale, i temi al centro del dibattito
Olio d'oliva extra vergine
ALLARME COLDIRETTI

Olio: crolla il prezzo della produzione nazionale

"Le giacenze di olio straniero (spagnolo e tunisino) hanno superato i 62 milioni di chili prodotti"
 White Island
NUOVA ZELANDA

Erutta il vulcano Maha Whakaari: morti e dispersi

E' successo nella White Island proprio mentre c’era un gruppo di turisti in visita
Migranti

Una regola per il futuro

C'è un grande scontro nella nostra società sul fenomeno che vede migliaia e migliaia di persone...
Diritti umani

Aspettando la vera rivoluzione

"Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di...
Il cardinal Tagle
CURIA VATICANA

Il nuovo “papa rosso” è il filippino Tagle

Il Santo Padre nomina Prefetto di Propaganda Fide l’arcivescovo di Manila e presidente della Caritas internazionale
Il monumento dedicato a Cristina Biagi
IL CASO

Femmincidio Biagi, l'Inps rinuncia al rimborso

La richiesta era stata avanzata alle figlie minorenni della donna uccisa dall'ex marito, che ferì un'altra...