GIOVEDÌ 10 GENNAIO 2019, 12:25, IN TERRIS


RICERCA EURISPES

Procuratore antimafia: "Smascherare l'omertà"

Cafiero De Raho: apprezzamento "per la legge sulla corruzione"

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Livello di corruzione percepito in Italia
Livello di corruzione percepito in Italia
"L

a nostra è una situazione gravissima perché le associazioni mafiose si stanno sviluppando su tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, e la corruzione è il sistema con cui le associazioni mafiose entrano nella pubblica amministrazione. Questo è un campanello d’allarme che abbiamo suonato ripetutamente”. E' l'allarme lanciato da Federico Cafiero De Raho, procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, alla presentazione odierna a Palazzo Altieri a Roma della ricerca Eurispes “La corruzione tra realtà e rappresentazione. Ovvero: come si può alterare la reputazione di un Paese”.

“In Italia - ha spiegato Cafiero De Raho sul Sir - è difficile individuare la corruzione perché non è semplice comprendere chi è il soggetto attivo e quale quello passivo, perché a nessuno conviene denunciare”. Secondo il procuratore antimafia, “il nostro Paese ha la migliore legislazione sul fenomeno, però è anche vero che ci sono forme così raffinate di corruzione che servono indagini ancora più raffinate per riuscire ad acquisire prove”. Di qui l’apprezzamento “per la legge sulla corruzione, ma non per un orientamento politico, ma perché contiene norme riguardanti aspetti che erano già emersi negli Stati generali della corruzione”. “Bisogna smascherare troppa omertà, troppe convenienze e una mancanza di etica”, ha concluso Cafiero De Raho.


La ricerca Eurispes

“La corruzione tra realtà e rappresentazione. Ovvero: come si può alterare la reputazione di un Paese”, è curata da Giovanni Tartaglia Polcini per l’Eurispes. “L’econometria della corruzione” è alla base della ricerca, che “si è posta l’obiettivo di verificare la fondatezza del giudizio espresso nei confronti dell’Italia dai più comuni indicatori di natura percettiva diffusi sul piano globale”.

L'Italia, negli indici internazionali, si legge nella ricerca, “si colloca in posizioni molto più basse di quanto non meriterebbe il suo status di Paese democratico e di potenza mondiale, tra i primi dieci grandi Paesi al mondo per il Pil pro capite”. Infatti, in ambito Ocse, è il Paese con la più alta corruzione percepita (circa 90%) e con una fiducia nel Governo superiore al 30%, più alta di quella di Grecia, Portogallo, Spagna e Slovenia nonostante questi Paesi abbiano una percezione della corruzione inferiore a quella italiana (tra l’80% e il 90%). Ma, dice Polcini, "alla domanda specifica, posta a un campione di cittadini, se negli ultimi 12 mesi avessero vissuto, direttamente o tramite un membro della propria famiglia, un caso di corruzione, la risposta è stata negativa nella stragrande maggioranza dei casi, in linea con le altre nazioni sviluppate”. Questo fenomeno è definito “sindrome del Botswana”, intesa come tendenza ad accostare il nostro Paese a Stati difficilmente assimilabili all’Italia per livello di benessere e di ricchezza. Nell’ultima graduatoria di Transparency International, basata proprio su un indice di percezione, ricorda la ricerca, “risultiamo al 69° posto con l’85% degli italiani convinti che Istituzioni e politici siano corrotti".


Rischi per l'economia

La cosiddetta “sindrome del Botswana" può avere effetti diretti e indiretti sull’economia. Per questo, rileva la ricerca, la costruzione di indicatori validi ed efficaci a rappresentare i molteplici aspetti relativi al fenomeno corruzione integra il primo ed essenziale passo verso il controllo, la prevenzione e il contrasto. Senza misure accurate e affidabili non solo diventa difficile cogliere l’estensione e l’ordine di grandezza del fenomeno, ma anche indirizzare strategie di intervento istituzionale e politico di contrasto e repressione”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
Frame di uno dei video che riprende un oggetto volante non identificato - Video © U.S. Department of Defense
EXTRATERRESTRI

Gli Ufo esistono: parola della Marina Usa

Le prove nei filmati diffusi tra il 2017 e il 2018 dal New York Times
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele

Chi ha paura di Papa Francesco?

Se i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece,...
Roma-Basaksehir 4-0. Nicolò Zaniolo esulta dopo aver siglato il tris giallorosso - Foto © Twitter
EUROPA LEAGUE

Roma sul velluto, Basaksehir affondato: 4-0

All'Olimpico apre un'autorete di Caiçara, poi Dzeko, Zaniolo e Kluivert. La Lazio cade a Cluj
L'ex presidente Ben Ali
TUNISIA

Ben Ali, il presidente deposto dalla Primavera araba

Al potere dall'87 al 2011, quando la rivoluzione popolare lo destituì: l'ex presidente è morto in Arabia...
Palazzo Chigi, sede della Presidenza del Consiglio
GOVERNO

Consiglio dei ministri approva il "decreto cybersecurity"

Introdotto il "golden power" a garanzia del mercato azionario italiano. Assente il dl del ministro Costa
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
Rider
L'INCHIESTA

Milano, la Procura indaga sul giro dei riders

Sotto la lente degli inquirenti le ipotesi di presunto caporalato e possibile violazione degli standard di sicurezza