GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, 13:29, IN TERRIS


SENATO

Parte la battaglia contro il gender in Rai

Il prof. Gandolfini e il sen. Pillon (Lega) chiedono il "cambiamento" anche nel Servizio Pubblico

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cavallo di viale Mazzini, Rai
Cavallo di viale Mazzini, Rai
L’

estate scorsa ha suscitato grandi aspettative nei gruppi pro-famiglia l’elezione di Marcello Foa a presidente della Rai. Non solo perché è considerato un giornalista libero e dall’ampio bagaglio d’esperienza, ma perché nel periodo in cui è stato collaboratore de Il Giornale, con alcuni suoi articoli Foa ha preso posizione contro il proliferare dell’ideologia gender denunciando l’imposizione di “modelli che tendono a sradicare identità centrali insite nella natura umana” come quella sessuale. Le aspettative della numerosa platea del Family Day, tuttavia, sembrano essere state disilluse, almeno finora. Il 2019 si è aperto con una polemica nei confronti del Servizio Pubblico perché è andato in onda, in prima serata, un film in cui si assiste, a un certo punto, a un bacio tra due uomini. Ma non solo. Pochi giorni dopo ha provocato un vespaio di polemiche l’apparizione su Raitre, in seconda serata, del noto trans ed ex parlamentare Luxuria, nel corso del programma Alla Lavagna. Davanti ad una classe di bambini, Luxuria ha parlato della propria storia spiegando che “gay o trans si nasce”. Il fatto, che è stato ritenuto da più parti “inaccettabile”, è finito in Vigilanza Rai con un’interrogazione del sen. Simone Pillon (Lega).


"No a una Rai megafono di teorie radical-chic"

Lo stesso senatore del Carroccio, tra i volti noti del Family Day, ha lanciato quest’oggi dal Senato una battaglia per “ristabilire il pluralismo e rigore scientifico” nel Servizio Pubblico radiotelevisivo. Insieme al presidente del Family Day, Massimo Gandolfini, egli ha denunciato che “da troppi anni la Rai è megafono di teorie radical-chic che nulla hanno a che fare con il dovere di informazione e non rappresentano il Paese reale”. Nel caso in questione - ha spiegato Gandolfini -, in cui Luxuria "ha tentato di spiegare con diverse inesattezze scientifiche la disforia di genere", è stato imposto "un indottrinamento senza possibilità di alcun contraddittorio". Del resto - ha aggiunto il neurochirurgo bresciano - la Rai è pagata dai cittadini italiani, pertanto dovrebbe offrire "legittima possibilità a tutti di esprimere le proprie idee". E così si torna sulle attese che aleggiavano l'estate scorsa intorno a viale Mazzini. "Non abbiamo notato nessuna discontinuità con la gestione precedente della Rai - ha affermato Gandolfini -, così abbiamo deciso di chiedere che, qualora nel palinsesto si vogliano affrontare tematiche così delicate, per giunta davanti a dei minori, venga quantomeno dato spazio anche ad idee diverse e ai genitori". Riporta a tal proposito l'articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo che non la tv di Stato, bensì “i genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di educazione da impartire ai loro figli". Gandolfini allarga lo sguardo "a tutta l'offerta televisiva del Servizio Pubblico" affinché - ha affermato - venga fermato "il solito cavallo di Troia per introdurre un'ideologia" attraverso il tubo catodico.


Pillon: "Chiediamo un'audizione al direttore di Raitre"

L'attenzione, quindi, non è rivolta solo verso una sola trasmissione. Nel suo intervento, il senatore Pillon ha spiegato che non solo Alla lavagna, ma anche La Tv delle ragazze - Gli stati Generali 1988-2018' resta sotto i riflettori per l'intervento dell'attrice Angela Finocchiaro che, rivolgendosi a una platea di bambine, ha dichiarato che "Gli uomini sono tutti pezzi di m...." e alla domanda da parte di una bambina se lo fosse anche il suo papà, ha risposto: "Soprattutto il tuo papà". Le informazioni ricevute dal Servizio Pubblico dopo l'interrogazione partita dal senatore leghista è stata da lui ritenuta "del tutto insufficiente". Egli chiede allora "un'audizione al direttore di Raitre", per chiedere "il motivo per cui le ragazzine dovrebbero sentire insulti al loro papà e perché dovrebbe venire promosso davanti a dei minorenni il concetto dell'indifferentismo sessuale". Nella Sala Nassiriya del Senato c'è comunque un clima di fiducia perché - riflette Pillon ricordando il sostegno del presidente statunitense Donald Trump alla Marcia per la Vita di Washington - "siamo a una svolta epocale della storia" per cui "il buonsenso si sta affermando".


Massimo Gandolfini e Simone Pillon in Senato

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...