GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, 13:29, IN TERRIS

SENATO

Parte la battaglia contro il gender in Rai

Il prof. Gandolfini e il sen. Pillon (Lega) chiedono il "cambiamento" anche nel Servizio Pubblico

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cavallo di viale Mazzini, Rai
Cavallo di viale Mazzini, Rai
L’

estate scorsa ha suscitato grandi aspettative nei gruppi pro-famiglia l’elezione di Marcello Foa a presidente della Rai. Non solo perché è considerato un giornalista libero e dall’ampio bagaglio d’esperienza, ma perché nel periodo in cui è stato collaboratore de Il Giornale, con alcuni suoi articoli Foa ha preso posizione contro il proliferare dell’ideologia gender denunciando l’imposizione di “modelli che tendono a sradicare identità centrali insite nella natura umana” come quella sessuale. Le aspettative della numerosa platea del Family Day, tuttavia, sembrano essere state disilluse, almeno finora. Il 2019 si è aperto con una polemica nei confronti del Servizio Pubblico perché è andato in onda, in prima serata, un film in cui si assiste, a un certo punto, a un bacio tra due uomini. Ma non solo. Pochi giorni dopo ha provocato un vespaio di polemiche l’apparizione su Raitre, in seconda serata, del noto trans ed ex parlamentare Luxuria, nel corso del programma Alla Lavagna. Davanti ad una classe di bambini, Luxuria ha parlato della propria storia spiegando che “gay o trans si nasce”. Il fatto, che è stato ritenuto da più parti “inaccettabile”, è finito in Vigilanza Rai con un’interrogazione del sen. Simone Pillon (Lega).


"No a una Rai megafono di teorie radical-chic"

Lo stesso senatore del Carroccio, tra i volti noti del Family Day, ha lanciato quest’oggi dal Senato una battaglia per “ristabilire il pluralismo e rigore scientifico” nel Servizio Pubblico radiotelevisivo. Insieme al presidente del Family Day, Massimo Gandolfini, egli ha denunciato che “da troppi anni la Rai è megafono di teorie radical-chic che nulla hanno a che fare con il dovere di informazione e non rappresentano il Paese reale”. Nel caso in questione - ha spiegato Gandolfini -, in cui Luxuria "ha tentato di spiegare con diverse inesattezze scientifiche la disforia di genere", è stato imposto "un indottrinamento senza possibilità di alcun contraddittorio". Del resto - ha aggiunto il neurochirurgo bresciano - la Rai è pagata dai cittadini italiani, pertanto dovrebbe offrire "legittima possibilità a tutti di esprimere le proprie idee". E così si torna sulle attese che aleggiavano l'estate scorsa intorno a viale Mazzini. "Non abbiamo notato nessuna discontinuità con la gestione precedente della Rai - ha affermato Gandolfini -, così abbiamo deciso di chiedere che, qualora nel palinsesto si vogliano affrontare tematiche così delicate, per giunta davanti a dei minori, venga quantomeno dato spazio anche ad idee diverse e ai genitori". Riporta a tal proposito l'articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo che non la tv di Stato, bensì “i genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di educazione da impartire ai loro figli". Gandolfini allarga lo sguardo "a tutta l'offerta televisiva del Servizio Pubblico" affinché - ha affermato - venga fermato "il solito cavallo di Troia per introdurre un'ideologia" attraverso il tubo catodico.


Pillon: "Chiediamo un'audizione al direttore di Raitre"

L'attenzione, quindi, non è rivolta solo verso una sola trasmissione. Nel suo intervento, il senatore Pillon ha spiegato che non solo Alla lavagna, ma anche La Tv delle ragazze - Gli stati Generali 1988-2018' resta sotto i riflettori per l'intervento dell'attrice Angela Finocchiaro che, rivolgendosi a una platea di bambine, ha dichiarato che "Gli uomini sono tutti pezzi di m...." e alla domanda da parte di una bambina se lo fosse anche il suo papà, ha risposto: "Soprattutto il tuo papà". Le informazioni ricevute dal Servizio Pubblico dopo l'interrogazione partita dal senatore leghista è stata da lui ritenuta "del tutto insufficiente". Egli chiede allora "un'audizione al direttore di Raitre", per chiedere "il motivo per cui le ragazzine dovrebbero sentire insulti al loro papà e perché dovrebbe venire promosso davanti a dei minorenni il concetto dell'indifferentismo sessuale". Nella Sala Nassiriya del Senato c'è comunque un clima di fiducia perché - riflette Pillon ricordando il sostegno del presidente statunitense Donald Trump alla Marcia per la Vita di Washington - "siamo a una svolta epocale della storia" per cui "il buonsenso si sta affermando".


Massimo Gandolfini e Simone Pillon in Senato

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SICILIA

Palermo, ventenne ucciso a coltellate

Tragedia all'uscita dalla discoteca a Terrasini, in provincia di Palermo, dove un giovane di venti anni è...
Iraniani a Teheran indossano la mascherina - Foto © AFP
EMERGENZA GLOBALE

Coronavirus, la paura da Pechino al Medio Oriente

Aumentano i casi di contagio globale. In Iran isolata la città santa di Qom
Clochard
MORIRE DI FREDDO

Il gelo dell'indifferenza uccide i più fragili

In preghiera a Genova per i clochard. 51 mila a rischio in Italia
ALLARME SANITARIO

"I social contagiano la psiche"

Appello degli psicologi contro la "diffusione digitale del virus del terrore"
Coronavirus
L'EPIDEMIA

Coronavirus, aumentano i casi nel Nord Italia

A Crema registrata la terza vittima, stop a scuole e musei in tutto il Settentrione. Milano chiude il Duomo, Venezia il...
Preghiera
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, a Padova scuola di preghiera da casa su YouTube

Alla Basilica di Assisi si è pregato oggi per la fine dell'epidemia
Sala parto
NASCITE

Troppo bisturi in sala parto. All'Italia il record Ue

Negli ultimi 15 anni è raddoppiato il numero dei bambini nati con parto cesareo (1 su 5 nel mondo, 1 su 4 in Italia)
Macerie nella provincia di Van, in Turchia
IL SISMA

Terremoto di 5.7 fra Iran e Turchia

Epicentro in territorio iraniano ma 7 vittime segnalate nella provincia turca di Van, numerosi gli edifici crollati
Xi Jinping
CORONAVIRUS

Xi: "La nostra emergenza sanitaria più grave dal '49"

Le vittime in Cina sono 2.442, allerta massima anche in Giappone e Corea del Sud. In quarantena i migranti sbarcati a Pozzallo
Papa Francesco incontra i fedeli - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Papa Francesco a Bari: scegliere l’estremismo della carità

L'omelia del Santo Padre alla messa in Corso Vittorio: "Gesù, col suo amore senza limiti, alza l’asticella...
Papa Francesco a Bari - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Il Papa: "La guerra è il fallimento di ogni progetto umano e divino"

Il Santo Padre al convegno "Mediterraneo frontiera di pace": "Non ci sono vie alternative al dialogo"
Mediterraneo frontiera di pace
CHIESA IN USCITA

Nel Mediterraneo come promotori di pace

Chiusi i lavori del meeting dei vescovi mediterranei a Bari. Bassetti: "Le Chiese non siano più rivali"
Raccolta differenziata
LA GREEN ECONOMY DEI PICCOLI

"Noi bambini ricicliamo più degli adulti"

Letizia, 11 anni: "Ho chiesto ai miei genitori di parlarmi di Greta. E a casa faccio la raccolta differenziata"

Chi riduce il cristianesimo a una regoletta

"Vogliamo pregare anche per quelli che hanno colpito il mio papà perché, senza nulla togliere...

Chi ci perde se nasce un bambino in più?

Sul fronte della difesa della vita “dal concepimento alla morte naturale” le buone notizie sono una...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, Conte: "Il decreto legge è per tutelare la salute degli italiani"

Nel provvedimento misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica