SABATO 12 GENNAIO 2019, 17:53, IN TERRIS


VIETNAM

Oltre 6 milioni di disabili sopra i 2 anni

Lo studio condotto dall’Ufficio di Statistica generale con l'Unicef

MILENA CASTIGLI
Disabili vietnamiti
Disabili vietnamiti
S

ono oltre 6 milioni i vietnamiti disabili di età superiore ai due anni e rappresentano il 2% della popolazione totale. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Ufficio di Statistica generale - la prima a livello nazionale che utilizzi metodi analitici - con l’assistenza tecnica del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef) e di altri organismi internazionali, come il Washington Group on Disability Statistics. Secondo l'indagine, che prende in considerazione il biennio 2016-2017 - il 13% della popolazione vietnamita, ovvero quasi 12 milioni di persone, vive in nuclei familiari con membri disabili. Nel contesto di una popolazione che invecchia, si prevede un aumento del loro numero. Solo il 2,3% dei disabili ha accesso ai servizi di riabilitazione, in caso di malattia o infortunio.


Scuola e disabilità

I tassi di frequenza scolastica per i bambini con disabilità, in particolare ai livelli più alti di istruzione, sono inferiori a quelli dei bambini cosiddetti normodotati. Al livello secondario, meno di un terzo dei disabili è inserito nella regolare classe di età scolastica; la proporzione è di due terzi per gli altri studenti. Solo il 2% delle scuole primarie e secondarie del Paese è progettato per soddisfare le esigenze degli alunni con disabilità; solo un settimo dispone di un insegnante formato ad assisterli nell’apprendimento.

Come evidenzia Asia News, la Chiesa cattolica vietnamita è fortemente impegnata nell’assistenza dei disabili, adulti e bambini, e dedica loro diverse iniziative in ogni diocesi e parrocchia del Paese. Tra le organizzazioni cattoliche più attive vi è la Catholic Relief Services (Crs). I suoi programmi aiutano più di 6.500 bambini con disabilità ad accedere ai servizi educativi e sanitari. Crs e partner locali hanno fornito assistenza diretta a 300 sopravvissuti alle esplosioni di mine antiuomo e sta varando iniziative per fornire cure mediche, riabilitazione, servizi di supporto sociale e sostentamento ad altri 5.700 superstiti.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Film La mia seconda volta
CINEMA

“La mia seconda volta”: un film... stupefacente

Una pellicola per sensibilizzare i giovani contro l’uso delle droghe: parla Federica Picchi, della casa di distribuzione
Imane Fadil
GIALLO IMANE FADIL

La Procura: "Cadmio e animonio nel sangue"

Il pm Francesco Greco: "Valori di cromo e molibdeno molto superiori alla norma". Ascolato il direttore...
MOZAMBICO

Ciclone Idai: le vittime potrebbero essere più di mille

Alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe
Lorenzo Orsetti
SIRIA

Annuncio di Daesh: "Ucciso un crociato italiano"

Si tratterebbe del fiorentino Lorenzo Orsetti, volontario fra le forze curde. Pubblicata una foto e un documento
Mohammed bin Salman
ARABIA SAUDITA

Bin Salman creò un team contro i dissidenti?

Il Nyt: "Squadra formata un anno prima dell'omicidio di Jamal Khashoggi"
INDONESIA

Le alluvioni devastano Papua: almeno 80 morti

Combinazione di acquazzoni, frane e anche scosse sismiche