MARTEDÌ 05 NOVEMBRE 2019, 08:05, IN TERRIS

UNICEF

Oltre 28.000 bimbi stranieri bloccati nei campi in Siria

"I governi nazionali hanno la responsabilità di riportarli a casa, nel loro Paese"

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Famiglie siriane in fuga
Famiglie siriane in fuga
"A

causa del recente inasprimento del conflitto in Siria nordorientale è nuovamente necessario per i governi far ritornare a casa con urgenza i bambini stranieri che si trovano bloccati nell’area prima che sia troppo tardi. I governi nazionali hanno la responsabilità e l’opportunità di fare adesso la cosa giusta e riportare questi bambini e i loro genitori a casa, dove possono ricevere cure adeguate ed essere al sicuro da violenze e abusi”. Lo ha detto oggi Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef fornendo cifre drammatiche: “Quasi 28.000 bambini da oltre 60 Paesi diversi, fra cui circa 20.000 dall’Iraq, sono rimasti bloccati nel nordest, la maggior parte in campi per sfollati; oltre l’80% di questi bambini hanno meno di 12 anni e il 50% meno di 5; almeno 250 ragazzi, alcuni anche di 9 anni, sono trattenuti in detenzione, ma i numeri attuali probabilmente sono molto più alti”.


I muri della guerra

“Tutti loro stanno vivendo in condizioni non adatte per i bambini. La domanda principale che pongono al mondo è: cosa ne sarà di noi? Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cure e protezione adeguate”, sottolinea Fore. Almeno 17 Paesi hanno già fatto ritornare oltre 650 bambini, la maggior parte sta vivendo con membri della propria famiglia. I bambini sono al sicuro, frequentano la scuola e si stanno riprendendo dalle loro esperienze di guerra. L’Unicef ha supportato alcuni di questi ragazzi ritornati nei loro Paesi, anche aiutandoli a reintegrarsi nelle loro famiglie estese e comunità. L’organizzazione delle Nazioni Unite è però “profondamente preoccupata per la sicurezza e il benessere di questi bambini e di decine di migliaia di bambini siriani che combattono per sopravvivere in condizioni sempre più critiche nei campi e nei centri di detenzione nell’area. Fra questi, i 40.000 bambini che sono stati recentemente sfollati dalla Siria nordorientale. Alcuni sono stati separati dalle loro famiglie, feriti, o sono diventati disabili a causa delle violenze. Tutti loro sono gravemente vulnerabili e hanno bisogno di protezione urgente da ulteriori pericoli”. “I bambini, sia nel nordest o che in qualsiasi altro luogo in Siria, non devono essere abbandonati, mentre le mura della guerra si chiudono intorno a loro”, conclude Fore.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
I segni di tortura sulla schiena di uno dei minori salvati - Foto © Melquiadez Vásquez per Panamá América
PANAMA

Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

La scoperta shock del 'rituale satanico': i sopravvissuti legati e percossi fino alla morte
Ali Khamenei
IRAN

Khamenei guida la preghiera, folla a Teheran

L'ayatollah torna dopo otto anni a parlare durante la preghiera del venerdì: "Nucleare? Il dialogo con...
Pizza margherita
CIBO

Oggi è la giornata mondiale delle pizza

Si sfornano otto milioni di pizze al giorno per un fatturato annuale di 15 miliardi di euro
GERUSALEMME

Tensione sulla Spianata delle Moschee

I fedeli islamici hanno protestato in "difesa della moschea di al-Aqsa"
Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov
MOSCA

Lavrov: "Non è l'Italia ad aver fatto errori nella crisi libica"

Il ministro degli Esteri russo incontrerà di Maio a Berlino il prossimo 19 gennaio
Il luogo dell'incidente
REGGIO EMILIA

Operaio cade in una cisterna e muore

L'incidente è accaduto ieri notte presso la Cantina sociale di Massenzatico
Il taser
ARMI

Il taser entra nelle dotazioni delle forze dell'ordine

Oggi l'ok dal Consiglio dei ministri. Sarà utilizzato da polizia, carabinieri e guardia di finanza
Mons. Marcelo Sánchez Sorondo
INDAGINE CONOSCITIVA IN SENATO

"Contro la prostituzione l'Italia adotti il modello nordico"

Lo ha affermato mons. Sorondo, cancelliere della Pontificia Accademia delle scienze (Pas)