GIOVEDÌ 10 OTTOBRE 2019, 08:52, IN TERRIS

Oggi è la Giornata mondiale contro la pena di morte

Il focus di quest'anno è sui diritti dei bambini i cui genitori sono stati giustiziati

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Sit-in contro la pena di morte
Sit-in contro la pena di morte
O

ggi si celebra in tutto il mondo la XVII Giornata mondiale contro la pena di morte, per ricordare come questa pratica inumana continui a far parte dell’ordinamento di molti paesi. La diciassettesima Giornata mondiale contro la pena di morte che si celebra ogni 10 ottobre, ha il suo focus quest'anno sui diritti dei bambini i cui genitori sono stati condannati a morte o giustiziati. "Spesso dimenticati, i figli di genitori condannati a morte o giustiziati portano un pesante carico emotivo e psicologico che può comportare una vera e propria violazione dei loro diritti". Lo denuncia Acat italia (Azione dei Cristiani contro la Tortura). "L'evento traumatico - si legge nella nota - può registrarsi in qualsiasi fase del percorso penale del genitore: arresto, processo, condanna, permanenze nel braccio della morte, data di esecuzione, esecuzione stessa e conseguenze successive. I cicli ripetuti di speranza e delusione che possono accompagnare tutte queste fasi possono avere un impatto a lungo termine, a volte anche nell'età adulta. La stigmatizzazione da parte della comunità in cui vive e la perdita di un genitore per mano dello stato, rafforzano la profonda instabilità nella vita quotidiana del bambino". Come Acat Italia, “invitiamo tutti a riflettere su queste tragedie private che hanno ripercussioni pesanti sulla vita di bambini e bambine e chiediamo all’Italia di continuare a portare avanti, come fatto finora, la battaglia per l’abolizionismo nel mondo insieme agli altri stati membri della Ue".


La pena di morte in cifre

Secondo l’ultimo rapporto globale di Amnesty International sulla pena di morte, nel 2018 si è toccato il livello più basso di esecuzioni dell’ultimo decennio, con una diminuzione complessiva del 31 per cento. Il numero delle esecuzioni rilevate da Amnesty International a livello globale è calato da 993 nel 2017 ad almeno 690 nel 2018, ovvero una diminuzione di quasi un terzo rispetto all’anno precedente. Emblematico il caso dell’Iran, dove dopo la modifica alla legislazione contro la droga, le esecuzioni sono diminuite del 50 per cento. Anche se il numero resta elevato, visto che si parla di almeno 253 esecuzioni, un terzo delle esecuzioni mondiali. A seguire la tendenza del calo ci sono poi paesi come Pakistan e Somalia. Un dato di per sé incoraggiante, ma che nasconde zone d’ombra piuttosto rilevanti. A partire dalla Cina, dove il numero delle esecuzioni continua a essere un segreto di Stato: un silenzio che porta gli esperti a pensare che si potrebbe essere nell’ordine di migliaia di pene, tra quelle comminate e quelle eseguite.

Ecco dei numero che fanno riflettere sulla pena di morte nel mondo:

• 106 paesi hanno abolito la pena di morte per tutti i crimini

• 8 paesi hanno abolito la pena di morte per reati ordinari

• 28 paesi sono abolizionisti di fatto

• 56 paesi mantengono la pena di morte

• 20 paesi hanno eseguito condanne a morte nel 2018

• Nel 2018, i primi 10 paesi boia sono stati: Cina, Iran, Arabia Saudita, Vietnam, Iraq, Egitto, Stati Uniti, Giappone, Pakistan e Singapore. Per maggiori info e per consultare il materiale informativo vai alla pagina della World coalition against the death penalty. E' possibile seguire la campagna suisocial media quali Facebook , Instagram e Twitter: #nodeathpenalty 

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sergio Mattarella a Palazzo Marino con il sindaco di Milano, Beppe Sala
L'ANNIVERSARIO

Piazza Fontana, Mattarella: "Uno strappo lacerante"

Milano ricorda la strage del 1969. Il Capo dello Stato incontra le vedove Pinelli e Calabresi: "Attività depistatoria...
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi
Pastore con le greggi
UNESCO

La Transumanza è Patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Bellanova: "Siamo fieri di questo riconoscimento per la tradizione rurale italiana"
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Marta Cartabia

Buone notizie

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione...
Il Banco dell'Agricoltura dopo l'esplosone

Piazza Fontana, una strage senza giustizia

Diciassette morti, uccisi dalla bomba piazzata al Banco dell'Agricoltura. Cinquant'anni dopo, un buco nella coscienza...

Il profitto ad ogni costo

In una barzelletta si racconta un processo per disastro edilizio per il quale vengono convocati in tribunale il...

Il Presepe violato

Di fronte all’escalation di profanazioni e strumentalizzazioni sacrileghe della fede, viene da chiedersi se in...
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
EMERGENZA STRESS

9 adulti su 10 a rischio burnout in ufficio

Affaticamento mentale in aumento. Migliora l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità