MARTEDÌ 30 AGOSTO 2016, 002:35, IN TERRIS

NIGERIA, LAICITA' A RISCHIO: BRUCIATE 8 PERSONE ACCUSATE DI BLASFEMIA

Immediata la reazione delle Chiese cristiane della Nigeria

DANIELE VICE
NIGERIA, LAICITA' A RISCHIO: BRUCIATE 8 PERSONE ACCUSATE DI BLASFEMIA
NIGERIA, LAICITA' A RISCHIO: BRUCIATE 8 PERSONE ACCUSATE DI BLASFEMIA
Orrore in Nigeria, dove 8 persone sono state bruciate vive nella città di Zamfara, parte settentrionale del Paese, da un gruppo di estremisti musulmani impegnati nell'inseguimento di un ragagazzo accusato di blasfemia. Il giovane era stato accolto in una casa dopo essere stato pesantemente malmenato: gli assalitori, una volta scoperto che lo studente di era rifugiato nella abitazione, hanno dato fuoco all'edificio uccidendo tutte le persone al suo interno.

Immediata la reazione delle Chiese cristiane della Nigeria: "il primato del diritto non può essere rispettato in un Paese in cui regna un dualismo giuridico che apre la strada alle persecuzioni dei cristiani -ha dichiarato il presidente della Commissione giovanile dell’Associazione cristiana della Nigeria -. Mentre il governo si felicita per i recenti successi nella lotta contro i terroristi di Boko Haram, è triste constatare che le forze di sicurezza sono incapaci di perseguire e arrestare chi attacca i cristiani".

Il Forum degli anziani cristiani della Nigeria, che in passato aveva più volte denunciato la progressiva islamizzazione del Paese, ha respinto con forza le recenti dichiarazioni del sultano di Sokoto, Sa'ad Abubakar - una delle più alte autorità dell’islam sunnita del Paese - il quale aveva ribadito che la Nigeria non è una nazione laica, ma un'entità mutireligiosa. In realtà, hanno precisato dal Forum, la Costituzione stabilisce chiaramente che nessuna religione può essere imposta come religione di Stato e che le dichiarazioni del sultano potrebbero celare un significato diverso da quello che sembra, suggerendo che la Nigeria sia composta da due religioni di base, l’islam e il cristianesimo, "finché quella musulmana non diventerà de facto e de iure la religione ufficiale della Nigeria".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018