MERCOLEDÌ 31 MAGGIO 2017, 16:13, IN TERRIS

Migranti, l'allarme dell'Unicef: "Sempre più minori irreperibili in Italia"

Evidente la crescita negli ultimi anni: si è passati dai 1.754 del 2012 ai 6.508 di fine novembre 2016. I dati sono stati resi noti dal rapporto Unicef "Sperduti"

REDAZIONE
Migranti, l'allarme dell'Unicef:
Migranti, l'allarme dell'Unicef: "Sempre più minori irreperibili in Italia"
Si chiama "Sperduti" il rapporto frutto della collaborazione tra l'Unicef e Cnr-Inps (Istituto di ricerche sulla popolazione e politiche sociali) che vuole accendere un riflettore sul forte aumento, in Italia, dei minori stranieri non accompagnati irreperibili.

I dati


Si è passati dai 1.754 del 2012 ai 6.508 di fine novembre 2016. In termini percentuali, gli irreperibili hanno raggiunto la massima incidenza nel 2015 - erano il 34% del totale dei minori non accompagnati - e nel 2016 si sono attestati al 27,4%. Il 79% proviene da Egitto (1.513), Eritrea (1.326), Somalia (1.242), Afghanistan (639), Nigeria (225) e Gambia (195). La loro fuga, solitamente, coincide anche con la precisa intenzione di proseguire il viaggio verso altri Paesi europei.

I minori sbarcati in Italia


Secondo i dati forniti dall'Unhcr, su un totale di 181.436 persone sbarcate in Italia nel 2016, i minorenni sono 28.223. Di questi, 25.846, il 92%, non sono accompagnati. Erano 12.630 nel 2015; il 75% del totale. A ottobre 2016 gli under 18 non accompagnati che hanno presentato domanda d'asilo sono 4.168, il 48,3% dei minorenni (accompagnati e non). A novembre 2016 i non accompagnati e non richiedenti asilo presenti nelle strutture di accoglienza erano 17.245; 6.508 invece gli irreperibili. Nelle strutture ci sono soprattutto maschi (93%), anche se le femmine sono in aumento: dal 5-6% degli anni passati ora si raggiunge il 6,9%. L'82% ha 16 o 17 anni e proviene per lo più da Egitto (2.801), Gambia (2.252), Albania (1.573), Nigeria (1.456), Eritrea (1.314).

In aumento i minori in carico ai servizi sociali


Tra il 2011 e il 2015, sono aumentati i ragazzi in carico agli Uffici del servizio sociale per i minorenni, che prendono in carico il minorenne entrato nel circuito penale, sebbene incidano per l'1,6-1,7% sul totale dei minorenni e per il 6-8% sulla sola componente straniera. In generale, questi ragazzi provengono da famiglie di ceto medio, che per sottrarsi al processo di impoverimento e di disgregazione familiare, investono sull'emigrazione di un membro.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma