SABATO 27 MAGGIO 2017, 15:53, IN TERRIS

Migranti, i tragici dati dell'Oim sui morti in mare: oltre 1500 dall'inizio del 2017

La rotta mediterranea ha mietuto un vertiginoso numero di vittime, a fronte di un tasso migratorio di 60.521 profughi approdati in Europa

REDAZIONE
Migranti, i tragici dati dell'Oim sui morti in mare: oltre 1500 dall'inizio del 2017
Migranti, i tragici dati dell'Oim sui morti in mare: oltre 1500 dall'inizio del 2017
Numeri impietosi quelli diffusi dall'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), accresciuti dall'ultimo disastroso naufragio al largo delle coste libiche, costato la vita a 34 persone nonostante le condizioni di mare calmo che avevano accompagnato la partenza della stracarica imbarcazione. Stando ai dati forniti dall'organizzazione, sarebbero oltre 1500 i migranti morti nel tratto del Mediterraneo che separa la costa nordafricana da quella italiana: il conteggio è iniziato dal primo gennaio del 2017 e arrestato proprio al 24 maggio, data dell'ultimo naufragio. Un numero particolarmente grave, in quanto sensibilmente più elevato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno anche nel dato complessivo delle migrazioni: dall'inizio dell'anno sono infatti stati 60.521 i profughi salpati dalle coste del Continente africano e approdati in Europa.

Migranti in Italia


Per quanto riguarda il nostro Paese, l'Oim mette a referto dati altrettanto pesanti: l'80% delle persone fuggite dai propri Stati di origine è attraccato sulle coste italiane, 50.039 in tutto, contro i 34.236 del 2016. Un incremento piuttosto corposo, considerando che le percentuali del tasso migratorio si attestano sul 46,16% in più dello scorso anno. Come precisato dall'organizzazione, inoltre, è allo stesso modo aumentato il numero dei decessi: i numeri Oim parlano di 1.530 morti dall'inizio del 2017, la stragrande maggioranza dei quali (ben 1.442) deceduti sulla rotta del Mar Mediterraneo centrale, dal Nord Africa all'Italia.

Tragedie quotidiane


Numeri che, inequivocabilmente, testimoniano quanto le crisi umanitarie di tanti Paesi al di là del mare continuino a mietere vittime. Le stesse persone che, vedendosi costrette a lasciare le proprie terre d'origine, sono costrette ad affrontare viaggi rischiosi ed estenuanti, alla mercé di "traghettatori" senza scrupoli, privi di qualsivoglia certezza di riuscire ad attraversare il pur breve tratto di mare. Dati che, allo stesso modo, vanno ad affiancarsi alla recente polemica sul ruolo delle ong e sui presunti contatti di alcune di queste con gli scafisti delle coste africane, palesando un quadro di tragedia generale che continua ad accrescere le sue tinte, a scapito di un numero sempre più corposo di vite umane.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano