VENERDÌ 09 NOVEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS

La trappola delle sette

Alla Lumsa di Roma un convegno sul fenomeno, per imparare a combatterlo

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Oggetti appartenuti a una setta
Oggetti appartenuti a una setta
"F

are del male agli altri mi faceva sentire importante, accettato. Per la prima volta nella mia vita non mi sentivo solo. Solo oggi mi rendo conto di quanto, invece, lo fossi e di quanto dolore ho causato". Andrea (il nome è di fantasia) descrive così la lunga discesa all'inferno che lo ha portato, per anni, a essere membro attivo di una setta satanica. Un'infanzia difficile la sua. Lutti, complessi rapporti familiari. Quella rabbia covata nel profondo, la voglia di rinnegare tutto. Vuoti nell'anima che si era illuso di colmare dando confidenza a quel gruppo di ragazzi che sembravano interessati a lui, alle sue capacità. Era il prodromo di un abisso da cui oggi sta faticosamente risalendo. 


In trappola

Di vicende come la sua, in Italia, se ne trovano più di quanto è possibile immaginare. Migliaia di persone ghermite, manipolate, sfruttate. Eppure quello delle sette, sataniche e non, è un fenomeno di cui si parla troppo poco sui mezzi di comunicazione. Per l'estrema delicatezza della materia, per il clima di colpevole omertà costruito attorno vittime, ma anche per la paura. Di parlare, raccontare, senza temere per la propria vita o sentirsi assaliti da un profondo, asfissiante, sentimento di vergogna


Il fenomeno

I dati, però, parlano da soli: secondo don Aldo Buonaiuto - sacerdote esorcista e responsabile del servizio antisette dell'Apg23 - al numero verde (800-228866) voluto da don Oreste Benzi per offrire un aiuto concreto alle vittime possono arrivare sino a "15 chiamate al giorno, oltre 5 mila l'anno". Ma cosa sono e come funzionano queste organizzazioni? Per setta si intende, in generale, un gruppo criminale che sia autore di condotte abusanti nei confronti di altre persone, in particolare attraverso la commissione di reati. Il minimo comune denominatore fra realtà (per scopo e ispirazione) spesso diversissime tra loro è rappresentato dalla manipolazione e il condizionamento mentale, che porta l'adepto a una condizione di alienazione. Ciò avviene, solitamente, attraverso un percorso di allontanamento dai rapporti familiari, sostituiti dalle relazioni esistenti all'interno della comunità. Un processo di indottrinamento, associato talvolta alla presenza di simbologie magiche o pseudo-religiose, serve a consolidare il legame e a eliminare ogni possibile resistenza. Centrale è, poi, la figura del leader, che instaura con le vittime un canale privilegiato di comunicazione. Altro elemento comune è la situazione di isolamento in cui verrà a trovarsi l'adepto, convinto che il senso di appartenza al gruppo vada a soddisfare il suo bisogno di ascolto. C'è poi il controllo mentale, esercitato attraverso un attento monitoraggio dello stile di vita, del pensiero, dei rapporti interpersonali e dei canali di comunicazione. Durante il processo di inserimento, la vittima, perde poi coscienza delle violazioni commesse nei suoi confronti. Il percorso di recupero, per chi ne esce, è lungo e tortuoso: difficile superare il trauma, mentre il rischio di una ricaduta è sempre dietro l'angolo. 


L'evento

Per informare l'opinione pubblica sul fenomeno oggi, presso l'Aula Giubileo dell'Università Lumsa di Roma andrà in scena il convegno "La trappola delle sette", organizzato dall'Associazione Comunità “Papa Giovanni XXIII”, in collaborazione con Polizia di Stato, Lumsa e Consorzio Universitario Humanitas. Dopo i saluti istituzionali - affidati al Magnifico Rettore dell’Università Lumsa, Francesco Bonini, al Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, card. Angelo Becciu, al Responsabile generale dell’Associazione Comunità “Giovanni XXIII”, Giovanni Paolo Ramonda, e al Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro, Otello Lupacchini - si sta svolgendo il dibattito, moderato dal giornalista Rai Piergiorgio Giacovazzo. Vi prendono parte il responsabile della squadra antisette della Polizia di Stato, Francesca Capaldo, la professoressa ordinaria di Psicologia presso l’Università La Sapienza di Roma Anna Maria Giannini e don Buonaiuto. Le strategie di contrasto adottate saranno, invece, illustrate da Vittorio Rizzi, direttore della Centrale anticrimine della polizia. Non mancheranno le testimonianze di vittime. L'evento sarà chiuso dall'intervento del ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Obiettivo sarà sensibilizzare sul tema per incrementare segnalazioni e denunce. "Su questi abusi c'è ancora troppa omertà - spiega amaro don Buonaiuto - chi sa deve parlare". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...
 Alexei Navalny
RUSSIA

Mosca: rilasciato il dissidente Alexei Navalny

Era stato arrestato sotto casa lo scorso 24 luglio
Il viadotto crollato
ANCONA

Crollo cavalcavia A14: Procura, 22 a processo

Richiesta per 18 persone e 4 società; l'udienza preliminare si terrà il 9 dicembre
Sacedote esorcista
MEETING RIMINI

Esorcisti: “Esistenza reale del diavolo è verità di fede”

"La Chiesa mette in guardia da coloro che lo ritengono solo un simbolo"