MARTEDÌ 13 AGOSTO 2019, 003:24, IN TERRIS

LA VISITA

La lotta di Vittoria contro l'omertà

Matteo Salvini dai familiari di Simone e Alessio, uccisi da un suv. Il prefetto Dispenza a In Terris: "Serva a smuovere le coscienze"

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un momento della visita
Un momento della visita
C'

è bisogno di ricordare a Vittoria. A un mese dalla folle corsa del suv che spezzò la vita dei piccoli Alessio e Simone, la città si trova ancora a soffrire per una ferita dolorosa, in attesa di giustizia e aspettando che le coscienze di ognuno possano interpretare questa tragedia come un punto di rottura con un passato che, finora, ha fatto i conti con una criminalità fin troppo palpabile, quasi parte della quotidianità. C'è bisogno di una Vittoria che combatta e che, soprattutto, riceva un forte sostegno da quelle istituzioni che, nel profondo sud della Sicilia, troppe volte sono apparse estremamente lontane. Nonostante un gruppo di contestatori presenti anche nella cittadina in provincia di Ragusa, la visita del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, va necessariamente letta con una lente diversa rispetto a quella attraverso la quale si analizza l'attuale situazione politica del nostro Paese: per qualche ora, quelle impiegate dal vicepremier per visitare, in un incontro sentito e commosso, i familiari di Alessio e Simone, le bandiere politiche sono state dimenticate per lasciar posto a un cordoglio dovuto, affiancato dalla promessa che, anche a Vittoria, lo Stato è presente.


Una visita fondamentale

"Una visita importante" quella del ministro, come raccontato a In Terris dal prefetto Filippo Dispenza, Commissario straordinario alla guida di un comune i cui precedenti organi elettivi erano stati sciolti per mafia, perché "avvenuta in una realtà difficile e costretta a combattere con la piaga dell'omertà, peraltro in quella che è la fase più delicata del commissariamento". Il prefetto, che ha personalmente accompagnato il ministro dai genitori dei due bambini uccisi dal fuoristrada di Rosario Greco, ha spiegato come questo momento non vada contestualizzato nell'agone politico ma che, allo stesso tempo, la visita, a livello istituzionale, "è stata importantissima non solo simbolicamente ma anche sostanzialmente". Ce n'era bisogno, in "una realtà malata", in cui "il comune deve smettere di essere ostaggio della criminalità" e, soprattutto, "deve creare uno stato di ribellione permanente". Vittoria ha bisogno di reagire, di mostrare il lato migliore di sé di fronte a una tragedia che, come affermato dal Commissario, "deve smuovere le coscienze a ribellarsi all'omertà, all'arroganza criminale, ad aiutare le tantissime persone per bene che vivono a Vittoria, dove non ci sono solo criminali. Questi concetti il ministro li ha ribaditi e questo mi ha fatto molto piacere".


La nuova generazione

Memoria e azione. Due termini che, per funzionare, hanno bisogno di andare di pari passo: ricordare, per essere consapevoli di cosa si sta combattendo; agire, perché la criminalità si sconfigge con l'aiuto di tutta una comunità, accantonando la paura e quel sentimento di omertà da cui i dispensatori di terrore e violenza traggono linfa vitale: "Io credo che sia anche un fatto culturale anche se, chiaramente, non in tutti gli strati sociali: l'omertà è il quotidiano ma non solo in Sicilia. E' un fattore comune ma si può combattere: con le istituzioni, certo, ma anche e soprattutto nelle scuole, con l'educazione, con l'esempio, con i modelli positivi, istituzionali come familiari e culturali". Ed è dalle nuove generazioni che Vittoria intende ripartire, lavorando sugli uomini e le donne del futuro affinché gli sbagli commessi restino null'altro che un monito: "La chiesa sta cercando di darci una mano. Io sono stato in tutte le scuole di Vittoria, e lì ho scoperto che c'è una nuova generazione di ragazzi che hanno idee straordinarie per il riscatto della propria terra, della propria città, per liberarla da questa fama che la vuole stretta nella morsa della criminalità. Abbiamo realizzato dei progetti molto importanti sull'etica della responsabilità: questo vuol dire che c'è un substrato positivo su cui lavorare". Lo stesso dal quale ripartirà la città con il suo nuovo volto, modellato secondo la logica della legalità.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IL PUNTO POLITICO

Dalla riforma del Mes al nodo Ex Ilva

Ieri consiglio dei ministri, oggi vertice governo-A.Mittel
Il Naviglio di via Alzaia a Milano
IL DRAMMA

Milano, due fidanzati morti nell'incendio di un sottotetto

La tragedia ai Navigli. All'origine del rogo, forse un cortocircuito
Opere pubbliche

"È ora di... finiamola"

Molti cittadini si chiedono cosa sia accaduto di così importante al nostro Paese per trovarsi di fronte a mille...
Veronica Panarello
LA SENTENZA

Omicidio Loris, confermati 30 anni a Veronica Panarello

La Cassazione ha ritenuto valide le motivazioni del processo di Appello. Il bimbo fu ucciso il 29 novembre 2014
Rousseau
IL VOTO

Regionali, via libera da Rousseau: il M5s ci sarà

Vince il "no" fra gli iscritti. Niente pausa: il Movimento correrà sia in Calabria ed Emilia-Romagna
Uno dei box di Fondazione Ania presso il Teatro Massimo di Palermo
PREVENZIONE

Da Torino a Roma, visite gratis in piazza

Controlli medici gratuiti per diffondere i corretti stili di vita
La Corte di Cassazione
ROMA

Cassazione: ok a referendum su legge elettorale

Adesso la parola passa alla Consulta che dovrà prendere una decisione entro il 21 gennaio 2020
treno merci
PISA

Ragazzo travolto da un treno

Sull'episodio indaga la Polfer di Pisa, insieme alla polizia scientifica
LOMBARDIA

Violenta la moglie con amici

Un 40enne organizza uno stupro di gruppo ai danni della donna; i due si stavano separando.
Open Arms
MEDITERRANEO

Migranti, 73 persone salvate da Open Arms

A bordo della nave ong anche 24 minori non accompagnati. Altri 125 imbarcati su Ocean Viking
CAMPANIA

Donna si incatena davanti Tribunale: arrestate mio figlio

Il giovane tossicodipendente e pregiudicato è stato arrestato dopo che stava tentando di far saltare in aria la casa della...
L'ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e la nuova ministra al Viminale, Luciana Lamorgese - Foto © Vantiy Fair
MIGRANTI

Multe più basse alle Ong e protezione umanitaria: Lamorgese cambia il dl sicurezza

La ministra dell'Interno annuncia: "Pronto entro Natale"