VENERDÌ 26 GENNAIO 2018, 10:37, IN TERRIS


ITALIA

L'urlo delle femministe: "No all'utero in affitto"

Si chiede ai candidati alle elezioni un impegno contro questa "offesa della dignità delle donne"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bandiera di
Bandiera di "Se non ora quando"
L'

utero in affitto è una pratica che "offende in modo intollerabile la dignità della donne e mina nel profondo le relazioni umane". Così ha sottolineato la Corte costituzionale in una sentenza del 18 dicembre scorso e così ribadiscono oggi alcuni gruppi di femministe in un appello rivolto ai candidati alle elezioni politiche del 4 marzo.

Ad aderire a questa campagna sono le associazioni "Se non ora quando - Libere", "Arcilesbica", "Rue-Rete contro l'utero in affitto", alcune sezioni territoriali dell'Unione donne italiane e dell'Arcidonna, esponenti della cultura come Susanna Tamaro, Lorella Zanardo e Marina Terragni. La richiesta che fanno ai politici è di prendere posizione in modo esplicito contro questa pratica e contro chi aggira il divieto della legge 40 andando ad affittare un utero all'estero e tornare in Italia con il bambino. Del resto, sottolineano le femministe, il corpo delle donne "non può essere fatto oggetto di scambio".

Verrà dunque sottoposto un appello da firmare ai dirigenti di partito in cui sarà richiesto di "impegnarsi a rispettare il divieto" di maternità surrogata che vige in Italia, di "assumere misure per impedirne l’aggiramento" semplicemente andando all’estero e infine "agire a livello internazionale perché la gravidanza per altri venga progressivamente abolita".

In attesa di sapere chi tra i candidati sottoscriverà l'appello, intanto è possibile a chiunque aderire alla petizione firmando sulla piattaforma Change.org. "Nella prossima campagna elettorale noi saremo impegnate - si legge nel documento - a valutare la coerenza dei programmi e delle candidature. Faremo campagna invitando a non votare candidati o candidate che manifesteranno posizioni contrarie al mantenimento del divieto (alla maternità surrogata, ndr)".

La campagna dei gruppi femministi ha evidentemente colto nel segno, visto che la senatrice Monica Cirinnà (Pd), prima firmataria della legge sulle unioni civili, ha risposto loro su Twitter: "Orgogliosa di non rappresentarvi e di non essere votata da voi!".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua
MIGRANTI

Barca capovolta davanti la Libia, forse 100 vittime

La segnalazione è stata lanciata da Alarm Phone
Via del Colosseo a Roma
CENTRO STORICO

Affittopoli, la fake dei rincari: casa al Colosseo a 133 euro

Castiglione: "Vogliamo restituire queste risorse alla comunità"
ESECUTIVO IN CRISI

Governo, il giorno della verità

L'intervento di Conte e le mosse politiche
Proteste a Hong Kong
WEB

Hong Kong, rimossi account fake contro la protesta

Twitter e Facebook bannano gruppi e pagine che sarebbero stati creati dalla Cina per screditare i manifestanti
Euro

Polvere negli occhi

Ogni volta che sento parlare di tagli alle spese pubbliche per partiti politici, o del taglio di parlamentari, solo per...