VENERDÌ 10 GENNAIO 2020, 09:34, IN TERRIS

WELFARE

L'Italia senza badanti

Servono 50 mila visti per motivi di lavoro per assistenti familiari. Ad averne urgente bisogno sono le famiglie e gli anziani italiani

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
E'

esperienza quotidiana per milioni di famiglie italiane quanto sia difficile e costoso trovare una qualche forma di assistenza per i loro anziani. Tra le proposte delle organizzazioni non profit e delle associazioni cattoliche maggiormente impegnatenel sociale, oltre a quella di garantire il rinnovo del protocollo per i prossimi corridoi umanitari per i siriani e gli africani del Corno d’Africa, c’è anche quella di prevedere per decreto non meno di 50mila visti per motivi di lavoro. L’Istat, riferisce La Stampa,ha censito in Italia 12.828 presidi residenziali socio-assistenziali e socio sanitari: delle oltre 382 mila persone assistite, 288 mila sono anziani, 218 mila dei quali non più autosufficienti. La forbice tra necessità e servizi è sotto gli occhi di tutti, e si divaricherà sempre di più: secondo le stime dell’Osservatorio nazionale sulla salute, nel 2028 in Italia gli anziani non autosufficienti saranno 6,3 milioni, un numero che rischia di mettere in crisi l’intero sistema socio-sanitario, mentre le famiglie, ammesso che possano permetterselo, si affidano a badanti. E anche qui si naviga nel nero perché quelle contrattualizzate non arrivano a 700 mila, mentre il Censis dice che sono 1, 6 milioni.


Restringimenti

“Le cosiddette badanti non vengono e questo comporta un problema per gli anziani- osserva Sant'Egidio-.Senza le badanti e senza l’assistenza domiciliare o senza la creazione di forme alternative di co-housing tra gli anziani con problemi (gli anziani che non possono piu stare a casa loro) c’è un tasso di mortalità in aumento in Italia”. Quindi "servono 50.000 visti per motivi di lavoro per assistenti familiari, le cosiddette badanti, di cui c’è molto bisogno e che purtroppo sono diminutite per i restringimenti introdotti negli ultimi anni per gli immigrati: ma le famiglie e gli anziani italiani le richiedono molto". 

Emergenza dimenticata

Secondo la ricerca "Il valore del lavoro domestico” di condotta dall’Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico - Domina, in collaborazione con la Fondazione Leone Moressa che incrocia i dati dell'associaizone con quelli di Inps e Istat, a fine 2017 i lavoratori domestici regolarmente assunti dalle famiglie italiane sono circa 865 mila, con una lieve prevalenza di colf (54,4%) rispetto alle badanti (45,6%). . Le badanti si concentrano nelle regioni del Centro-Nord, mentre le colf sono in prevalenza in Lombardia e Lazio. Pur essendo in grado di affermare che il numero complessivo dei lavoratori domestici in Italia è di circa 2 milioni (con una componente irregolare vicina al 60%), in questa analisi sono trattati solo i lavoratori regolari. Le donne sono in netta maggioranza (88,3%) rispetto agli uomini. L’età media del lavoratore domestico, evidenzia Vita, è 48 anni e nella maggioranza dei casi è assunto da meno di un anno. Spiega alla Stampa Sergio Pasquinelli, sociologo e direttore di ricerca all’Istituto per la Ricerca Sociale (Irs) di Milano: "Sta aumentando la quota di anziani soli e si sta indebolendo la rete tradizionale dell’aiuto familiare sia per la riduzione della natalità che per l’aumento delle separazioni. In questa situazione diventa a volte inevitabile il ricorso alle casi di riposo. E c’è un fenomeno parallelo: per le badanti, rispetto a 15 anni fa, si è ridotta la disponibilità alla convivenza e questo lascia scoperta la domanda di assistenza sulle 24 ore. Se le famiglie non ce la fanno, si rivolgono alle strutture residenziali, un settore dove però l’offerta non cresce di pari passo con l’aumentare degli anziani. Alla fine collochi l’anziano là dove puoi, magari in una struttura non tanto qualificata, ed è lì che può nascere il problema".


Un quadro in via di peggioramento

Il fenomeno crescente delle demenze complica il quadro, perché non si è ancora sviluppata l’attenzione a formare addetti che abbiano le necessarie competenze. È in questo pozzo senza fondo di bisogni (tra badanti e strutture residenziali e case di riposo, dove una retta oscilla tra 1500 e 3000 euro, metà dei quali a carico del pubblico)  che finiscono le risorse che lo Stato mette a disposizione, concentrate ancora soprattutto nell’indennità di accompagnamento: "Una misura nata 40 anni fa e mai adeguata che costa 13,5 miliardi l’anno – aggiunge alla Stampa Pasquinelli – 520 euro mensili dati a tutti i non autosufficienti anche se hanno livelli di non autosufficienza e condizioni economiche diversi, non tracciata e data sia a chi ha la pensione sociale e a chi ha redditi da Paperone. Invece bisognerebbe riconfigurarla in modo più efficace". Se dunque in molti casi il ricorso alla cosiddetta “istituzionalizzazione” è inevitabile, o viene ritenuto tale, resta il problema di come garantire la sicurezza di chi viene affidato a mani estranee. Sostiene Franco Pesaresi, direttore dell’Azienda servizio alla Persona di Jesi e membro del centro di ricerca Network Non Autosufficienza: "Quando devi pagare una retta di 1200-1500 euro al mese, e il 70% delle pensioni in Italia sono sotto i mille euro, è chiaro che l’anziano spende tutto e la famiglia deve contribuire. Ma le Regioni offrono contributi bassi e siccome la redditività di questo settore è limitata, ecco perché certe strutture cercano artifici per spendere meno e guadagnare in modo irregolare". 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...
Il cantiere navale di Taranto
TARANTO

Tangenti per appalti della Marina Militare: 12 arresti

Il totale degli importi relativi alle gare veniva equamente diviso fra gli indagati
Rifugiati siriani in un punto di raccolta degli approvvigionamenti - Foto © The New York Times
EMERGENZA UMANITARIA

In Siria i profughi stanno vivendo la fine del mondo

Da dicembre in 900mila hanno lasciato le case per i bombardamenti. Procedono i negoziati
SOLIDARIETÀ

Pet therapy per l'oncologia pediatrica

Sulla Collina degli Elfi, in provincia di Cuneo, gli animali regalano un sorriso ai bambini malati di tumore. Ora una raccolta...
Il luogo della deflagrazione
CATANIA

Bomba davanti a un distributore, morto il ladro

Il giovane, non identificato, era assieme a un complice che è fuggito
EMERGENZA RAZZISMO

"La strage xenofoba di Hanau nasce dall'ignoranza della storia e dall'odio"

Intervista a Interris.it del vescovo Enrico dal Covolo, Assessore del Pontificio Comitato di Scienze Storiche
Il luogo della strage
GERMANIA

Strage di Hanau: 11 morti. Il cordoglio della Merkel

Il killer è un estremista di destra, Tobias R: "Alcuni popoli vanno annientati". Uccisa anche la madre
La disinfezione delle strade
CORONAVIRUS

Cina: "Gli sforzi per il controllo dell'epidemia stanno funzionando"

Morti due passeggeri della Diamond Princess. Scoperta "l'untrice" della Corea del Sud
Prostituzione minorile
AUDIZIONE

Roma: 31 procedimenti per prostituzione minorile

La pm Monteleone: "In aumeno i reati di pedopornografia e molestie sessuali"
Sandra Sabatini
RIMINI

Il 14 giugno la beatificazione di Sandra Sabattini

Alla Fiera di Rimini per ospitare tutti i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII