MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2018, 11:36, IN TERRIS


TRANSPARENCY ITALIA

Italia tra i Paesi migliori nel contrasto alla corruzione

Virginio Carnevali: "Il sistema repressivo si è dimostrato più efficace di altri"

MILENA CASTIGLI
Lotta alla corruzione
Lotta alla corruzione
"G

li sforzi normativi degli ultimi anni e la crescente efficacia di procedure e Guardia di Finanza nel perseguire i reati di corruzione hanno portato l’Italia nel gruppo dei migliori” per le attività di contrasto attive verso le società che corrompono all’estero.

E' il commento del presidente di Transparency International Italia, Virginio Carnevali, alla presentazione del nuovo report dell'organizzazione, intitolato “Exporting Corruption – Assessing Enforcement of the Oecd Anti-Bribery Convention” e diffuso oggi. Transparency International (Ti) è un'organizzazione internazionale non governativa che si occupa della corruzione, non solo politica, fondata nel maggio del 1993 a Berlino, dove attualmente si trova la sede centrale, su iniziativa di Peter Eigen, direttore di una sezione della Banca Mondiale.

L'Italia è stata classificata nella categoria “attiva”, livello massimo, circa l’attuazione dei principi contenuti nella Convenzione Ocse contro la corruzione internazionale. “Questo – prosegue Carnevali si Sir – non significa che le aziende italiane, o quelle dei Paesi nella stessa fascia di classifica, si comportino meglio delle altre, ma che il sistema repressivo si è dimostrato più efficace di altri”.

Secondo i dati forniti dal ministero della Giustizia, infatti, nel periodo 2014-2017 l’Italia ha aperto 27 indagini e 16 casi e concluso 6 casi con sanzioni. Altro dato positivo, nel 2017 il Parlamento italiano ha approvato la nuova legge sulla protezione degli informatori (whistleblower).

Nel rapporto vengono segnalate anche alcune inadeguatezze che riguardano il quadro giuridico, il sistema giudiziario e la mutua assistenza giudiziaria. In particolare, “nonostante la maggiore durata dei termini di prescrizione, il fatto che le limitazioni continuino ad avere effetto in tutte e tre le fasi giudiziarie può significare che i giudizi finali non saranno raggiunti entro i tempi consentiti”.

“L’incidenza dei casi prescritti – viene rilevato – è più alta nei casi correlati alla corruzione rispetto ad altri tipi di reato”. Inoltre, “l’Italia è tra i Paesi con il più alto numero di casi pendenti e la durata più lunga dei procedimenti”. Nel report viene evidenziato che “a partire dal 2016, vi è stata una significativa carenza di magistrati, nonché di personale ausiliario” e che “la mancanza di un database centrale aperto e facilmente accessibile di informazioni su indagini e casi rimane un problema importante”. Inoltre, “persistono ancora difficoltà per quanto riguarda il monitoraggio dei flussi finanziari attraverso i normali meccanismi di rogatoria e l’identificazione dei beneficiari che operano sotto il segreto aziendale”.

Per tali motivi, Transparency International Italia raccomanda di “estendere al settore privato le tutele per chi segnala corruzione sul posto di lavoro, i cosiddetti whistleblower”, “implementare una riforma più ampia del sistema di giustizia penale”, “rivedere ulteriormente le norme sui termini di prescrizione” e “garantire materiali e risorse umane adeguate all’interno del sistema giudiziario”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte suprema polacca
GIUSTIZIA

Polonia deferita davanti alla Corte Ue

Secondo la Commissione la riforma della Corte suprema viola l'indipendenza dei giudici
Il viadotto Marco Polo, in via di Varlungo a Firenze, teatro dell'aggressione
FIRENZE

Aggredita e violentata una studentessa

La violenza è avvenuta poco dopo mezzanotte in via di Varlungo
TERREMOTO

Crollo del campanile di Accumoli, al via il processo

La torre campanaria piombò sul tetto dell'edificio adiacente uccidendo la famiglia Tuccio
Brexit
BREXIT

May al bivio, c'è lo spettro del voto bis

Ore calde per la premier dopo il flop di Salisburgo, Corbyn non chiude al nuovo referendum ma spinge per le elezioni anticipate
VACCINI

Nas scoprono false certificazioni: sette denunce

Il reato ipotizzato nei loro confronti è di falso ideologico
UGANDA

Le missioni aiutano mamme e neonati in ospedale

Al “St Luke Health Centre" acquistati un'ambulanza, incubatrici e macchinari per le ecografie
BOLOGNA

Frode fiscale internazionale: 16 indagati

Sequestrati beni mobili e immobili per quasi 25 milioni di euro
I soccorsi davanti l'archivio di Stato ad Arezzo il giorno della tragedia
TRAGEDIA NELL'ARCHIVIO DI STATO

Dipendenti morti ad Arezzo: 5 indagati

Disposta l'autopsia sui corpi dei due dipendenti deceduti a causa dell'intossicazione da argon
TUNISIA

Alluvioni a Cap Bon: almeno 6 morti

Le piogge torrenziali in Tunisia sono state provocate dal ciclone che si è formato nel Mar Tirreno e che nei giorni scorsi...
Arresti nella cosca Alvaro
REGGIO CALABRIA

‘Ndrangheta: smantellata la cosca Alvaro

Tra i 18 fermi anche il sondaco di Delianuova Francesco Rossi
Aleksei Navalny
RUSSIA

E' durata poco la libertà di Navalny

Oppositore scarcerato e poi arrestato. Ha partecipato a proteste non autorizzate
Il Papa durante l'incontro con le autorità lettoni - Foto © Vatican Media
VIAGGIO NEI PAESI BALTICI

Il Papa a Riga: "La libertà è costruita sulle radici"

Il Santo Padre incontra le autorità lettoni: "La maternità della Lettonia focalizza strategie per le...