VENERDÌ 29 MARZO 2019, 15:36, IN TERRIS

VERONA

"Italia, così si evita il suicidio demografico"

Il ministro della Famiglia ungherese, Katalin Novak: "Vi spiego le nostre misure per incentivare la natalità"

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cartellone che pubblicizza le misure pro-famiglia del governo ungherese
Cartellone che pubblicizza le misure pro-famiglia del governo ungherese
S

enza figli non c’è futuro. Qualcuno continua a ripeterlo come un mantra. Altri se ne disinteressano. Altri ancora, come il governo ungherese, ha deciso di passare dalle parole ai fatti per innalzare l’indice di natalità. Lo ha spiegato oggi Katalin Novak, ministro della Famiglia ungherese. A Verona per partecipare al Congresso Mondiale delle Famiglie, la Novak ha incontrato in un elegante albergo un ristretto numero di giornalisti per spiegare le misure pro-famigliea attuate nel suo Paese.


La ricetta ungherese

La Novak ha sottolineato che “la situazione demografica è difficile anche in Ungheria”, ma a differenza di altrove Budapest ha deciso di correre ai ripari, consapevole che la denatalità non si supplisce con l’arrivo massiccio di immigrati. Il governo di Viktor Orban, forte di una maggioranza schiacciante in Parlamento, ha attuato una serie di misure fin dal 2010 che stanno producendo risultati importanti. Il ministro ha spiegato che “ogni anno dedichiamo il 4,8% del nostro Pil alla tutela delle famiglie”. Una cifra che rappresenta “più del doppio rispetto a quanto veniva investito fino al 2010”, ha sottolineato. La Novak ha quindi presentato nuove misure che stanno per essere inaugurate. “Dal primo luglio - ha spiegato - le nuove giovani coppie unite in matrimonio potranno avere un sostegno dello Stato di 35mila euro circa come mutuo a fondo perduto, che potranno usare per l’acquisto di ciò che vogliono”. E non è finita. “Se dalla loro unione nasceranno figli, non dovranno rimborsare un euro”. Ancora, sempre dal primo luglio lo Stato contribuirà a ripagare un mutuo bancario per l’acquisto di una casa per le famiglie che mettono al mondo dei figli, nonché nuovi aiuti economici per l’acquisto della prima automobile e della prima casa. Dal primo gennaio, invece, novità in vista per le donne e per i nonni; questi ultimi - ha detto il ministro - “potranno rimanere a casa a badare ai nipoti piccoli, con una sorta di bonus bebè, se i genitori lavorano”. Entrerà poi in vigore “una nuova misura che esenta le donne che hanno partorito il quarto figlio alla tassa irpef per tutta la vita”. Del resto - sottolinea la Novak - “bisogna dare alle donne la possibilità di scelta”. In Ungheria, “una madre può restare col figlio per tre anni dalla nascita, ma può anche decidere di tornare al lavoro ricevendo lo stesso i sussidi statali”.


"Italia, prendi esempio"

E i risultati? Presto detto: “Da tempo - afferma la Novak con orgoglio - registriamo un aumento record di matrimoni e un calo di divorzi” e l’indice di natalità dà segnali di risveglio: è passato dall’1,2 all’1,6 figli per donna. Dati in controtendenza rispetto all’Italia, dove le coppie che scoppiano sono aumentate del 70% negli ultimi vent’anni, mentre sono diminuiti del 12% i matrimoni e il calo demografico sembra un pozzo senza fondo. L’avviso della Novak al nostro Paese è chiaro: “L’Europa sta andando incontro a un suicidio, se rinuncia alla cultura cristiana e ad aiutare la nascita di figli europei. Non vogliamo assistere a questo suicidio con le braccia incrociate”. Sollecitato da In Terris, il ministro ungherese si è pronunciato anche sulle polemiche che hanno accompagnato il Congresso Mondiale delle Famiglie. Ha spiegato che in Ungheria il clima è diverso, perché “c’è consenso dell’opinione pubblica nei confronti delle politiche familiari, i giovani ungheresi sono contenti di ricevere incentivi per formare una famiglia”. E poi osserva: “Stranamente spesso proprio chi si definisce liberale, e che quindi dovrebbe incoraggiare lo scambio di opinioni diverse, non accetta di ascoltare chi non la pensa come lui”. E forse, in un’Europa sempre meno fertile, sarebbe utile ascoltare la ricetta ungherese per blandire nei giovani l’innata energia a formare una famiglia.


Il ministro Katalin Novak, tra la traduttrice e l'Ambasciatore ungherese presso l'Italia

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia
TERREMOTO

Sisma magnitudo 3 nel Golfo di Salerno: la situazione

Tremano anche le Eolie e la Calabria: al momeno non risultano danni a persone o cose
PER USCIRE DALLA CRISI

La ripresa affidata alle start up innovative

In Italia sta funzionando la modalità di costituzione digitale e gratuita delle nuove imprese con pratiche rapide ed...
Etichetta alimenatre

"Spesso buono oltre": la data di scadenza contro lo spreco alimentare

Lidl introduce la nuova etichetta che accompagnerà "Da consumare preferibilmente entro"
Roseto degli Abruzzi
CORONAVIRUS

Primo caso positivo in Abruzzo: è un turista brianzolo

La conferma del contagio arriverà solo con gli esiti del secondo esame dello Spallanzani
Anziano in ospedale
GERMANIA

Chiesa cattolica ed evangelica contro gli aiuti al suicidio

La sentenza Corte costituzionale riapre la possibilità della pubblicità suicidale
Il luogo della sparatoria
WISCONSIN | USA

Sparatoria a Milwaukee, 6 morti tra cui l'aggressore

L'uomo ha ucciso 5 dipendenti e si è suicidato. Trump: "Assassino cattivo"
Bimbo in strada in Giappone
CORONAVIRUS

Cina, decessi minimi da gennaio: ieri 29 morti

In Corea del Sud quasi 1600 contagi. Il Giappone chiude le scuole
Il neonato ricoperto dal padre di banconote
CATANIA E SIRACUSA

Mafia: chiuse 3 piazze di spaccio, 6 arresti

I proventi dello spaccio servivano a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi
Smart working

Lo Smart working per debellare il coronavirus

Tra le grandi possibilità che l’era digitale offre, c’è anche la occasione di lavorare da...
Attilio Fontana
L'EPIDEMIA

Coronavirus, anche Fontana con la mascherina

Il presidente della Lombardia: "Contagiata una mia collaboratrice, rispetterò le disposizioni dell'Istituto...
EMERGENZA SANITARIA

Le buone notizie al tempo del coronavirus

Dai pazienti guariti alla Messa via streaming: così si supera la paura
Una famiglia riunita prima della cena nella propria casa a Philadelphia. A entrambi i bambini sono stati riscontrati alti livelli di piombo nel sangue - Foto © Hannah Yoon per The Guardian
STATI UNITI

Philadelphia e i bambini avvelenati nelle case

L'unica via possibile è il risanamento delle abitazioni. Ma il 90% della città è anteriore agli anni...
CORONAVIRUS

Il coronavirus in Emilia-Romagna. Liguria, isolato albergo

Quattro casi positivi ad Alassio, mentre a Roma guarisce la cittadina cinese ricoverata allo Spallanzani