LUNEDÌ 29 GENNAIO 2018, 20:35, IN TERRIS


GRAN BRETAGNA

Isaiah come Charlie, i giudici: "Staccate la spina"

Ok dell'Alta Corte a interrompere le cure del piccolo, di soli 11 mesi, affetto da un grave danno cerebrale. I genitori si oppongono

REDAZIONE
Lanre e Takesha Haastrup, i genitori di Isaiah
Lanre e Takesha Haastrup, i genitori di Isaiah
L'

ombra di un nuovo caso Charlie si allunga sul Regno Unito, dove l'Alta corte ha dato l'ok ai medici del King's College hospital di Londra a staccare la spina del piccolo Isaiah Haastrup, di appena 11 mesi, rimasto vittima di un grave danno cerebrale subito dopo la nascita e che sopravvive grazie alla ventilazione di alcuni macchinari. Come nel caso del piccolo Charlie Gard, anche i genitori di Isaiah si sono opposti con tutte le loro forze al verdetto dei giudici e al parere dei medici, i quali hanno ritenuto le condizioni del bambino non possano migliorare e che, non rispondendo alle stimolazioni, "non sia nel suo miglior interesse" continuare a vivere in questo modo.


Il caso di Isaiah

Una versione, quella fornita dai magistrati, totalmente avversata dalla madre del bimbo: "Quando gli parlo reagisce, lentamente, aprendo un occhio. Io vedo un bambino malato, che necessita amore e cure. Io lo amo e posso dargliele. Non è giusto affermare che non ha diritto di vivere". Per i giudici dell'Alta corte, invece, Isaiah avrebbe subito un tale danno cerebrale, definito "catastrofico", da non rendere utile la prosecuzione delle cure e l'azione del macchinario per la respirazione artificiale: "Emetto questa sentenza con profonda tristezza", ha dichiarato il giudice lettore del verdetto". Una vicenda che, in tutto e per tutto, si attaglia a quanto accaduto ai genitori di Charlie Gard, protagonisti loro malgrado di un contezioso giuridico andato avanti per mesi, con appelli, consultazioni e il susseguirsi di pareri degli esperti. Isaiah, secondo quanto riportato alcuni mesi fa dal quotidiano 'Guardian', avrebbe riportato la grave paralisi cerebrale durante il parto, avvenuto con metodo cesareo: "Il battito del bimbo - aveva raccontato il papà - diminuiva ma nessuno ha fatto nulla per almeno 40 minuti".


La mamma: "Non sta a voi decidere"

La battaglia legale dei genitori del piccolo è andata avanti per alcuni mesi, fra la speranza e il timore di rivivere l'esperienza già provata da Chris e Connie Gard: alla lettura della sentenza, Takesha e Lanre hanno commentato con un doloroso "siamo delusi": negli ultimi tempi, la mobilitazione del web era stata imponente per salvare la vita del piccolo Isaiah, con iniziative e raccolte firme per chiedere all'Alta Corte non solo di consentire la prosecuzione delle cure ma anche per permettere a suo parde, Lanre, di tornare a visitarlo dopo il suo allontanamento, avvenuto a seguito di un diverbio con lo staff medico. La direzione del King's College, tramite il suo legale, che "nessuno può comprendere il dolore provato dai suoi genitori", ribadendo comunque che la decisione presa è la più giusta per il bambino: "Dire che è in condizioni troppo gravi per aver diritto di vivere - ha detto ancora Takesha Haastrup - non è giusto, non sta a loro deciderlo". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
COMMENTO | EMMANUELE DI LEO

Lo Stato mette alla gogna un bambino

COMMENTO EMMANUELE DI LEO Facebook Twitter

In nome del suo massimo interesse si sta imponendo anche ad Isaiah la morte, come a Charlie Gard. Questa azione attuata dal tribunale, contrapponendosi al volere dei genitori, è l’evidente risultato della rottura del rapporto medico-paziente. Con questa sentenza del tribunale si ha una vera e propria invasione dello Stato nella vita familiare di queste persone. Lo Stato ha deciso che il massimo interesse per Isaiah è la morte. Questo mi sembra un atto di violenza nei confronti di due genitori che vogliono salvare il loro piccolo. Secondo il tribunale si parla di un bambino senza qualità di vita, si parla di un bambino che vive in condizioni sanitarie per cui non vale la pena offrire sostegni vitali. Applicare violenza nei confronti di una famiglia e di un bambino in nome della qualità della vita lo trovo profondamente ingiusto. Nuovamente la giurisprudenza sanitaria inglese in spregio al “Favor Vitae” mette un bambino alla gogna confermando che la società odierna è ritornata ai tempi dell’antica Sparta con uno Stato che ha il potere di senteziare su chi è degno di vivere e chi deve essere gettato dalla rupe.

GRAN BRETAGNA

Un altro caso Charlie Gard?

I genitori del piccolo Isaiah lottano per impedire che i medici stacchino le spine. L'appoggio del popolo pro-vita

Isaiah Haastrup
Si chiama Isaiah Haastrup, ha otto mesi, è inglese e la sua vicenda somiglia in modo impressionante a quella di Charlie Gard. Il...
NEWS
RIMINI

Anziani maltrattati, sequestrata casa di riposo

Arrestata la titolare della struttura
La sede della Bce
FRANCOFORTE

Bce, stop al Qe da gennaio e tassi fermi

Draghi: "Dati più deboli di quanto atteso. I bond in scadenza saranno reinvestiti"
Sala slot
CODACONS

Stop al proliferare delle sale slot in Puglia

La legge: "Divieto di esercizio in un raggio inferiore ai 500 metri dai siti sensibili"
Selattin Demirtas
TURCHIA

Demirtas contro i giudici: "Amici di Erdogan"

Respinta la richiesta di scarcerazione. L'ex leader filo curdo: "Vi allineate all'Akp"
GROSSETO

Quindici bimbi intossicati dal monossido di carbonio

Per alcuni di loro si è reso necessario il ricorso alla camera iperbarica
Soldatesse-bambine nelle Farc
ARGENTINA

Onu: "Proteggere coloro che difendono i diritti umani"

Coscientizzare la popolazione sull’importanza del rispetto e creare delle reti sociali
Il luogo dell'incidente
FRANCIA

Gilet Gialli: 23enne investito e ucciso da un camion

L’autista del mezzo pesante, 26 anni, è stato fermato e interrogato
Cristiani in Iran
IRAN

Arrestati più di 100 cristiani nell'ultima settimana

Secondo l'organizzazione Open Doors continua il clima di persecuzione ai danni della minoranza religiosa
SICILIA

Registrate tre scosse di terremoto in poche ore

L'epicentro individuato sulle Madonie, a Gangi
Omaggio alle vittime
ATTACCO A STRASBURGO

Il killer: "Vendetta per la Siria"

Chekatt lo avrebbe detto al tassista che lo ha accompagnato dopo l'attentato
Pierre Moscovici
MANOVRA

Moscovici gela Conte: "Taglio al deficit non sufficiente"

Il commissario Affari economici: "Vanno fatti altri passi". Tria resta a Bruxelles
TURCHIA

Treno ad alta velocità si schianta contro locomotore

Al momento il bilancio parla di 9 morti e 40 feriti