MARTEDÌ 14 GIUGNO 2016, 000:33, IN TERRIS

INDIA, AL VIA IL PROGETTO "MATTONI DI SPERANZA" PER FERMARE LO SFRUTTAMENTO MINORILE

Anche se il governo federale garantisce l'istruzione gratuita per i ragazzi, sono oltre 60 milioni i bambini impiegati nel lavoro nero

DANIELE VICE
INDIA, AL VIA IL PROGETTO
INDIA, AL VIA IL PROGETTO "MATTONI DI SPERANZA" PER FERMARE LO SFRUTTAMENTO MINORILE
In India, nonostante il governo federale e le istituzioni garantiscono un'istruzione, gratuita e obbligatoria, a tutti i bambini di età compresa tra 6 e 14 anni e vieta il loro coinvolgimento nel mondo del lavoro, non si placa il fenomeno dello sfruttamento minorile, che ad oggi è una delle piaghe più gravi del Paese. Secondo recenti indagini, come riporta l'Agenzia Fides, hanno rivelato che attualmente, in India, ci sono circa 60 milioni di bambini e bambine che lavorano in nero, impiegati in attività di qualsiasi genere. Lungo le vaste aree agricole ci sono zone dove si producono mattoni. A Pasahaur, nel distretto di Jhajjar (Haryana), a circa 60 km da Nuova Delhi, ci sono 500 forni di mattoni che costituiscono la principale fonte di approvvigionamento di questo materiale per molte provincie del nord del Paese.

Bambini, alle volte molto piccoli, lavorano come muratori esperti per ore, da aprile a metà giugno, sotto il caldo sole primaverile. Tra le iniziative per risolvere questo grave problema nella zona il Pasahaur, le associazioni di Don Bosco sono fortemente impegnate anche nella costruzione di un villaggio, nel quale avviare programmi di sensibilizzazione per donne e minori lavoratori, un centro per i piccoli più svantaggiati, istruzione e assistenza ai più bisognosi. Dare un minimo di istruzione è uno degli obiettivi principali per liberare questi piccoli dallo sfruttamento. In tal modo, quei mattoni diventano segni di speranza per tutti quei bambini che in tal modo possono costruirsi un futuro migliore.

Ad oggi, l’India è il paese con il maggior numero di minori lavoratori. Nel 1991 il censimento del paese ne ha calcolati 11,28 milioni. L’Ilo ne computa, su un conteggio del 1996, 17 milioni, di cui 12,67 a tempo pieno. Quando viene impiegato un bambino al di sotto dei 15 anni, solitamente è utilizzato per compiere lavori non specializzati e di routine: il 39% dei maschi viene concentrato nel settore agricolo e i restanti sono usati in processi manifatturieri o altri lavori.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
GENOVA

Disabile muore carbonizzato in un istituto

La vittima un 49enne con problemi psichiatrici. A provocare la tragedia potrebbe essere stata una sigaretta
La frontiera fra Italia e Austria
MIGRANTI

Austria, ecco la task-force al Brennero

Seicento agenti per monitorare la frontiera ma la situazione, al momento, è tranquilla
Andres Escobar
LA SVOLTA

Omicidio Escobar, verso la giustizia 24 anni dopo

Arrestato il presunto mandante dell'omicidio del calciatore colombiano, "colpevole" di un autogol
Papa Francesco a Puerto Maldonado Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Non rinunciate alla vostra vita e ai vostri sogni"

Al Hogar Principito di Puerto Maldonado l'incontro con i bambini e i ragzzi senza famiglia: "Il mondo ha bisogno di...
L'attacco dell'11 settembre 2001
11 SETTEMBRE

Riad nega il sostegno ad Al Qaeda

Chiesto a un giudice Usa di porre fine ai processi su un presunto coinvolgimento negli attacchi
Papa Francesco a Puerto Maldonado Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Non si normalizza la violenza contro le donne"

Il Pontefice a Puerto Maldonado: "L’oro può diventare un falso dio che pretende sacrifici umani"