VENERDÌ 02 SETTEMBRE 2016, 002:22, IN TERRIS

IL VACCINO DELLA SPERANZA

LAURA CARBONETTI
IL VACCINO DELLA SPERANZA
IL VACCINO DELLA SPERANZA
Tra le tante differenze che esistono tra Occidente e Terzo Mondo ce n’è una paradossale, quello che gli esperti chiamano “gap di immunizzazione” ossia la mancanza di medicine e la differenza enorme di costi per una stessa dose di vaccino, che per le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo è un vero proprio schiaffo al sacrosanto diritto alla salute.

Secondo un rapporto del 2015 di Medici Senza Frontiere vaccinare un bambino africano costa 68 volte di più rispetto alla stessa profilassi per un bambino europeo. Un divario ingiustificabile, che, inspiegabilmente, va a colpire chi avrebbe più bisogno di una copertura efficace contro malattie terribili e mortali.

Sono proprio la carenza di dosi, di presidi medici e gli alti costi dei medicinali a minacciare l’Angola e la Repubblica Democratica del Congo, due Paesi dove da dicembre si sta diffondendo una grave e incontrollabile epidemia di febbre gialla, malattia trasmessa dalle zanzare e che uccide tra il 15% e il 50% dei casi infetti. Una vera e propria emergenza sanitaria che, se non fermata in tempo, rischia non soltanto di uccidere milioni di africani, ma di diventare di portata mondiale, trasformandosi velocemente in una pandemia.

Così, per far fronte a tutto questo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha deciso di intraprendere una delle più importanti campagne di vaccinazione mai viste: l’obiettivo è vaccinare 14 milioni di persone di persone, in più di 8 mila luoghi diversi da raggiungere , impiegando 41 mila operatori tra medici e infermieri. Si tratta di un obiettivo quasi impossibile, ancor più difficile da raggiungere date le difficoltà logistiche e le gravi carenze esistenti.

In Congo, infatti, non mancano solo le dosi di vaccino, ma anche le siringhe per somministrarle alla popolazione. E’una situazione assurda, che rischia di mandare all’aria gli sforzi degli operatori che già si trovano a lavorare in condizioni a dir poco sfavorevoli. Inoltre, a preoccupare gli operatori c’è anche la cosiddetta “catena del freddo”, un protocollo che prevede che le dosi di vaccino siano sempre mantenute a una temperatura costante e fredda. Per fare questo, le equipe che lavoreranno alla campagna dovranno rinnovare ben 4 mila pacchetti di ghiaccio e contenitori refrigeranti al giorno in diverse località dei Paesi coinvolti.

Quello che spaventa di più gli esperti, però, è l’insufficienza delle dosi mondiali di vaccino: “proteggere più persone possibile è il cuore della strategia – sottolinea il coordinatore per l’Oms della campagna di vaccinazione, William Perea – . E con una scorta limitata dobbiamo usare questi vaccini con molta attenzione”. Per ottenere una lotto di vaccino, infatti, servono circa sei mesi e attualmente al mondo esistono solo 7 milioni di dosi, una quantità insufficiente per coprire questa epidemia garantendo al tempo stesso una riserva “di sicurezza” per tutti gli altri casi che si possono verificare nel mondo.

Così, proprio per ovviare a questo problema, verrà usata una dose “diminuita”, pari a un quinto di quella normale, un quantità che – assicurano gli esperti – garantisce comunque protezione per almeno un anno. Una scelta che da una parte è dettata dalla volontà di non esaurire del tutto le scorte esistenti, dall’altra dalla necessità di arginare l’avanzata dell’epidemia il più velocemente possibile.

A preoccupare gli operatori, inoltre, è l’aggressività della malattia: secondo l’Oms, dall’inizio dell’epidemia, la febbre gialla avrebbe già ucciso circa 500 persone e messo in ginocchio decine di villaggi al confine tra Angola e Repubblica Democratica del Congo. Per gli esperti, quindi, la vaccinazione resta l’unica arma in grado di debellare il morbo una volta per tutte.

Ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità non sarà sola nell’attuazione di una così importante campagna di vaccinazione. A combattere al suo fianco ci saranno, infatti, ben 56 partner, da Save the Children alla Croce rossa, dai Centers for Disease Control americani a Medici senza frontiere. “Considerando la disponibilità di un vaccino sicuro ed efficace – spiega Axelle Ronsse, coordinatore di Medici Senza Frontiere – questa campagna è un passo fondamentale per contenere la diffusione dell’epidemia di febbre gialla, ma nei prossimi mesi la vigilanza epidemiologica resterà cruciale”.

Tuttavia, nonostante lo sforzo dell’ Oms e l’attività sul campo dei volontari e delle Ong, data la dimensione sovranazionale che il contagio ha ormai assunto, appare evidente la necessità di una più stretta collaborazione tra case farmaceutiche e governi nazionali, i quali devono insieme giungere a una riduzione dei costi per la distribuzione dei vaccini, garantendo, così, il diritto inalienabile alla salute attraverso una effettiva accessibilità alle cure.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il sindaco di Mantova, Mattia Palazzi
CONCUSSIONE

Accuse al sindaco di Mantova ma è giallo

Avrebbe chiesto favori sessuali in cambio di contributi comunali ma la presunta vittima smentisce
Agenti dei Mossos d'Esquadra
BARCELLONA

Rissa ne quartiere Raval: ucciso un italiano

L'uomo è stato aggredito nei pressi di un "narco-pisos", appartamenti legati allo spaccio e al consumo di...
Amazon
DIRITTI

Il "venerdì nero" dei lavoratori Amazon

Sciopero sindacale per "condizioni di lavoro inaccettabili"
SUD AFRICA | CASO PISTORIUS

Pena raddoppiata in appello, dovrà scontare 13 anni

L'atleta paralimpico non era in aula per la pronuncia d'appello
Virginia Raggi e Beatrice Lorenzin
SEDE AGENZIA DEL FARMACO

Lorenzin, polemica con Raggi sull'Ema

Il ministro: "Un errore rinunciare alla candidatura". La sindaca: "Preferita Milano"
Igor il Russo
L'INDAGINE

Igor il Russo,
5 sospettati
per favoreggiamento

Il killer di Budrio è svanito nel nulla da aprile. Potrebbe essere stato aiutato
Violenze sui bambini

I fratelli più piccoli

Telecamere nascoste piazzate dalla Polizia in una scuola materna di Vercelli, hanno messo a nudo la cruda realtà...
Migranti in Israele
MIGRANTI

Ruanda pronto ad accogliere 10 mila persone

Si tratta di cittadini africani che Israele si accinge ad allontanare dal suo territorio