MERCOLEDÌ 04 APRILE 2018, 14:00, IN TERRIS


ROMA

Il più grande manifesto contro l'aborto mai apparso prima

La gigantografia di ProVita recita: "Ora sei qui perché tua mamma non ha abortito"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Maximanifesto contro l'aborto a Roma
Maximanifesto contro l'aborto a Roma
"T

u eri così a 11 settimane. Tutti i tuoi organi erano presenti. Il tuo cuore batteva già dalla terza settimana dopo il concepimento. Già ti succhiavi il pollice. E ora sei qui perché la tua mamma non ha abortito". Questo il messaggio della gigantografia che campeggia a Roma, in via Gregorio VII, a due passi dal Vaticano. Il maximanifesto di 7 metri per 11 è stato fatto affiggere dall'Associazione ProVita - si legge in una nota - "per ricordare all'Italia e a tutto il mondo che l’interruzione volontaria della gravidanza (Ivg) sopprime un essere vivente" nel mezzo di una campagna contro l'aborto che si intensifica con l'avvicinarsi del 22 maggio, anniversario della legge 194. Si tratta del più grande manifesto contro l'aborto mai apparso in Italia.

"Dal 1978, sono stati più di 6 milioni quelli uccisi dall’aborto, senza contare le vite che si sopprimono in solitudine, tra le pareti domestiche, con le pillole abortive fra le quali la Ru 486, il 'pesticida umano', che ha già causato quasi 30 morti anche tra le donne che l'hanno assunta", prosegue la nota di ProVita. "Ma è concepibile che in un’Italia, dove solo il 38% dei malati di tumore può accedere alle cure palliative e dove circa 200mila anziani o disabili sono rispediti a casa ogni anno dagli ospedali pubblici, per mancanza di fondi per la sanità, lo Stato spenda centinaia di milioni di euro di fondi pubblici per finanziare scelte individuali che causano l’eliminazione di esseri umani, e che non sono condivise da una grande fetta della popolazione?", protesta a gran voce Toni Brandi, presidente di ProVita.

La onlus, che ha lanciato anche una petizione (si può sottoscrivere sul sito notizieprovita.it) "affinché il ministero della Salute garantisca che le donne vengano messe a conoscenza delle conseguenze, provocate dall’aborto volontario sulla loro salute fisica e psichica", con il maximanifesto di Roma riporta l’attenzione "sulla violenza e dramma di una condanna a morte prima di nascere". Brandi sottolinea che "uno Stato che finge di tutelare la mamma (spesso soggetta a ingiuste pressioni ideologiche e ignara dei rischi alla salute che corre abortendo), ma che non si preoccupa del più debole, il bambino nel grembo materno, è la rappresentazione plateale della legge della giungla". ProVita annuncia altre "forti iniziative per scuotere la coscienza di tutti". Lo farà anche dalla sua nuova sede nazionale nel centro di Roma, come annuncerà nei prossimi giorni.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INCIDENTI IN MONTAGNA

Alpinista scivola e muore in Valle Camonica

L’uomo, insieme a due amici per una scalata, è caduto per cento metri prima dello Spigolo Cassin. Per recuperare il...
GALLARATE

Aggressione al sacrestano di colore: “Ora temo per la mia vita”

L’uomo, originario del Burundi e cittadino italiano dal 2015, è stato attaccato da un uomo che lo ha spesso...
Ida Colucci, ex-direttrice del Tg2
GIORNALISMO

Lutto al Tg2, scomparsa Ida Colucci

Direttrice del telegiornale, ha dedicato la sua vita all'informazione
MIGRANTI

La Spagna apre i porti nelle Baleari, Open Arms vuole sbarcare a Lampedusa

La Francia è disposta ad accogliere 40 migranti. I 27 minori non accompagnati oggi a Porto Empedocle saranno trasferiti...
Hicham Boukssid, la vittima Hui
REGGIO EMILIA

Si è costituito il presunto killer di Stefania

La barista di origini cinesi era stata accoltellata lo scorso 8 agosto nel bar dove lavorava
Rifiuti
MUNICIPIO XI

Rifiuti: prima multa per violazione dell'ordinanza Raggi

Un uomo ha gettato l'immondizia contenuta in sacco nero e non trasparente