VENERDÌ 06 APRILE 2018, 15:27, IN TERRIS


ROMA

Rimosso il maximanifesto contro l'aborto

ProVita Onlus: "Il Campidoglio contro la libertà d'espressione"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Pupazzo grande come un embrione
Pupazzo grande come un embrione
"D

opo nemmeno tre giorni, il maxi manifesto ProVita di 7 metri per 11, affisso legalmente nella capitale, è stato brutalmente tolto. Ancora una volta, l’Amministrazione Raggi ha dimostrato di non rispettare la libertà di espressione e di pensiero (diritti garantiti dalla Costituzione) e con il pretesto di affermare che la gigantografia sarebbe una 'violazione dei diritti civili', in realtà si è piegata al 'politicamente corretto' e all’ideologia". Così l'Associazione ProVita Onlus, dopo la rimozione del maximanifesto di 7 metri per 11 presente da qualche giorno in via Gregorio VII. La gigantografia ritraeva un feto con la scritta "Tu eri così a 11 settimane. Tutti i tuoi organi erano presenti. Il tuo cuore batteva già dalla terza settimana dopo il concepimento. Già ti succhiavi il pollice. E ora sei qui perché la tua mamma non ha abortito". La gigantografia dell'Associazione ProVita Onlus contro l'aborto - di cui InTerris ha dato notizia subito dopo l'affissione - aveva suscitato scalpore nel mondo politico.

Sugli scudi la senatrice Pd Monica Cirinnà, che su Twitter sostiene essere "vergognoso che per le strade di Roma si permettano manifesti contro una legge dello stato e contro il diritto di scelta delle donne". Critiche anche le sue colleghe di partito consigliere in Campidoglio Michela Di Biase, Valeria Baglio, Ilaria Piccolo e Giulia Tempesta, oltre a Svetlana Celli della Lista Civica #RomaTornaRoma, secondo le quali si tratta di "un messaggio forte e doloroso sulla pelle delle donne”, che “offende la scelta delle donne di abortire, una scelta, sempre sofferta e dolorosa, garantita dalla legge 194 che a maggio compirà 40 anni".

La risposta dell'Associazione ProVita Onlus non si è fatta attendere. Dall'Associazione è stata giudicata "gravissima" la decisione di strappare un’immagine "per nulla offensiva, che aveva il solo 'torto' di scuotere le coscienze ricordando a Roma, all’Italia e a tutto il mondo che l’interruzione volontaria della gravidanza (Ivg) sopprime un essere vivente". Per la onlus, "la questione non finisce qui: faremo ricorso amministrativo contro l'ordine ingiusto del Comune e la campagna di ProVita per la difesa dei bambini nel grembo delle mamme e della salute delle donne, contro l'aborto, si intensificherà, in particolare nel mese di maggio... anzi, il bambino di 11 settimane tornerà", fa sapere il direttivo di ProVita.

Intervenuto anche il senatore della Lega, Simone Pillon. “Forse gli esponenti del Partito Democratico dimenticano le regole della democrazia - prosegue - quando qualcuno esprime idee diverse dalle loro”. Per mercoledì prossimo Pillon ha annunciato in Senato una conferenza stampa insieme all'Associazione ProVita Onlus per rilanciare il diritto dei minori a venire al mondo e per la libertà di pensiero degli attivisti pro-vita.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
ROMA

Il più grande manifesto contro l'aborto mai apparso prima

La gigantografia di ProVita recita: "Ora sei qui perché tua mamma non ha abortito"

Maximanifesto contro l'aborto a Roma
"Tu eri così a 11 settimane. Tutti i tuoi organi erano presenti. Il tuo cuore batteva già dalla terza settimana dopo il...
NEWS
INCIDENTI IN MONTAGNA

Alpinista scivola e muore in Valle Camonica

L’uomo, insieme a due amici per una scalata, è caduto per cento metri prima dello Spigolo Cassin. Per recuperare il...
GALLARATE

Aggressione al sacrestano di colore: “Ora temo per la mia vita”

L’uomo, originario del Burundi e cittadino italiano dal 2015, è stato attaccato da un uomo che lo ha spesso...
Ida Colucci, ex-direttrice del Tg2
GIORNALISMO

Lutto al Tg2, scomparsa Ida Colucci

Direttrice del telegiornale, ha dedicato la sua vita all'informazione
MIGRANTI

La Spagna apre i porti nelle Baleari, Open Arms vuole sbarcare a Lampedusa

La Francia è disposta ad accogliere 40 migranti. I 27 minori non accompagnati oggi a Porto Empedocle saranno trasferiti...
Hicham Boukssid, la vittima Hui
REGGIO EMILIA

Si è costituito il presunto killer di Stefania

La barista di origini cinesi era stata accoltellata lo scorso 8 agosto nel bar dove lavorava
Rifiuti
MUNICIPIO XI

Rifiuti: prima multa per violazione dell'ordinanza Raggi

Un uomo ha gettato l'immondizia contenuta in sacco nero e non trasparente