DOMENICA 02 DICEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS

I nostri giorni da schiavi

Secondo il "The Global Slavery Index Report 2018", nel mondo, ci sono circa 40,3 milioni di uomini, donne e bambini

MANUELA PETRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Q

uando si parla di schiavitù l'immagine che viene subito in mente è legata alla tratta degli schiavi, ai trasferimenti via nave da un continente all'altro, soprattutto si pensa alla deportazione di centinaia di africani verso le Americhe, tra il XVI e il XIX secolo. Costretti a vivere in condizioni disumane, incatenati nelle stive delle navi, in totale assenza di igiene, molti schiavi morivano durante il viaggio; altri, dopo essere riusciti a liberarsi preferivano suicidarsi lanciandosi in mare piuttosto che andare incontro a una vita senza libertà. Sono passati 150 anni da quando gli Stati Uniti hanno vietato il commercio di esseri umani, ma la schiavitù esiste ancora.


La storia di Victor e Helen

Ne sanno qualcosa Victor ed Helen; a In Terris hanno raccontato l'odissea che dall'Africa li ha portati in Italia. "Noi non volevamo venire qui - spiegano - volevamo restare nel nostro Paese, ma siamo stati costretti a imbarcarci perché c'erano molte persone armate. Siamo stati sul barcone, in mezzo al mare, per 11 ore". Per loro la fuga è stata una scelta obbligata. Da tempo il Camerun, loro terra natale, fa i conti con la rivolta della minoranza anglofona, che chiede la secessione dal resto del Paese, a maggioranza francofona. Le milizie dell'Ambazonia (la regione che chiede l'indipendenza) sono responsabili di numerosi atti di violenza - affermano - irrompono nelle case, rapiscono i giovani maschi per farli entrare nella ribellione, bruciano villaggi e uccidono. Nella speranza di un futuro migliore, Victor ed Helen hanno così deciso di lasciare il loro Paese. La prima tappa, in Nigeria, si rivela più complicata del previsto, vista la presenza del gruppo terroristico di Boko Haram. Poi arriva l'offerta di ospitalità in Algeria da parte di un amico. Ingente il costo del viaggio - 40 mila franchi a persona -  che, in ogni caso, non ha l'esito sperato. 


La schiavitù in Libia

"Ci hanno ingannato, non ci hanno mai portato in Algeria - dice Victor - All'inizio erano gentili, ma il viaggio durava troppo e abbiamo iniziato a innervosirci. Per farci stare calmi ci hanno detto che alcune persone volevano andare in Libia e in seguito ci avrebbero portato dove volevamo". Invece, la giovane coppia si ritrova in Libia, dove vengono divisi e chiusi in una prigione insieme ad altre persone. "Il nostro autista ci ha consegnato a un gruppo armato che gestiva il campo, mi hanno separata da Victor e ci hanno chiuso in due stanzoni con altre persone - racconta Helen - Abbiamo subito tutti atroci violenze fisiche, ci hanno picchiato e minacciato perché chiamassimo le nostre famiglie per farci mandare i soldi per pagare il riscatto". Poi la fuga dalla prigione, grazie a un uomo che offre aiuto. L'incubo sembrava finito, e invece no. Victor ed Helen vengono costretti a diventare schiavi agricoli. "Ci hanno obbligati a raccogliere pomodori senza alcuna paga. Vivevamo lì senza nessun servizio igienico, non potevamo lavarci, a volte mangiavamo solo pane. Siamo dovuti rimanere lì per sei mesi". 


L'obbligo di partire per l'Europa

Poi, un giorno, la sveglia alle 2 del mattino per una nuova partenza, destinazione ignota. "Avevamo paura, piangevamo, non sapevamo dove ci stesse portando e pensavamo che ci avrebbe venduto ad un altro padrone. Ha detto che ci avrebbe aiutato ad andare in Europa, ma noi voleva raggiungere l'Algeria. Siamo stati costretti a salire su un barcone dove c'erano altre 170 persone". Su quel gommone Victor e Helen rimangono per 11 ore, con la paura di affondare e morire in mare. Poi il salvataggio da parte di una nave francese, che li trasferisce su un'imbarcazione spagnola. Dopo tre giorni sbarcano a Palermo, in Italia. Oggi la giovane coppia vive in una struttura dell'Associazione Pace In Terra Onlus. "Non vogliamo tornare nel nostro Paese, là la situazione è sempre più grave a causa della guerra - sottolinea Victor - Vogliamo trovare un lavoro onesto e ricostruire la nostra vita". 


Gli schiavi nel mondo

Migranti costretti a partire e a pagare cifre esorbitanti che vanno a riempire le tasche dei trafficanti, donne giovanissime ingannate con la promessa di un lavoro e poi costrette a vendere il loro corpo sui viali a luci rosse delle città italiane ed europee, lavori inumani e degradanti nei campi, in fabbrica, ma anche sfruttamento domestico e matrimoni combinati tra minori e uomini adulti. Sono queste alcune delle mille sfaccettature che compongono la schiavitù moderna. Secondo il "The Global Slavery Index Report 2018" - rapporto redatto in base alle stime della Walk Free Foundation, dell'International Labour Organization (Ilo) e dell'Organizzazione mondiale per le migrazioni (Oim) - circa 40,3 milioni di uomini, donne e bambini sono stati vittime del fenomeno. Il rapporto ha preso in esame 167 Paesi ed è emerso che India, Cina, Pakistan, Uzbekistan, Russia, Nigeria, Congo, Indonesia, Bangladesh e Thailandia, all'interno dei loro confini detengono il 70% della quota totale di schiavi. Solo in India, in cima alla classifica, le persone ridotte allo stato servile sono oltre 14 milioni


La ricorrenza

Per combattere questa piaga sociale il 2 dicembre si celebra la giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù. E' stata istituita dalle Nazioni Unite e ricorda la data in cui l'Assemblea generale approvò la convenzione dell'Onu per l'eliminazione del traffico di persone e dello sfruttamento della prostituzione, avvenuta il 2 dicembre 1949. "Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma". Sono le parole contenute nell'articolo quattro della Dichiarazione universale dei diritti umani, firmata a Parigi il 10 dicembre 1948. Parole che però vengono costantemente e quotidianamente smentite dagli episodi di cronaca che si verificano in ogni parte del mondo. 

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ANAGRAFE

Nel nome del padre e della madre

Sempre più genitori decidono di dare al neonato il cognome di entrambi. Le norme in Italia e nel resto d'Europa
Corruption Perceptions index 2019
CPI 2019

Percezione della corruzione: Italia solo 51/a

Transparency International: "Lieti di vedere un ulteriore miglioramento, ma speravamo in qualcosa di più"
Un aereo antincendio
SYDNEY | AUSTRALIA

Precipita un aereo antincendio: 3 morti

L'Ercole C-130 era scomparso dai radar, individuati i rottami nell'area di Snowy Monaro
Il luogo della sparatoria
USA

Seattle, sparatoria in strada: un morto e 7 feriti

Gli spari in un fast food, colpito anche un bambino di 9 anni
Juventus-Roma 3-1. L'urlo di gioia di Bentancur, il migliore in campo - Foto © Juventus
COPPA ITALIA

Juve travolgente, Roma affondata: 3-1 e semifinale

I giallorossi durano mezz'ora, poi cadono sotto i colpi di Ronaldo, Bentancur e Bonucci. Inutile il bolide di Under
ROMA

Ecco perchè Di Maio lascia la guida del M5S

Si apre una nuova fase per il Movimento. L'ex Capo politico dei Cinque Stelle chiede coraggio e dice: “Ho portato a...
SIRIA

Aleppo, continua la ricerca due Vescovi scomparsi

Comunicato congiunto delle Chiese a cui appartengono i due arcivescovi scomparsi nel 2013, il greco ortodsso Boulos Tazigi e il...
AUSTRALIA

Canberra, scoppia nuovo incendio: allertata la popolazione

Gli stati di Victoria e del New South Wales si preparano a fronteggiare un nuovo rischio incendi
CINQUE STELLE

M5S, Di Maio non è più il capo politico. Ipotesi Crimi

Il ministro lascia la guida del MoVimento, ma non esclude una sua ricandidatura.
L'ex Ilva di Taranto
TARANTO

I sindacati: "Tre esplosioni in Acciaieria 2"

Annamaria Furlan (Cisl): "Il governo convochi subito l'azienda"
Alluvione in Brasile
MALTEMPO

Le piogge devastano il Sud del Brasile

A un anno dalla tragedia causata dal crollo della diga nella miniera di "Corrego de Feião"
VOLO

Adr, 50 milioni di viaggiatori

Aeroporti di Roma chiude il 2019 con un record di passeggeri transitati dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino
PROCESSO

Quattro anni a Misseri per essersi autoaccusato del delitto di Avetrana

Condannato per depistaggio anche Ivano Russo. Le responsabilità per l'omicidio di Sarah Scazzi sono ricadute sulla...
Vini Doc
LOMBARDIA

Falso vino Doc nell’Oltrepo’ Pavese, cinque arresti

Spacciati per Doc e Igt vini di qualità inferiore addizionati con anidride carbonica