MERCOLEDÌ 13 APRILE 2016, 17:37, IN TERRIS

GRECIA, L'ABBRACCIO MATERNO DI UNA NONNA CHE ACCOGLIE I PROFUGHI

A pochi passi dal confine con la Macedonia Panagiota ospita in casa i migranti del Campo

EDITH DRISCOLL
GRECIA, L'ABBRACCIO MATERNO DI UNA NONNA CHE ACCOGLIE I PROFUGHI
GRECIA, L'ABBRACCIO MATERNO DI UNA NONNA CHE ACCOGLIE I PROFUGHI
In Grecia, frontiera dell'Europa per molti profughi, mentre la polizia macedone al confine lancia gas lacrimogeni e granate ai rifugiati, de tempo bloccati nel campo profughi di Idomeni, c'è la casa della signora Panagiota Vasileiadou. Una nonna che accoglie alla sua tavola quegli stessi profughi che sono stati respinti al confine. Quando entrano in casa, la signora li saluta e li abbraccia, proprio come fosse per loro una nonna adottiva.

Panagiota ha 82 anni e vive a Idomeni, in un villaggio di soli 150 abitanti, a pochi passi dal palco di una delle più grandi tragedie umanitarie degli ultimi decenni. Da quando la rotta balcanica è stata chiusa definitivamente lo scorso marzo, sono rimasti a Idomeni sono rimasti bloccati tra i 10 mila e 15 mila profughi. L'anziana signora accoglie tutti, come la famiglia Baraa, formata da rifugiati iracheni. "Questa vecchia donna ha reso la nostra vita più facile. Io la ringrazio tanto - spiega il padre famiglia -. La sua generosità rappresenta il popolo greco". In questi ultimi mesi Panagiota ha accolto centinaia di migranti, dando loro cibo, vestiti e quel poco che una donna può comprare con una pensione equivalente a 450 dollari (circa) al mese.

"A volte ho fatto torte di formaggio, uova, panini. Sapevo che sarebbero passate cinque, dieci, quindici persone e gliel'ho date" dice Panagiota, che sa molto bene cosa vuol dire non avere più nulla; lei stessa è figlia di profughi e ha perso tutto durante la seconda guerra mondiale. "Avevo sette anni quando la nostra casa è stata bruciata. Non avevamo più né un cucchiaio, né una forchetta, né pane né vestiti - prosegue -. L'unica cosa che c'era rimasta era la camicia da notte che indossavamo quella notte quando la casa è stata bruciata".

La nonna non conosce altre lingue all'infuori del greco, tuttavia la comunicazione tra Panagiota e i profughi che ospita a casa sua funziona ugualmente grazie a gesti ed abbracci che spesso fanno molto più delle parole. Le opere di bene che provenguono dal cuore comunicano con il linguaggio universale della solidarietà, che non conosce confini.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Militari turchi
SIRIA

Erdogan: "Sì all'attacco nell'enclave curda di Afrin"

Ankara: "L'operazione è legittima autodifesa"
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Papa Francesco celebra la Santa Messa a Trujillo Photo © Twitter
PAPA IN PERÙ

"In mezzo al dolore Dio ci offre la sua mano"

Testo completo dell'omelia pronunciata sulla spianata costiera di Huanchaco, a Trujillo
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone
Un frame del film
CINEMA

"Augustine", la vita di Sant'Agostino diventa un film

Grande produzione internazionale tra Algeria e Tunisia diretta da Samir Seif