MERCOLEDÌ 25 LUGLIO 2018, 10:10, IN TERRIS


ITALIA

Gli adolescenti potranno cambiare sesso con un farmaco?

Il Comitato nazionale di bioetica dà parere positivo. Preoccupato il Family Day: "Serve confronto scientifico"

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Piccolo calciatore in maglia rosa
Piccolo calciatore in maglia rosa
È

 possibile bloccare la pubertà in preadolescenti cui è stata diagnosticata la disforia di genere, che percepiscono cioè di appartenere a un genere sessuale diverso dal proprio biologico? Da un punto di vista farmacologico sì, da un punto di vista etico tuttavia esistono grosse perplessità. Il dibattito, che in Gran Bretagna si è ormai lasciato alle spalle la fase della sperimentazione per entrare in quella dell'applicazione a regime, in Italia si appresta a suscitare le prime polemiche. Nei giorni scorsi, infatti, il Comitato nazionale per la bioetica (Cnb), interpellato dall'Aifa, ha espresso un parere positivo circa l’uso della triptorelina - che è appunto un farmaco che blocca la pubertà - nei casi di diagnosi di disforia di genere. Si sono registrati due astensioni e un solo voto contrario, quello della prof.ssa Assuntina Morresi.


I pareri favorevoli

La questione era stata sollevata a marzo, quando l'Aifa - dopo la sollecitazione della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità, della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica e dell’Osservatorio Nazionale sull’Identità di Genere - aveva deciso di autorizzare la somministrazione di questo farmaco. Decisione che era stata salutata con favore da una parte della comunità scientificaAlessandra D. Fisher, afferente alla Sod di Medicina della Sessualità e Andrologia, aveva commentato: “Numerose evidenze scientifiche mostrano come la sospensione della pubertà indotta dalla triptorelina in casi selezionati e attentamente seguiti di adolescenti con disforia di genere sia in grado di ridurre in modo significativo i problemi comportamentali ed emotivi e il rischio suicidario, nonché di migliorare il funzionamento psicologico generale”.


Le critiche

Quello dei "casi selezionati" è però un punto intorno al quale si annodano polemiche. Sul tema è intervenuto il Centro Studi Rosario Livatino, per esprimere la propria contrarietà al parere del Cnb sottolineando che "la cautela all’uso del prodotto esposta nelle 'raccomandazioni' somiglia troppo alla tecnica adoperata in talune leggi – per tutte, la 194/1978 (sull'aborto, ndr) – che, prospettando deroghe in 'casi particolari', in realtà introduce un cambio di regime con immediata applicazione a chiunque, in violazione del principio di precauzione". Il gruppo di giuristi cattolici, pertanto, ritiene che il Cnb avrebbe dovuto dare un parere negativo nei confronti di un percorso farmacologico "controverso e potenzialmente pericoloso per la salute fisica e psichica dei minori coinvolti". Dello stesso avviso è il prof. Massimo Gandolfini, che "come medico e presidente del Family Day" esprime "grande preoccupazione". “Lo stesso Cnb - prosegue il neurochirurgo - ha infatti evidenziato potenziali rischi legati alla incertezza delle conseguenze sulla salute fisica e psichica degli adolescenti; dai possibili danni alla crescita della struttura scheletrica e metabolica a quelli relativi allo sviluppo sessuale ed emotivo". Gandolfini ricorda quindi "gli strazianti effetti rilevati nei Paesi che hanno fatto largo ricorso a questi farmaci. I casi di disforia di genere sono aumentati in maniera esponenziale, alimentando così un processo socio culturale che ha completamente slegato il dato biologico alla percezione di sé". Di qui la richiesta da parte del leader del Family Day di "un rigoroso confronto tecnico-scientifico alla luce della bibliografia internazionale, che coinvolga il Consiglio e l'Istituto Superiore di Sanità, nonché la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, al fine di tutelare al massimo la salute di giovani adolescenti particolarmente fragili sul piano psicoaffettivo, sottraendoli a pericolose e dannose derive ideologiche. Solo dopo un ampio, rigoroso e approfondito dibattito fra esperti si potranno formulare conclusioni veramente scientifiche".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua