LUNEDÌ 11 MARZO 2019, 00:01, IN TERRIS

"Farmaco gender gratuito? Ecco perché ho votato no"

Parla Assuntina Morresi, unica ad opporsi alla triptorelina nel Comitato nazionale di bioetica

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Gender
Gender
C

ambiare sesso? Un gioco da ragazzi. Anzi, da adolescenti. Il 25 febbraio scorso, infatti, è stata inserita in Gazzetta ufficiale la decisione dell’Agenzia del farmaco (Aifa) che rende la triptorelina prescrivibile “a totale carico del Servizio sanitario nazionale”. Via libera, dunque, a quello che è conosciuto anche come “farmaco gender”, in quanto può essere utilizzato per bloccare la pubertà degli adolescenti che si sentono a disagio con il proprio sesso biologico (soffrono di disforia di genere). Costoro vengono così lasciati in una sorta di “limbo sessuale” durante il quale dovrebbero riflettere sulla propria identità e, giunti alla maggiore età, decidere se cambiare sesso attraverso un’operazione chirurgica. L’apertura all’utilizzo del farmaco ha suscitato un vespaio di polemiche, data la delicatezza del tema e le sue ripercussioni mediche e sociali. L’estate scorsa il Comitato nazionale di bioetica si espresse a favore della triptorelina per curare la disforia di genere. Unico voto contrario (ci furono due astenuti) fu quello della prof.ssa Assuntina Morresi, docente di Chimica Fisica all’Università di Perugia. In Terris l’ha intervistata.

Prof.ssa, perché votò contro?
“Per motivazioni di merito e di metodo, che ho cercato di spiegare in una nota allegata al parere. Sul piano scientifico, allo stato attuale, non ci sono evidenze dell’efficacia di questo farmaco per il trattamento della disforia di genere nella fase dell’adolescenza. Niente si sa degli effetti fisici a lungo termine di questi trattamenti, perché i dati scientifici ci sono solo per la triptorelina usata per interrompere la pubertà ‘patologica’, quando arriva precocemente (7-9 anni), non quando è fisiologica (12 anni). La disforia di genere spesso si accompagna ad atteggiamenti autolesionisti, sofferenza di tipo psicologico, ma bisognerebbe capire se la disforia di genere è causa o effetto di tutto ciò. In chi inizia il trattamento di blocco della pubertà fisiologica si verifica inoltre un disallineamento tra lo sviluppo cognitivo e quello fisico: il primo va avanti mentre il secondo resta bloccato in uno stato “neutrale” di prima pubertà. E allora come è possibile in queste condizioni di non appartenenza a nessun genere, formarsi un’identità sessuale?”.

Nella sua postilla affronta anche il tema del consenso informato...
“È necessario spiegare ai giovani che questo trattamento potrebbe implicare in futuro delle conseguenze: non sappiamo se l’interruzione della pubertà fisiologica possa averne di negative sulla crescita, sulla struttura scheletrica e soprattutto sulla loro fertilità futura. I ragazzini a dodici anni non hanno consapevolezza sull’importanza di poter avere figli, da adulti”.

Se mancano le sperimentazioni, da che deriva la convinzione da parte dei fautori della triptorelina?
“Questo bisognerebbe chiederlo a loro. Io ritengo sia un precedente pesante: noi facciamo rimborsare al Servizio sanitario nazionale un farmaco con una notevole incidenza sulla vita delle persone senza aver raccolto sufficienti sperimentazioni”.

In Gran Bretagna si registra un’impennata di ragazzini che soffrono di disforia di genere e che iniziano il percorso per cambiare sesso. Cosa ne pensa?
“Sicuramente fa pensare e non possiamo non chiederci perché i casi siano aumentati tantissimo in quest’ultimo periodo. Soprattutto dovrebbero chiederselo i sostenitori del metodo: non sono io che devo spiegare il successo di un percorso che non condivido affatto”.

La decisione dell’Aifa è irreversibile?
“È pubblicata in Gazzetta ufficiale. Il Ministero della Salute sicuramente poteva intervenire prima, era a conoscenza di quanto stava succedendo, e comunque potrebbe ancora prendere iniziativa. Ricordo che quando la pillola abortiva RU486 fu introdotta in Italia mediante procedure dell’ente europeo di farmacovigilanza, l’allora ministro della Salute Maurizio Sacconi scrisse alla Commissione Ue per spiegare che la commercializzazione in Italia era subordinata al rispetto della legge 194. L'aborto in Italia doveva continuare ad effettuarsi interamente all’interno delle strutture pubbliche previste dalla legge, non certo rimandando a casa le donne dopo aver dato loro la pillola abortiva. Per questo il Ministero emanò linee di indirizzo per chiedere il ricovero ospedaliero per l’intera durata del percorso, unici in Europa, e il tutto basato su pareri del Consiglio Superiore di Sanità. E ancora: con un governo non particolarmente sensibile a certi temi, come quello della scorsa legislatura, quando in Europa è stato tolto l’obbligo di ricetta per la pillola dei cinque giorni dopo, il ministro Lorenzin chiese comunque un parere a riguardo al Consiglio superiore di sanità. In questi due casi si trattava di richieste da parte dell’Europa, quando è più difficile opporsi. L’iniziativa sulla triptorelina è invece tutta italiana, non ce lo chiede l’Europa, ma deriva da una richiesta all’Aifa di alcune società scientifiche italiane”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
FILMOTECA VATICANA

La settima arte all’ombra del Cupolone

Settanta anni di cinema sulla Cattedra di Pietro. Il racconto inedito della fede in celluloide
Il Servo di Dio, Giulio Salvadori, verso la beatificazione
MAESTRO DI SPIRITUALITÀ

130 anni fa il letterato Giulio Salvadori tornò alla fede

Uomo del dialogo e cultore dell'incontro, ebbe come allievi alla Cattolica il cardinale Colombo e Fanfani
Alberto Sordi - Nando Moriconi in una scena del film
FALSI MITI

L'esterofilia nel calendario

Boom di nomi esotici e feste che non hanno radici nella cultura italiana
Ex Ilva al capolinea?
TARANTO

Ex Ilva: cancellato lo "scudo penale"

Mons. Santoro: "No al licenziamento di 5mila persone, la politica intervenga"
Marco Simoncelli
MOTOCICLISMO

Marco Simoncelli: a 8 anni dalla morte il mito continua

Il ricordo del Sic, scomparso il 23 ottobre 2011, resta indelebile grazie a papà Paolo
La vittima, Angela Stefani e l'ex compagno, Vincenzo Caradonna
SALEMI | TRAPANI

Morte di Angela Stefani: arrestato l'ex compagno

L'uomo è accusato di omicidio volontario e distruzione e occultamento di cadavere
Fabbrica tessile
ACLI - UNIONCAMERE

Potenziato l'Osservatorio dei mestieri

Ha l’obiettivo di analizzare l’andamento dei "mestieri popolari" valutandone le prospettive...
La sede bolognese della Bio-on
OPREZIONE

Tsunami Bio-on: arrestato manager e sequestrati 150 milioni

A rischio centinaia di posti lavoro negli stabilimenti di Bologna, Bentivoglio, Minerbio e Castel San Pietro
Il Villaggio della Gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII a Forlì
CESENA

Ecco il Villaggio della Gioia sognato da don Benzi

"Se offri a una persona la possibilità di vivere diversamente, può essere che cambi"
Pos

Contante? Si coglie nel segno

La polemica sulle misure per limitare l’uso del contante è difficile da capire. Premesso che nel...
Mondo di mezzo
MONDO DI MEZZO

La Cassazione ha deciso: non fu Mafia Capitale

Con la sentenza dei giudici della Corte Suprema decade l'aggravante del 416 bis
L'ambulanza ha terminato la sua corsa contro un muro
PAURA IN NORVEGIA

Oslo, ruba un'ambulanza e si lancia sulla folla

Cinque feriti, tra i quali due gemellini di sette mesi. Fermati un uomo e una donna: sospetti sugli ambienti di estrema destra