GIOVEDÌ 17 GENNAIO 2019, 15:12, IN TERRIS


MALAWI

Ecco la donna che salva le spose bambine

Inkosi Theresa Kachindamoto è capo anziano di una tribù di 900 mila persone ed ha annullato 800 matrimoni

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Theresa Kachindamoto
Theresa Kachindamoto
S

i chiama Inkosi Theresa Kachindamoto ed è la leader di una tribù del distretto di Dedza, in Malawi. Questa donna è diventata tredici anni fa capo anziano di una comunità di oltre 900 mila persone. In tale veste si è impegnata tenacemente per sconfiggere il fenomeno delle spose bambine.


L'impegno

In Malawi è vietato il matrimonio civile dei minori. Tuttavia, questa triste consuetudine di perpetua ugualmente perché molti scelgono il rito tradizionale tribale. In questi anni, Inkosi Theresa Kachindamoto è riuscita a sciogliere oltre 800 matrimoni di questo tipo. E' riuscita in questo modo a salvare 500 bambine e 300 bambini, consentendo loro di tornare a studiare a scuola. “I bambini - ha dichiarato la donna - non devono sposarsi prima del tempo, devono andare a scuola. Il loro compito non è fare le faccende domestiche o accudire i figli ma studiare perché solo l’istruzione può garantire loro un futuro". 


La situazione nel Paese

Secondo un sondaggio delle Nazioni Unite pubblicato nel 2012 più della metà dei matrimoni in Malawi avvengono prima di aver compiuto i 18 anni. Il Paese africano è all'ottavo posto per quanto riguarda il tasso di matrimoni contratti da minori. Tra le triste tradizioni che si perpetuano anche quella di mandare le bambine destinate le ragazzine destinate al matrimonio in campi di iniziazione sessuale noti come "kusasa fumbi". Questi sono luoghi in cui viene calpestata la dignità umana.


Il coraggio

Di nobili origini, Inkosi Theresa Kachindamoto faceva la segretaria un college a Zomba, in un'altra regione del Paese. Richiamata dalla famiglia a guidare la sua tribù, la donna si è da subito adoperata per debellare questa piaga così diffusa nelle diverse tribù del Malawi. Appena arrivata, ha raccontato, rimase turbata dalla vista di bambine sposate con uomini adulti. Allo shock fece subito seguire i fatti, impegnandosi attivamente a convincere la sua tribù ad abbandonare questa pratica e ottenendo quindi la soppressione di ben 800 unioni finora. Per quest'attività, però, la donna non è ben vista dagli altri capi anziani ed è stata anche aspramente criticata. Segna di una mentalità dura a morire. Il lavoro di Inkosi Theresa Kachindamoto rappresenta un segno di speranza nel contesto del Malawi. 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua