MARTEDÌ 21 GENNAIO 2020, 12:37, IN TERRIS

TV

Don Aldo Buonaiuto:"Mai più indifferenza per i bambini sfruttati"

A Storie Italiane l'inchiesta sulla prostituzione minorile a Napoli e le insidie della conservazione dei cordoni ombelicali. Il monito del sacerdote di frontiera della Comunità Papa Giovanni XXIII

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
E'

 il buco sul muro che vedete nella foto qui sopra l’immagine più inquietante dell’inchiesta che la puntata odierna di Storie Italiane ha mandato in onda sulla pedofilia a Napoli. Bambini che si prostituiscono nel quartiere partenopeo di Poggioreale, a poche centinaia di metri dal Centro direzionale, dal tribunale, dalla sede della Regione Campania, da una scuola elementare e da una parrocchia. In quel buco su un muraglione si infilano i pedofili per consumare rapporti sessuali con minori che si vendono per venti-trenta euro. Il programma di Rai 1 condotto da Eleonora Daniele ha documentato attraverso i reportage dei propri inviati e il commento degli esperti in studio la piaga della prostituzione minorile. Sono centinaia di bambini costretti a vivere tra rifiuti tossici e degrado sociale estremo, vittime di un mercimonio criminale che si svolge tra il palazzetto dello sport abbandonate e le sterpaglie a ridosso del campo rom.


Scandaloso abbandono

“Come comunità al servizio degli ultimi, siamo presenti nei paesi più poveri e degradati del pianeta, ma una situazione del genere non è facile trovarla neppure nel terzo mondo- afferma don Aldo Buonaiuto, sacerdote anti-tratta della Comunità Papa Giovanni XXIII-. Nessuno può tacere di fronte all’orrore di questi atti criminali sui bambini. La prostituzione è un reato gravissimo e l’indifferenza di una società diventa complicità e correità se le istituzioni non sono spinte da noi tutti a muoversi nella maniera più forte e risolutiva. In una nazione civile nessun minore deve vivere in condizioni di totale abbandono e scandaloso degrado. E’ una vergogna inammissibile”. Il sacerdote di frontiera che prosegue sulle orme di don Oreste Benzi l’impegno per la liberazione da ogni forma di schiavitù richiama poi l’attenzione sui “cosiddetti clienti”, cioè “sui criminali pedofili che si sentono in diritto di acquistare i corpi di bambini innocenti e indifesi: esistono leggi che permettono di intervenire nella maniera più netta ed efficace” Quindi, avverte don Buonaiuto, “bisogna intervenire subito sui genitori e i familiari affinché questi minori vengano seguiti e accompagnati dai servizi sociali”. Da qui il monito: “Non devono mai più accadere ingiustizie e crimini abietti sulla pelle di questi piccoli. I bambini devono andare a scuola, non possono vivere in un tugurio simile”.


Il business dei cordoni ombelicali

La trasmissione ha poi affrontato un altro tema di stringente attualità sul quale in studio si è articolata un’accesa discussione tra gli ospiti del programma. Si tratta di una nuova frontiera della bioetica che riguarda migliaia di famiglie italiane che conservano al di fuori dei confini nazionali il cordone ombelicale dei propri figli in strutture private.  Nei mesi scorsi è stata denunciata dall'Ufficio federale della Sanità pubblica elvetico (per violazione della legge sui trapianti e inadempimento degli obblighi di notifica e di cooperazione) un'azienda che si occupa della conservazione di sangue da cordone ombelicale con sede in Svizzera . Sono coinvolte 15 mila famiglie italiane che, a pagamento, vi hanno depositato il sangue cordonale per poi ritrovarsi, a loro insaputa, a dover cercare in Polonia il cordone embrionale conservato. Don Aldo Buonaiuto, in due distinti interventi nel corso dello spazio dedicato al tema, ha riferito ai telespettatori e agli altri ospiti della trasmissione la posizione della Chiesa su questo delicato ed eticamente complesso argomento.


"Non è un soprammobile"

“La posizione della Chiesa non è contraria all’utilizzo di cellule staminali adulte quali sono quelle estratte dal cordone ombelicale, mentre non ammette l’uso di cellule embrionali - osserva don Buonaiuto-. Al tempo stesso , però, occorre mettere in guardia le famiglie dal mercato legato alla conservazione del cordone ombelicale. E’ evidente, infatti, che si sta sviluppando un notevole giro d’affari basato sul comprensibile desiderio di fare qualcosa che si ritiene benefico per la salute del proprio figlio in caso di necessità”. Ma è proprio su ciò che si nasconde dietro questo business che il sacerdote di frontiera esorta a fare attenzione: “La donazione e non la conservazione ha un senso dal punto di vista medico e scientifico. Il cordone non serve per un eventuale trapianto a favore del figlio di chi lo conserva ma per altri perché presenta lo stesso difetto genetico dell’individuo”. Quindi, chiede don Buonaiuto, “non esiste una contrarietà etica a depositare il cordone ombelicale, ma quale altra motivazione può esserci se non quella medica? Si pensa forse di farne un soprammobile? Attenti a non favorire un commercio a esclusivo vantaggio di aziende private”. E aggiunge: “Proprio ciò che è accaduto a queste famiglie italiane tra Svizzera e Polonia non è affatto normale. E’ un diritto di chi deposita il cordone sapere che uso ne viene fatto e dove viene conservato”

 

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
PISA

Scoppia air bag, muore neonato: indagati i genitori

La Procura di Pisa: atto dovuto in vista dell'autopsia
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "I miti? Non sono fiacchi, sono fatti per il Cielo"

Continuano le catechesi del Pontefice sulle Beatitudini del Vangelo di Matteo
SENATO

Conte: "Il consiglio Ue? Si annuncia complesso e complicato"

Le dichiarazione del premier a Palazzo Madama alla vigilia del Consiglio europeo
Fayez al-Sarraj
CRISI LIBICA

Sarraj abbandona i colloqui di Ginevra

Dopo l'attacco di Haftar nel porto di Tripoli a una nave turca che trasportava armi
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo