LUNEDÌ 20 GIUGNO 2016, 002:30, IN TERRIS

CRISI ALIMENTARE IN VENEZUELA: CENTINAIA DI ARRESTI PER I SACCHEGGI

Il Paese è in preda a una grave crisi economica e alimentare. L'opposizione accusa Maduro di essere l'unico responsabile per la situazione

EDITH DRISCOLL
CRISI ALIMENTARE IN VENEZUELA: CENTINAIA DI ARRESTI PER I SACCHEGGI
CRISI ALIMENTARE IN VENEZUELA: CENTINAIA DI ARRESTI PER I SACCHEGGI
Centinaia di arresti e indagini ancora in corso: la polizia Venezuelana sta cercando di arginare le conseguenze della crisi alimentare che sta colpendo il Paese ormai da settimane e che ha portato a un'ondata di saccheggi e violenze. Ad aggravare la situazione, l'instabilità politica di una nazione che da anni deve confrontarsi con la piaga della povertà.

Sono stati decine i panifici, i supermercati e i ferramenta presi da'assalto dalla popolazione della città di Cumana, uno dei tanti villaggi colpiti dalla crisi che ha portato alla morte di 4 persone.  Il presidente della Camera di Commercio di Cumana, Ruben Saud, ha commentato l'ondata di rapine non nascondendo il suo sconforto: "è finita in totale rovina, perchè i negozi non hanno subito soltanto il furto della merce ma anche quello degli arredi. E' stata la distruzione totale".

Secondo quanto riportato da testimoni, tutto è iniziato quando bande di "sciacalli" in sella a motociclette hanno razziato i tir che trasportavano gli alimenti. Il governatore dello stato di Sucre, dove si trova Cumana, ha dichiarato all'emittente televisiva di stato Vtv che "oltre 400 persone" sono state arrestate, compresi i tre sospetti leader di una banda coinvolta nei saccheggi. Altri arresti sono stati inoltre segnalati in numerose città.

Ad essere sotto accusa, ora, è il presidente Nicolas Maduro: i suoi oppositori lo incolpano della pesante crisi economica che sta piegando il Paese e che ha portato i cittadini a dover convivere con la mancanza di generi e prodotti di prima necessità. Maduro, però, non accetta tali accuse e attribuisce la crisi alla "guerra economica" ingaggiata contro il suo governo di sinistra dall'elite imprenditoriale. Il presidente, inoltre, ha più volte accusato l'opposizione di fomentare i disordini per portare a un intervento straniero e destituirlo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Minore sul web
PEDOPORNOGRAFIA

Il 53% delle vittime ha 10 anni o meno

L'allarme è contenuto nell'ultimo rapporto dell'Unicef su web e minori