GIOVEDÌ 05 OTTOBRE 2017, 18:00, IN TERRIS


PROSTITUZIONE

Corte di Cassazione riconosce Apg23 parte civile nei processi contro la tratta

Lo ha stabilito l'Alta Corte. Ramonda: "Sentenza storica". Don Aldo Buonaiuto: "Ci incoraggia"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici

La Corte di Cassazione ha confermato il riconoscimento della Comunità Papa Giovanni XXIII come parte civile lesa in un processo per tratta di esseri umani. Lo ha stabilito la sentenza n. 50066 del 4 ottobre 2017, nella quale l’Alta Corte conferma le sentenze di condanna dei gradi precedenti, come stabilito dalla Corte di Assise di Frosinone, e contestualmente riconosce la Comunità di don Benzi come parte civile nei processi per reati di tratta di esseri umani.


Il presidente Ramonda

“E’ una sentenza storica” commenta Giovanni Paolo Ramonda, Presidente di Apg23. “Per la prima volta, con questa sentenza, definitiva, viene riconosciuto il ruolo fondamentale della Comunità Papa Giovanni XXIII nella lotta alla tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale in Italia. E’ un implicito riconoscimento alla battaglia che ha combattuto il nostro fondatore, don Oreste Benzi, a partire dal 1990. Tra poche settimane ricorderemo i 10 anni della sua scomparsa. Questa sentenza ci incoraggia a continuare il lavoro iniziato dal nostro fondatore, fintanto che tutte le ragazze schiave del sesso non saranno liberate”.


L’intervento di don Aldo Buonaiuto

A margine della sentenza, è giunto anche il commento di don Aldo Buonaiuto, membro di Apg23 e direttore di In Terris. “Mi unisco – ha detto – al plauso del presidente Ramonda per questo prezioso riconoscimento che ci incoraggia ad essere in prima linea per liberare le donne schiavizzate mettendoci dalla loro parte. Coloro che sfruttano e comprano il corpo di queste giovanissime donne vanno fermati ed è necessario un salto di qualità culturale dove si superi un certo maschilismo imperante e si combatta qualsiasi forma di connivenza con i racket. Le donne costrette a prostituirsi sono in forte aumento e non si può restare inermi dinanzi ai tanti traffici vergognosi”.


“Questo è il mio Corpo”

In occasione dei 10 anni della scomparsa di don Oreste Benzi, si terranno in tutta Italia numerosi eventi per ricordarlo, che culmineranno in un Convegno a Rimini il prossimo 31 Ottobre 2017. La Comunità Papa Giovanni XXIII promuove, insieme ad un cartello di associazioni, l’iniziativa Questo è il mio Corpocampagna di liberazione per le vittime della tratta e della prostituzione. La proposta, ispirata al modello nordico, ha l’obiettivo di ridurre sensibilmente il fenomeno colpendo la domanda e multando i clienti delle persone che si prostituiscono.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo