LUNEDÌ 29 APRILE 2019, 20:29, IN TERRIS


SCONTRI A TRIPOLI

Corridoi umanitari, in 147 arrivati dalla Libia

I profughi sbarcati a Pratica di Mare grazie alla soluzione attivata dal governo italiano: fra loro 68 minori

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Aereo
Aereo
S

ono atterrati all'aeroporto di Pratica di Mare (alle porte di Roma) 147 richiedenti asilo, arrivati da Misurata, in Libia, grazie a un corridoio umanitario attivato dall'Italia in seguito all'intensificazione degli scontri nel Paese nordafricano. Fra di loro, tante mamme con bambini per un totale di 68 minorenni, 46 dei quali non accompagnati. Una soluzione che segue l'appello di Papa Francesco durante il Regina Coeli e anche l'allarme lanciato dall'Amsi sull'incremento del bilancio delle vittime provocate dal conflitto avviato dalle forze della Cirenaica dei Khalifa Haftar, entrambi arrivati nella giornata di ieri. Era stato in particolare il Santo Padre a incoraggiare l'uso di questa soluzione per mettere in salvo i civili e dei profughi, costretti in una situazione "resa ancora più pericolosa dal conflitto in corso". Il Pontefice aveva fatto appello affinché "specialmente le donne, i bambini e i malati possano essere al più presto evacuati attraverso corridoi umanitari".


La situazione in Libia

La soluzione dei corridoi umanitari era stata auspicata a più riprese fin dall'inizio degli scontri nella zona attorno a Tripoli, i quali proseguono nonostante i ripetuti appelli a far tacere le armi per consentire la discussione di una soluzione diplomatica. Non solo, invece, si continua a dar parola alla violenza ma la situazione risulta ulteriormente aggravata nelle ultime ore, specie dopo la serie di raid aerei mess in atto due notti fa a sudovest della capitale: secondo i dati dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), oltre ad aumentare il numero dei morti (300, tra cui 90 bambini e almeno 100 donne) è salito anche quello degli sfollati, al momento 40 mila (il 50% donne, il 25% minori). Da qui la mossa italiana di favorire l'evacuazione di 147 profughi dei centri sulla costa libica, a conferma della volontà del nostro Paese di lavorare per una soluzione che tuteli innanzitutto la popolazione vittima degli scontri.


Arrivo a Pratica di Mare

Ad attendere i 147 richiedenti asilo a Pratica di Mare ci sarebbe dovuto essere anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ma dal Viminale è stato specificato che, a causa di impegni, al suo posto era presente il sottosegretario Stefano Candiani: "Si tratta di un’evacuazione umanitaria - ha spiegato -, arriva per via aerea chi necessita di protezione, dopo le verifiche dell’Acnur. Ci sono anche 5 neonati". Soddsifazione anche dal ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, che ha specificato la partecipazione del suo Ministero all'attivazione del corridoio umanitario.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
REGINA COELI

Libia, l'appello del Papa: "Corridoi umanitari per i profughi"

Il Santo Padre ai fedeli: "Nelle piaghe di Cristo la forza per la missione"

Papa Francesco
Il corpo di Gesù crocifisso era come 'un sacco di misericordia' che, attraverso le piaghe, veniva a tutti noi". E' un...

Libia, l'allarme di Amsi: "I morti sono 300"

Secondo l'Associazione si aggrava anche il bilancio degli sfollati. Nella notte, serie di raid attorno a Tripoli

Fumo da Tripoli
NEWS
Mercantile in porto
MERCATO DEL LAVORO

L’economia del mare a quota 200 mila imprese

Alla giornata nazionale della Blue economy (24-26 ottobre) le aziende del settore marittimo si incontrano a Formia e Gaeta
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
Papa Francesco durante l'Udienza - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "L'evangelizzatore favorisce l'incontro di cuori"

Il Santo Padre continua la sua catechesi sugli Atti degli Apostoli
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Boris Johnson
REGNO UNITO

Johnson arretra sul backstop, Brexit verso l'accordo

Il premier avrebbe accettato la condizione di Bruxelles, sganciando Belfast dal nuovo mercato britannico
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli