GIOVEDÌ 18 APRILE 2019, 15:47, IN TERRIS


REPORTER SENZA FRONTIERE

Come sta la libertà di stampa nel mondo

Norvegia ancora prima, calano gli Usa, superati dall'Italia. Ultimo il Turkmenistan

LUCA LA MANTIA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'infografica di Rsf sulla libertà di stampa nel mondo
L'infografica di Rsf sulla libertà di stampa nel mondo
L

a Norvegia si conferma per il terzo anno consecutivo il miglior Paese al mondo per libertà di stampa, seguita dalla Finlandia e dalla Svezia, che perde una posizione per via della recrudescenza del cyberstalking. La classifica, come di consueto, è redatta da Reporter Senza Frontiere, ong francese che monitora lo stato di salute del giornalismo sul pianeta. 


Classifica

L'Olanda passa dal secondo al quarto posto, visto che due giornalisti risultano sotto scorta perché minacciati dalla criminalità organizzata. Buone notizie provengono dal continente africano, nel quale Etiopia e Gambia registrano progressi significativa. La prima sale al 110cimo posto, la seconda al 92esimo. Perdono posizioni diversi Stati governati da regimi autoritari, come il Venezuela, che scende di 5 gradini (148°). Il forcing sul web e sui media independenti, arresti e leggi draconiane volute dal Cremlino costano alla Russia una posizione (149°). Calano Vietnam (176°) e Cina (177°). La Corea del Nord non è più ultima, "battuta" dal Turkmenistan.


Il caso americano

In generale la situazione va peggiorando. Se nel 2018, spiega Rsf, nel 26% dei 180 Paesi analizzati la situazione della stampa era "buona" (zona bianca) o "abbastanza buona" (zona gialla), quest'anno il dato è calato al 24%. Fa discutere, in particolare, il caso degli Stati Uniti, che perdono 3 posizioni e scivolano al 48esimo posto, finendo nella zona arancione. Il clima nei confronti dei giornalisti, aggiunge la ong, è sempre più ostile, complici i frequenti attacchi di Donald Trump alla categoria. Mai come quest'anno i cronisti Usa sono stati oggetto di tante minacce di morte. Il clima è tale che nel Maryland un uomo ha aperto il fuoco all'interno della redazione del quotidiano locale The Capital Gazette, uccidendo 5 persone. 


Nel mirino 

Ma minacce, insulti e attacchi fanno parte dei "rischi aziendali" delle testate di numerosi Paesi. In India (che perde due posizioni), ad esempio, chi critica l'ideologia nazionalista induista viene considerato "anti-indiano", divenendo oggetto di campagne d'odio online. Senza dimenticare i 6 giornalisti uccisi nel grande Paese asiatico. In Brasile (-3 posti), alcuni sostenitori del presidente Jair Bolsonaro hanno più volte minacciato o aggredito reporter. 


Bene ma non troppo

E' l'Italia? Migliora, passando dal 47esimo al 43esimo posto nel giro di due anni (nel 2018 era 44esima). Performance che ci consente di superare gli Usa. Ma, avverte Rsf, "molti giornalisti italiani sono stati apertamente criticati e insultati per il loro lavoro da esponenti politici, in particolare del Movimento 5 Stelle, che non hanno esitato a chiamarli 'infimi sciacalli' o 'prostitute', per questo alcuni di loro preferiscono autocensurarsi per evitare pressioni". Il riferimento indiretto, in particolare, è a Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, che si rivolsero così a parte della stampa dopo l'assoluzione di Virginia Raggi dalle accuse di falso nel caso nomine. 

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Roma-Basaksehir 4-0. Nicolò Zaniolo esulta dopo aver siglato il tris giallorosso - Foto © Twitter
EUROPA LEAGUE

Roma sul velluto, Basaksehir affondato: 4-0

All'Olimpico apre un'autorete di Caiçara, poi Dzeko, Zaniolo e Kluivert. La Lazio cade a Cluj
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
L'ente pubblico che riscuote i tributi
ECONOMIA

Partito l'evasometro: monitora i conti correnti degli italiani

Vaglierà i movimenti e li metterà a confronto con la dichiarazione dei redditi. Strumento retroattivo fino a 5...
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Emmanuel Macron e Giuseppe Conte
ITALIA - FRANCIA

Macron a Conte: "L'amicizia con l'Italia è indistruttibile"

Tra le intese confermate, quella sul dossier libico: "Convergenza franco-italiana"
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
Scozzesi in abiti tradizionali sventolano la St. Andrew's Cross
L'ANNIVERSARIO

IndyRef, la Scozia a cinque anni dalla scelta pro-Uk

Dall'exploit post-voto dell'Snp allo scetticismo per il Ref2. Ma la Brexit è un'incognita che continua a...
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande