DOMENICA 18 NOVEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS


GIORNATA MONDIALE DEI POVERI

Come si combatte lo spreco alimentare

Numerose realtà in Italia recuperano alimenti e li donano ai bisognosi

MANUELA PETRINI
Cibo sprecato
Cibo sprecato
Q

uanto cibo sprechiamo? Gli italiani gettano 100 grammi di alimenti ogni giorno, una quota che moltiplicata per 365 fa 36,5 chili gettati ogni anno della spazzatura. Sono i dati raccolti dal progetto Reduce, coordinato da Luca Falasconi dell'Università di Bologna. Ogni anno, la famiglia media butta 84,9 chilogrammi, dato che a livello nazionale fa salire il conto a 2,2 milioni di tonnellate di cibo. E questo solo nel Belpaese. Un paradosso se si considera che - a livello globale - si parla di incrementare la produzione alimentare del 60-70% per nutrire una popolazione destinata a crescere sempre di più. E su cui occorre interrogarsi in occasione della seconda edizione della Giornata dei poveri, voluta da Papa Francesco


Cosa fare per risolvere il problema? 

Un problema, quello dello spreco del cibo, che si potrebbe risolvere con piccoli accorgimenti quotidiani; consumare prima gli alimenti con una scadenza ravvicinata; posizionare i prodotti nel giusto ripiano del frigorifero per una migliore conservazione; chiedere la family bag o la doggy bag al ristorante; controllare cosa si ha in casa o cosa manca prima di andare al supermercato per la spesa.


Gli Acchiappacibo

Ma lo spreco alimentare non è solo un problema domestico. Compleanni, matrimoni, meeting aziendali, eventi sportivi o culturali. Sono innumerevoli le occasioni in cui grandi quantitativi di cibo rischiano di finire nella pattumiera, ma sono altrettante le opportunità di affidarli a una rete di assistenza per i più bisognosi. Ad Ancona, per esempio ci sono i "Foodbusters" che, come si legge nel loro sito, "hanno deciso di dichiarare guerra allo spreco alimentare". Ma da chi è composta la squadra operativa? L'associazione è nata nel 2016 da un'idea di Diego Carloni e della moglie Simona Polella, insieme al loro amico Marcello Santalucia. Il loro raggio di azione spazia dai matrimoni ai meeting aziendali, dai compleanni alle feste di laurea, ma anche addii al celibato.... Gli operatori "acchiappacibo" coordinano la loro azione direttamente con gli sposi, i weeding planner o i gestori del ristorante. Una volta terminata la festa e indossate, mascherine, cuffiette e guanti - per il giusto rispetto delle norme igieniche - si recano nelle cucine dei vari locali e impacchettano il cibo e si preparano a distribuirlo. Valgono però due regole: si ritirano solo pietanze cotte e soltanto dalle cucine, quindi niente avanzi già in tavola lasciati nei piatti. 


A chi è destinato il cibo? 

Una volta caricati in un furgone refrigerato, gli alimenti vengono distribuiti nel giro di poche ore. I destinatari sono case famiglia, strutture di accoglienza per senza fissa dimora o migranti, famiglie in difficoltà o mense sociali. In generale le strutture cui devolvere gli alimenti ritirati vengono individuate dall'associazione nell'ambito del territorio di di competenza, rispettando il principio del "chilometro zero", fondamentale per assicurare la salubrità delle pietanze. Affinché il tutto si svolga nella maniera più trasparente possibile, poi, sia il ritiro che la consegna vengono documentate online in tempo reale. 


Una legge contro lo spreco alimentare

Le Marche non sono la sola regione che hanno visto nascere realtà che lavorano sul recupero del cibo. Circa tre anni fa, in Puglia, ha iniziato la sua attività "Avanzi Popolo 2.0". C'è poi "Equovento", nata a Roma quattro anni fa e poi approdata a Lecce, Milano, Torino e Parigi. Ma se le donazioni e il recupero delle eccedenze alimentari stanno aumentando è anche merito della legge Gadda (n. 166/2016) che prevede semplificazioni burocratiche e sgravi fiscali a chi dona cibo per fini di solidarietà. Secondo il Banco Alimentare le donazioni delle eccedenze sono cresciute del 21,4 per cento. Ciò ha consentito, solo nel periodo compreso tra ottobre 2016 e settembre 2017, di salvare 5.573 tonnellate di cibo altrimenti destinate a finire tra i rifiuti. La prevenzione e l'educazione nelle case degli italiani, combinate con il recupero da parte delle aziende e delle onlus operanti nel settore, potrebbe costituire un valido antidoto contro quella che è diventata una vera e propria piaga a livello nazionale e globale

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fedeli in piazza San Pietro
PIAZZA SAN PIETRO

Il testo integrale dell'Angelus del Papa

Il Pontefice ha commentato il Vangelo sulle Nozze di Cana
Soccorritori al lavoro
SPAGNA

Bimbo nel pozzo: è corsa contro il tempo

Scavata la metà del tunnel parallelo che potrebbe salvare la vita al piccolo Julen
Donald Trump
USA

Shutdown: arriva la proposta di Trump

Estensione della tutela per i "Dreamer" in cambio dei fondi per il muro al confine col Messico
Alunni col grembiule

Grembiuli e civismo

La proposta del ministro Salvini, di obbligare gli alunni fino alle medie di indossare grembiuli durante le lezioni di...
Naufragio nel Mediterraneo
MIGRANTI

Almeno 170 morti in due naufragi

Un gommone affondato ieri: 117 dispersi. L'Unhcr: "Morte altre 53 persone". Ramonda: "Potenziare viaggi sicuri...
Don Luigi Sturzo

Il messaggio di don Sturzo "agli uomini liberi e forti"

Riportiamo il commento di un nostro lettore che ci ha inviato il suo contributo: "Gentile direttore. Il...
Roma-Torino 3-2. L'esultanza di Nicolò Zaniolo, il migliore in campo - Foto © Twitter
SERIE A

La Roma segna, soffre e vince: Toro domato

I giallorossi superano 3-2 i granata: Zaniolo e Kolarov nel primo tempo, Rincon e Ansaldi nella ripresa. Decide El Shaarawy
Pattuglia della Polizia
BRESCIA

Quattro ragazzini in fuga scomparsi da giorni

Non si tratterebbe di un allontanamento dovuto a situazioni familiari complesse
Mons. Paolo Giulietti
LA NOMINA

Mons. Giulietti nuovo arcivescovo di Lucca

Papa Francesco sceglie l'attuale vescovo ausiliario di Perugia-Città della Pieve. Bassetti: "Un riconoscimento...
Jose Javier Salvador Calvo nel 2003, il giorno dell'arresto
TERUEL (SPAGNA)

Uxoricida uccide la nuova compagna e si suicida

Jose Javier Salvador Calvo aveva già scontato 15 anni di carcere per l'omicidio della moglie
Scarpa contraffatta con l'etichetta asportabile
ANAGNI (FR)

Contraffazione: sequestrate 140mila paia di scarpe

Materiali di scarsa qualità e riproducenti illecitamente diversi modelli del marchio Nike
Il Papa in udienza con i delegati luterani finlandesi - Foto © Vatican Media
UDIENZA AI LUTERANI FINLANDESI

Il Papa: "Preghiera ed ecumenismo, impegni non rimandabili"

Il Santo Padre riceve i delegati finlandese: "E' nell'annuncio del Vangelo che ritroviamo il nostro cammino...