MARTEDÌ 20 FEBBRAIO 2018, 17:20, IN TERRIS


REGGIO CALABRIA

Bus della Libertà: prima tappa tra le polemiche

La Commissione Pari Opportunità del Comune ha attaccato l'iniziativa contro il gender

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bus della Libertà
Bus della Libertà
I

l viaggio del Bus della Libertà in giro per l'Italia inizia tra le polemiche. Quest'oggi a Reggio Calabria, prima tappa del nuovo tour che durerà fino al 27 febbraio, un nutrito gruppo di persone ha riservato "una calorosa accoglienza" all'automezzo arancione che arreca la grande scritta/appello "Non confondete l'identità sessuale dei bambini". Non altrettanto calorosa è stata l'accoglienza della Commisione Pari Opportunità del Comune calabrese.

Quest'ultima - rilevano gli organizzatori del Bus - avrebbe diramato un comunicato in cui definisce “offensiva”, “vergognosa” e “discriminatoria” la campagna di CitizenGO e Generazione Famiglia per la libertà educativa dei genitori. I promotori dell'iniziativa hanno dato mandato ai loro legali di valutare gli estremi di una denuncia per diffamazione contro il Comune. "L’attacco del Comune di Reggio Calabria al Bus della Libertà - si legge in una nota di CitizenGo e Generazione Famiglia - è comunque la prova della fortissima influenza della Lobby LGBT ai danni di tutti i cittadini". Nel comunicato si sottolinea che "la responsabile della Commissione Pari Opportunità che ha definito la nostra presenza oggi in città ‘offensiva’, ‘vergognosa’ e ‘discriminatoria’ solo perché difendiamo la libertà educativa dei genitori, è infatti anche una delle più attive esponenti dell’ArciGay locale".

"Sembra paradossale - proseguono gli organizzatori - che la nostra libertà di opinione ed espressione sia attaccata proprio dalla Commissione Pari Opportunità, che dovrebbe difendere il pluralismo democratico. Ma quando comanda la Lobby LGBT - si legge ancora - domina il pensiero unico politicamente corretto, che pretende di entrare nelle scuole per educare i figli degli altri su temi intimi e delicati come la sessualità e l’affettività".

Non è un caso che durante la sosta reggina sono stati regalati vademecum "per aiutare i genitori a tornare protagonisti dell'educazione dei loro figli anche nelle scuole". Dopo aver sostato del tempo sul Lungomare di Reggio Calabria, il Bus è ripartito attraversando lo Stretto: domani seconda tappa a Catania.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
ITALIA

Torna il Bus che non piace ai "colonizzatori ideologici"

Dal 20 febbraio nuovo viaggio nelle città italiane contro il gender e a favore della famiglia

Bus della Libertà - © www.marcotosatti.com
"Un'altra settimana in tutta Italia per difendere il diritto dei genitori di educare liberamente i loro figli, contro gli attacchi di quella...
NEWS
Una veduta di Mirabilandia
RAVENNA

Tragedia a Mirabilandia: muore un bimbo di 4 anni

Il piccolo è probabilmente annegato in una piscina, inutili i soccorsi. Indagano i Carabinieri
Italia-Polonia 0-1. Pellegrini tenta la conclusione verso la porta polacca - Foto © Twitter
EUROPE U-21

Italia, k.o. amaro con la Polonia: ora si fa dura

Azzurrini imprecisi e sfortunati: decide un gol di Bielik. Per le semifinali, una vittoria col Belgio potrebbe non bastare
CARO SANTO

I single italiani arruolano Sant'Antonio

A Padova i Frati Minori s'improvvisano cupido
La Sea Watch 3
FLUSSI MIGRATORI

Lampedusa: sbarcano in 45, ancora ferma la Sea Watch

Permane la situazione di stallo per l'imbarcazione della ONG tedesca
FAR WEST

Caserta: militare minaccia strage, ferito nella sparatoria

Indagini in corso, ancora nessuna motivazione alla base del folle gesto
Morsi ed Erdogan
TURCHIA

La denuncia di Erdogan: "Morsi è stato assassinato"

Il presidente turco: "Non è morto per cause naturali". Sotto accusa il ritardo nei soccorsi