MARTEDÌ 09 MAGGIO 2017, 11:44, IN TERRIS

Onu, Nigeria: "In 3 anni Boko Haram ha ucciso oltre 4 mila bambini"

Lo rivela il "primo studio del segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati 2013-2016"

AUTORE OSPITE
Onu, Nigeria:
Onu, Nigeria: "In 3 anni Boko Haram ha ucciso oltre 4 mila bambini"
Dal 2014, oltre 7000 bambini sono stati sequestrati, abusati, obbligati a sposarsi e a convertirsi all’Islam dalla furia islamista di Boko Haram, gruppo terrorista attivo nella zona nord orientale della Nigeria. Circa 3,900 minori sotto i 18 anni sono stati uccisi.

Lo studio delle Nazioni Unite


Lo rivela il "primo studio del segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati 2013-2016" in cui si dimostra come migliaia di minori siano stati utilizzati dai radicalizzati islamici per attentati suicida e continuino a soffrire crudeltà per mano del gruppo terrorista, il cui nome, tradotto, significa: "L'educazione occidentale è peccato".

In tre anni - rivela lo studio - sono stati reclutati migliaia di minori e bambini. Gli attacchi contro le comunità e gli scontri contro gli agenti della sicurezza hanno lasciato mutilati 7300 minori. Nel rapporto delle Nazioni Unite risaltano anche gli attentati suicida come seconda causa di morte tra i piccoli.

Le terribili testimonianze


Da alcune testimonianze dei minori liberati dalle grinfie dei terroristi, emerge che la maggior parte di loro sono stati sequestrati dalle famiglie di origine; altri, invece, si sono arruolati "spontaneamente" per motivi economici o per pressioni familiari. In alcuni casi, infatti, sono stati gli stessi genitori a consegnare i propri figli ai terroristi per ricevere protezione o vantaggi economici.

Obiettivi principali: le scuole


Secondo l’Onu, le scuole sono gli obiettivi principali degli attacchi terroristici: dal 2014, almeno 1500 edifici scolastici sono stati distrutti e sono state registrate 1280 vittime tra studenti e professori. Una ecatombe che ancora non si è conclusa.

Le ragazze rapite


Il mese scorso sono stati tre anni da quando i militanti di Boko Haram durante un'imboscata nella piccola città nigeriana di Chibok nel bel mezzo della notte hanno rapito 276 studentesse per poi sparire nella foresta.

#bringbackourgirls


Quasi 200 ragazze non sono ancora state rilasciate e non si sa che fine abbiano fatto, nonostante una massiccia campagna sul social media che ha spinto milioni di persone, tra cui diverse celebrità e l'ex first lady Michelle Obama, a porre attenzione alla vicenda utilizzando l'hastag #bringbackourgirls.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano