VENERDÌ 12 LUGLIO 2019, 16:12, IN TERRIS

L'EVENTO

Ambiente e lavoro: come rilanciare il sistema-montagna

A Dobbiaco, "riflessioni ad alta quota" per le Giornate della Montagna della Fai Cisl

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il palco delle Giornate della montagna Fai-Cisl a Dobbiaco
Il palco delle Giornate della montagna Fai-Cisl a Dobbiaco
S

i è svolta a Dobbiaco, Bolzano, la due giorni voluta dalla Fai Cisl per fare il punto sul lavoro ambientale e il sistema della montagna. Il meeting, realizzato il primo e due luglio, in concomitanza con la conferenza organizzativa e il consiglio generale del sindacato, si è aperto con un intervento del Segretario generale Onofrio Rota che, parlando del sistema montagna, ha espresso il pieno sostegno allo sciopero dei forestali della Campania, sospeso dopo gli impegni assunti dalla Regione: “La dignità dei lavoratori – ha detto Rota – non può essere calpestata. Al Paese servono strategie organiche che uniscano la difesa del suolo e del bosco, il contrasto al dissesto idrogeologico, le sinergie tra le filiere del legno, dell’artigianato, del turismo, del commercio, dell’energia: ma il ragionamento deve partire dal lavoro, dalla dignità che va riconosciuta alle categorie coinvolte, invece sembra che questo aspetto per molta nostra classe dirigente sia secondario”.


Fonte di ricchezza

Il leader della federazione agroalimentare ha parlato anche del rinnovo contrattuale: “Per gli operai idraulico-forestali vogliamo valorizzare la riapertura del tavolo di trattativa con l’Uncem, finalmente avvenuta dopo anni di blocco istituzionale. Occorre avviare al più presto una negoziazione e rinnovare il contratto nazionale, bisogna capire che il contratto non è solo stipendio, è anche welfare, è crescita degli enti bilaterali, è democrazia, è fonte di ricchezza per tutti e questo vale per i forestali così come per gli allevatori e per tutte le altre categorie”. Spiegando le diverse proposte del sindacato per il sostegno alla montagna, contenute nel manifesto “Persone, mestieri, territori”, il leader della Fai ha commentato anche il dibattito sulla flat tax: “Serve una fiscalità differenziata per le persone e le imprese che vivono e operano nei territori di montagna, altro che flat tax. Anziché tagliare le tasse con aliquote separate con l’accetta, mortificando il principio di progressività, che è anche inscritto nella nostra Costituzione, si dovrebbe agire per modulare in maniera più mirata una fiscalità di vantaggio per chi sta nei territori più impervi e vulnerabili, contrastando lo spopolamento delle aree interne e l’abbandono delle terre”.


L'evento

Oltre al sindacalista sono intervenuti all’evento studiosi, amministratori, rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, imprenditori, artisti: Stefano Lucchini, Vicepresidente Uncem Friuli Venezia Giulia, Valerio Rossi Albertini e Marina Baldi, scienziati del Cnr, Alberto Orioli, Vicedirettore del Sole 24 Ore, Gabriele Calliari, Presidente nazionale di Federforeste, il geografo Antonio Ciaschi, docente alla Lumsa, Mauro Broll, Direttore della Ripartizione Foreste della Provincia Autonoma di Bolzano, il Prof. Alberto Tamburini, docente all’Università della Montagna, l'artista Francesca Gallo, “l’artigiana che canta”, famosa per le sue fisarmoniche interamente costruite a mano, Enrico Petriccioli, Segretario generale della Fondazione Montagne Italia e vicepresidente di FederBim, Pier Antonio Salvador, Presidente Associazione Piscicoltori Italiani, Andrea Fabris, esperto di acquacoltura, Giacomo Boninsegna, Scario della Magnifica Comunità di Fiemme, le imprenditrici Stefania Rota e Agitu Idea Gudeta.


Il rilancio

Tanti gli argomenti emersi. Dalle principali difficoltà delle amministrazioni locali nelle zone montuose, alle grandi opportunità occupazionali derivanti dalle risorse boschive, troppo spesso concepite più come problema che come ricchezza. Dai tavoli aperti dal Governo con gli Stati Generali della Montagna, che rischiano di rimanere privi di un seguito concreto, ai dati sui cambiamenti climatici, che smentiscono i negazionisti del surriscaldamento del pianeta. Dal bisogno di un’agenda politica orientata sul potenziamento delle reti digitali e delle infrastrutture, all’urgenza di realizzare i decreti attuativi del Testo Unico sulla forestazione. Quest’ultimo punto è stato ricordato da Rota ma anche da altri relatori, come Gabriele Calliari, Presidente nazionale di Federforeste: “Quel testo – ha detto – va reso operativo perché finalmente restituisce un’idea di coltivazione dell’ambiente e non di pura conservazione museale”. Il presidente di Federforeste ha anche richiamato l’attenzione sul mercato illegale del legno, frutto di tagli abusivi effettuati in diverse parti del mondo con lo sfruttamento anche di lavoro minorile. La climatologa del Cnr Marina Baldi ha sottolineato invece alcuni aspetti geografici e sociali della montagna: il 24% della superficie terrestre è ricoperto da montagne, ci vive il 12% della popolazione mondiale, mentre un altro 14% vive in prossimità di queste aree. L’80% dell’acqua dolce sul pianeta è costituita dalle montagne, che custodiscono il 40% della biodiversità. Sono dunque una risorsa fondamentale. Però, come individuato dall’Onu, sono tanti i problemi che ne mettono a rischio la salvaguardia, dai cambiamenti climatici alla povertà, dalla sicurezza alimentare alle disparità sociali. Per questo va incrementata la capacità di resilienza del sistema montagna. Alcuni dati economici sui settori legati al sistema montagna sono stati ricordati dal Vicedirettore del Sole 24 Ore, Alberto Orioli: la bike economy, ad esempio, muove quasi 11 miliardi l’anno, l’agrifood di qualità abbinato ai prodotti di montagna vale 9 miliardi e mezzo, le settimane bianche valgono 8 miliardi.


Prospettive

Gli interventi che hanno riguardato l’acquacoltura hanno evidenziato le potenzialità del settore, visto che per ogni lavoratore nel comparto se ne producono altri tre nella trasformazione. Mentre una testimonianza dal mondo delle imprese è giunta dal Mezzogiorno con l’intervento di Stefania Rota, vicepresidente del CdA del Salumificio San Vincenzo, un’eccellenza del Made in Italy agroalimentare che nasce tra le montagne dell'Aspromonte. A concludere l’evento, la testimonianza dell’imprenditrice agricola Agitu Idea Gudeta: giunta in Trentino dall'Etiopia, ha recuperato 11 ettari in abbandono in Val di Gresta e li ha valorizzati come pascolo incontaminato per il suo gregge di capre. Oggi ne ha 180 e produce 15 tipi di formaggio e creme cosmetiche, oltre a diverse iniziative sociali, come quelle per l’inclusione dei rifugiati. La montagna rappresenta dunque non solo un grande patrimonio economico, che incide sulla nostra economia con un impatto di almeno 250 miliardi di Pil, ma una inestimabile ricchezza che è insieme ambientale, antropologica e sociale.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Italia-Armenia 9-1. Il gruppo azzurro festeggia Jorginho - Foto © Twitter
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Italia dieci bellezze, l'Armenia è annientata: 9-1

Non c'è partita al Barbera: gli Azzurri chiudono a punteggio pieno. Doppiette per Immobile e Zaniolo, prima gioia per...
Silvia Romano
IL CASO

Silvia Romano, gli sviluppi a un anno dal rapimento

Prime voci sulla giovane volontaria italiana che, secondo la Procura, sarebbe in mano a un gruppo di jihadisti somali
EDUCAZIONE

Scuola, riaprire il tavolo sul costo standard di sostenibilità

Il punto al convegno "Autonomia, parità e libertà di scelta educativa in Italia promosso da USMI E CISM
Palazzo Montecitorio
IL PUNTO

Politica

ad alta tensione

Il dossier ex Ilva, lo ius soli e gli emendamenti alla manovra. Il dibattito nella maggioranza, le critiche dell'opposizione
Il ponte crollato
FRANCIA

Crolla un ponte a nord di Tolosa: muore 15enne

Un camion e due auto sono precipitati nel fiume, nove i feriti
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
I soccorsi
CALIFORNIA | USA

Spara durante una festa in giardino: è strage

Almeno quattro morti e sei feriti a Fresno, sconosciuto movente e killer
Ambiente

L’ambiente

In un mondo come quello in cui viviamo è necessario che in ognuno di noi cresca l’attenzione sui problemi...
Bibbia e web

L’altolà del Papa alla web-dittatura

Tra la Chiesa e la Rete nulla sarà più come prima. Sulla protezione dei minori Papa Francesco ha tolto...
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...