VENERDÌ 05 GENNAIO 2018, 00:01, IN TERRIS

Allarme "spice", la droga che rende zombi

Un rapporto rivela quali sostanze sono più in voga tra i giovani italiani

FEDERICO CENCI
Droga spice
Droga spice
L

a triste classifica è stata pubblicata nel rapporto Espad Italia 2016 (European School Survey Project on Alcohol and other Drugs) dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche). La droga più consumata dai giovani italiani è la cannabis, seguita dalla "spice" e dalle nuove sostanze psicoattive (Nps).

Lo studio rivela che il 32,9% dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni ha utilizzato almeno una sostanza psicoattiva illegale nel corso della propria vita (maschi 37,7%; femmine 28%), mentre il 25,9% (maschi 30,9%; femmine 20,7%, circa 650mila ragazzi) riferisce di averlo fatto nel corso dell’ultimo anno.


Un terzo dei giovani ha consumato cannabis

La cannabis si conferma la sostanza psicoattiva illegale più diffusa. Quasi un terzo dei 15-19enni (32,4%, circa 804mila), l’ha utilizzata almeno una volta nella vita, il 25,8% (circa 640mila) ne ha fatto uso nell’ultimo anno. Dato confermato anche dalla Relazione al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze, dove si rileva che i quantitativi di sostanza sequestrati corrispondono a più del 90 per cento del totale dei sequestri e le segnalazioni per detenzione di cannabis per uso personale rappresentano l’80 per cento dei casi”, afferma Sabrina Molinaro dell’Ifc-Cnr e coordinatrice dello studio Espad.


"Spice" al secondo posto tra le droghe più diffuse

Al secondo porto per consumo spunta la "spice", che - afferma l'esperta - è “un cannabinoide sintetico che riproduce gli effetti della cannabis, particolarmente reperibile sul web: ne ha fatto uso l’11% (circa 275mila ragazzi) almeno una volta nella vita e il 35,5% di questi (circa 98mila) lo ha fatto dieci volte o più”. Un dato preoccupante, “poiché gli effetti sulla salute non sono ancora ben noti ed è quindi ancor più pericolosa”.

In Rete girano video che fanno accapponare la pelle, dove persone reduci da recenti assunzioni di “spice” hanno gli occhi spenti e assumono movimenti lenti e dinoccolati come quelli degli zombi.

Terzo gradino di questo spaventoso podio è occupato dalle Nps (New Psychoactive Substance – Nuove sostanze psicoattive), seguite dalla cocaina, da stimolanti e allucinogeni, mentre l’eroina è la sostanza meno diffusa, nonostante da più parti si abbia la sensazione che vi sia un prepotente ritorno di questa devastante sostanza.


Donne e droga

Quasi 20mila le donne in trattamento presso i Servizi per le dipendenze per uso di oppiacei, cocaina e cannabis. Denunce e arresti al femminile costituiscono il 7% del totale. La Molinaro ritiene che nell'ambito delle sostanze stupefacenti, "l’universo femminile ha assunto caratteristiche preoccupanti, seppure consumi, denunce e arresti siano a livelli inferiori rispetto a quelli maschili".


Il parere dell’esperto

L’allarme della droga sembra però suonare inutilmente. “C’è una diffusa tolleranza nei confronti della cannabis, che rende questa sostanza più accettabile all’opinione pubblica”, rileva il dott. Massimo Barra, fondatore della comunità di recupero Villa Maraini ed esponente di spicco della Croce Rossa Italiana e Internazionale, tra i primi medici in Italia a prendersi cura dei tossicodipendenti.

“Ed è evidente - prosegue Barra - che questo instaura un processo di crescita e di sviluppo. Perché una volta assodato che la cannabis è accettata dall’opinione pubblica, che persino si fa  in modo di legalizzarla, inevitabilmente si verifica una spirale verso nuove trasgressioni”.


La diffusione di nuove droghe

“Se noi - aggiunge il medico - arretriamo dinanzi al consumo di sostanze stupefacenti, si genera un aumento dei consumi di sostanze più sofisticate ricavabili da quella che l’opinione pubblica oramai tollera”. Il riferimento di Barra è anche alla “spice”, diventata la seconda droga più diffusa tra i giovani.

Spesso i giovani che consumano talune sostanze, non ne conoscono il nome, la composizione e nemmeno i possibili effetti. “I ragazzi che vengono nella nostra struttura non sanno neanche dirci ciò che hanno assunto”, spiega Barra. Che aggiunge: “Ogni singolo individuo ha una reazione diversa all’assunzione i droghe: ciò che può essere quasi innocuo per uno, può diventare devastante per un altro”.


Come rimediare

Arginare la diffusione della droga è una questione annosa, che ormai perdura da decenni. Il dott. Barra ritiene che tutto ruoti intorno alla “credibilità” di quanti sono a contatto educativo con i giovani. È dunque l’esempio che produce frutto, i “comportamenti di promozione della salute” e non “l’arrendevolezza culturale” di chi vorrebbe convincerci che esistono droghe che non fanno poi tanto male.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone
Un frame del film
CINEMA

"Augustine", la vita di Sant'Agostino diventa un film

Grande produzione internazionale tra Algeria e Tunisia diretta da Samir Seif
La bandiera olimpica
OLIMPIADI INVERNALI

Cio: "Le due Coree sfileranno sotto un'unica bandiera"

Ratificato a Losanna l'accordo stipulato tra Seul e Pyongyang per i Giochi di Pyeongchang
Il sindaco di Cerignola, Franco Metta
CERIGNOLA

Il Sindaco ai malavitosi: "Siete quattro vigliacchi"

Su Facebook la video-denuncia: "Non vi lasceremo questa città, combatteremo fino alla fine"
Olimpiadi 2018 in Corea del Sud
OLIMPIADI 2018

La Corea del Nord cancella i sopralluoghi al Sud

Kim Jong-un annuncia una parata militare l'8 febbraio
Il cantante Bob Dylan
TOUR ITALIANO

Dylan annuncia tre nuove date dopo il tutto esaurito

Genova, Jesolo e Verona le tappe. Biglietti già in vendita
La linea 80 di Milano
MILANO

Aggredito sul bus da adolescenti, reagisce e ne accoltella uno

Il ferito, un 17enne, non è in pericolo di vita
Un particolare dell'arazzo di Bayeux
ELISEO

Dopo 950 anni l'arazzo di Bayeux potrebbe lasciare la Francia

Ritrae la Battaglia di Hastings e racconta la conquista normanna dell'Inghilterra
Un messaggio di posta certificata (Pec)
CODICE DELLA STRADA

Novità: le multe arriveranno via mail

Qualora non fosse possibili, arriverà per posta ordinaria
Grillo e Di Maio
GRILLO - DI MAIO

Appello ai gruppi in caso di scofitta alle elezioni

Il candidato premier del M5S: "No a spartizioni di poltrone o di potere, ma soluzioni concrete ai problemi del Paese"