GIOVEDÌ 24 GENNAIO 2019, 18:38, IN TERRIS


NEW YORK

Aborto consentito fino all'ultimo giorno di gravidanza

Il Senato a maggioranza democratica approva la contestatissima misura. I pro-life confidano in Trump

REDAZIONE
Marcia per la Vita di Washington
Marcia per la Vita di Washington
R

oventi polemiche nello Stato di New York. Il Senato ha approvato un testo che consente l'aborto oltre la 24esima settimana di gravidanza. Si tratta di una norma proposta nel 2006 ma mai approvata dal Senato, da allora saldamente a maggioranza repubblicana. La situazione è però cambiata all'inizio del mese, quando i rapporti di forza in Senato si sono invertiti a favore del Partito Democratico. La misura è stata immediatamente ratificata dal governatore Andrew Cuomo, anche lui dem.


Cosa cambia

D'ora in poi, le gestanti dello Stato di New York potranno abortire in qualsiasi momento della gravidanza, se la salute del feto o la loro salute rischia di essere compromessa. Tuttavia, sottolineano i tanti detrattori della legge, la definizione di salute compromessa è molto vaga e comprende anche anche la salute mentale – o se il feto è gravemente ammalato. Prima di questa legge, gli aborti erano consentiti dopo la 24esima settimana solo per preservare la vita della madre, se era in pericolo grave ed attestato. La nuova norma costituisce un rischio - si denuncia ancora - in termini di sicurezza sanitaria, in quanto rimuove qualsiasi riferimento all’aborto dal Codice penale e chiarisce che tutti i professionisti della medicina, e non solo i medici, possono eseguire la procedura.


Trump baluardo pro-life

Il tema dell'aborto torna dunque prepotentemente ad affacciarsi nel dibattito pubblico americano. Appena una settimana fa decine di migliaia di manifestanti hanno sfilato per la consueta Marcia per la Vita a Washington, che si tiene a gennaio per ricordare la sentenza Roe Vs Wade del 1973 che ha introdotto l'interruzione volontaria di gravidanza nella legislazione statunitense. Ai partecipanti è giunto, per il secondo anno consecutivo, il sostegno del presidente Donald Trump e del suo vice Mike Pence. Quest'ultimo era presente alla Marcia insieme alla moglie, mentre l'ex tycoon è intervenuto con un video proiettato dal palco. "Quando guardiamo negli occhi un bimbo appena nato vediamo la bellezza, l’anima umana e la grandezza della creazione divina", ha affermato Trump nel filmato, prima di elencare tutte le misure adottate dalla sua Amministrazione contro l’aborto e di assicurare che porrà il veto a ogni legge che passerà il vaglio alla Camera - a maggioranza dem - che voglia liberalizzare l'aborto.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Migranti minori in Italia
RAPPORTO MINORI MIGRANTI IN ITALIA

Unicef: "Obiettivo 2019, raggiungere 6mila ragazzi"

"Manca il 30% dei fondi necessari per raggiungere questi risultati"
SCUOLA

Studenti in piazza contro il nuovo esame di maturità

Gli alunni: "Bocciamo il governo"
Matteo Messina Denaro
CAMPOBELLO DI MAZARA (TP)

Soldi alla famiglia di Messina Denaro: 3 fermi

Un avviso di garanzia è stato notificato al deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino
I manifesti contro Juncker e Soros
PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese
Gianfranco Duini e la vittima, Claudia Bortolozzo
MARGHERA (VE)

Uomo uccide la moglie, poi si costituisce

Gianfranco Duini, 43enne, ha accoltellato la consorte, Claudia Bortolozzo di 52