GIOVEDÌ 28 SETTEMBRE 2017, 10:10, IN TERRIS

“Il primo diritto da tutelare è la vita”

Nella Giornata mondiale per l'accesso all'aborto sicuro e legale, intervengono il Movimento per la Vita italiano e ProVita Onlus

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici

Si celebra il 28 settembre la “Giornata mondiale per l’accesso all’aborto sicuro e legale”. Tra vari sostenitori dell'interruzione di gravidanza che si apprestano a festeggiare, si elevano anche voci di condanna. Come quella di Toni Brandi, presidente dell’Associazione ProVita Onlus, e di Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la Vita Italiano e deputato di Des-Cd.


L'intervento di Brandi

Brandi interviene - si legge in un comunicato dell'associazione - per denunciare quella che considera una cultura distruttiva, indifferente al primo diritto da tutelare, ovvero quello di nascere, crescere e vivere l’esistenza che ci è stata donata.

"Ogni anno in Italia più di 87mila bambini perdono la vita a causa dell’aborto chirurgico (senza contare l'aborto chimico e le decina di migliaia di aborti clandestini che si verificano ogni anno). Un dato allarmante e inquietante", secondo Toni Brandi.


Aborto: falsa conquista

Per il presidente di ProVita "non c’è nulla da celebrare, il diritto che si reclama è una falsa conquista. Si inneggia alla libertà, ma l’aborto è una tragedia che si materializza nel negare a decine di migliaia di bambini la possibilità di vivere. Non prendere le distanze da questa posizione vuol dire decidere che il diritto alla morte sia più importante di quello alla vita. La scelta di abortire, oltretutto, - continua Brandi - lascia un vuoto senza soluzione nella donna che lo pratica. Non si parla quasi mai, infatti, delle ripercussioni sul piano umano e psicologico che vive una madre uccidendo il figlio che porta in grembo. Il silenzio copre anche le gravissime conseguenze sulla salute fisica delle donne".

Brandi punta dunque l'indice verso la legislazione: "E se anche la legge dice che l’aborto sia un diritto, noi ricordiamo proprio in questa giornata che il primo diritto è la vita e che solo da questo discendono gli altri".


Non si sana una violenza con un omicidio

Il presidente di ProVita ricorda poi che "non si sana una violenza con un omicidio, abortire non è la risposta giusta". Il suo è un messaggio a chi "difende l'aborto di donne che hanno subito atti di violenza". Brandi rileva che "nonostante gli stupri siano un crimine mostruoso e immondo, non giustificano però un altro crimine, quello di una mamma verso il proprio bambino, vittima anch’egli, innocente e indifesa".

La risposta giusta a questo crimine, al contrario, secondo Brandi, è "far crescere un bambino nell’infinito amore, quel sentimento sopra ogni cosa che solo una madre verso un figlio può provare".


Le parole di Gigli

Gigli ricorda il senso della legge 194 sull'aborto, ricordando che "non prevede il diritto all'aborto", bensì chiede "di prevenirlo offrendo alternative" alle donne che vi fanno ricorso. Il presidente del MpVi sottolinea però che l'obiettivo non è rispettato dall'applicazione della legge.

Entrando poi nel merito della Giornata di oggi, afferma che "riconoscere un diritto all'aborto equivarrebbe ad ammettere che ad alcuni esseri umani possa non essere riconosciuto il diritto alla vita, con evidenti rischi che, in nome dei diritti civili, il perimetro dei diritti umani possa in futuro ridursi anche per altre categorie".


Il diritto di non abortire

Gigli si chiede, alla luce della denatalità che colpisce l'Italia e dei "sei milioni di italiani che mancano all'appello per aborti legali dal 1978", perché non rivendicare tutti insieme il diritto per ogni donna di non abortire per costrizioni economico-sociali.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un sottopassaggio allagato
MALTEMPO

Tromba d'aria si abbatte sul Metapontino: danni e disagi

A Matera strade come torrenti in piena, scuole chiuse
Manifesto per Stefano Cucchi a Piazzale Clodio
IL PROCESSO

Caso Cucchi, il giudice si astiene dal processo

Il magistrato è un ex carabiniere ora in congedo, udienza rinviata al 16 dicembre. Nel filone sul depistaggio sono...
CRIMINALITÀ

Il rebus del delitto Diabolik

Resta un mistero l’omicidio di Fabrizio Piscitelli, fondatore degli Irriducibili, gruppo ultras della Lazio
Un fotogramma del video in cui è ripreso il cervotopo in Vietnam - Foto © The Guardian
NATURA

Ritrovato in Vietnam il cervotopo, che si riteneva estinto da 30 anni

La riscoperta dell'animale in un video che ha sorpreso gli scienziati
La nave
INCUBO IN MARE

Golfo del Messico, pirati attaccano mercantile: due italiani feriti

L'equipaggio è stato derubato di tutto. Le autorità messicane sono sulle loro tracce
Una mensa per poveri
PERUGIA

Povertà in crescita, la Chiesa in aiuto alle famiglie

Presentato il primo Rapporto sulle povertà redatto dalle otto Caritas diocesane dell’Umbria
Carabinieri
CASTELLAMMARE DI STABIA | NAPOLI

Colpo al clan Cesarano: 20 ordinanze di custodia cautelare

Per associazione per delinquere di stampo camorristico, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti
Autostrada

La pecora affidata al lupo

Il pubblico ministero Walter Cotugno che si occupa delle irregolarità avvenute nel corso delle ispezioni...
Angela Merkel e Giuseppe Conte in conferenza stampa
IL BILATERALE

Conte a Merkel: "Gestione europea sui migranti"

Incontro a Roma fra premier e cancelliera: sul tavolo, anche la vicenda ArcelorMittal
Militari italiani in Iraq
IRAQ

L'Isis rivendica l'attentato ai militari italiani

In procura a Roma vertice tra magistrati e carabinieri del Ros: si procede per attentato con finalità di terrorismo
La foreign fighter italiana condannata
TERRORISMO

Condannata una foreign fighter italiana

Oggi la Turchia ha iniziato le espulsioni dei miliziani jihaadisti rinchiusi nelle sue prigioni: sono 1.200
Padre Hovsep Petoyan, ucciso in Siria dai miliziani dell'is - Foto © Public Radio of Armenia
SIRIA

Sacerdote cattolico armeno ucciso dai miliziani isis

Morto anche il padre della vittima. La paura di un ritorno del califfato