Santo del giorno - SANTI MARCELLINO E PIETRO, sacerdoti e martiri

Santi martiri Marcellino, sacerdote, e Pietro, esorcista, che, come riporta il papa san Damaso, furono condannati a morte durante la persecuzione dell’imperatore Diocleziano; condotti tra i rovi sul luogo del supplizio, ebbero l’ordine di scavarsi il sepolcro con le proprie mani, perché i corpi rimanessero nascosti a tutti, ma la pia donna Lucilla diede degna sepoltura alle loro sante membra a Roma sulla via Labicana nel cimitero ad Duas Lauros.

Sul luogo della loro sepoltura, papa Siricio fece erigere una basilica, detta appunto basilica dei Santi Marcellino e Pietro, poi divenuta anche sede di titolo cardinalizio. Le loro reliquie vennero inviate in Francia da papa Gregorio IV e vennero poi traslate nell'abbazia di Seligenstadt sul Meno, presso Magonza, da Eginardo, consigliere di Carlo Magno, ed autore dell'opera "De Translatione et miraculis sanctorum Marcellini et Petri" (La traslazione ed i miracoli dei santi Marcellino e Pietro). Un frammento osseo di san Marcellino è conservato nella chiesa di San Giovanni Battista a Monteodorisio.

I santi Marcellino e Pietro ebbero grande popolarità nei primi secoli del cristianesimo, tanto che i loro nomi vengono citati in una delle più antiche preghiere eucaristiche, risalente al pontificato di papa Vigilio (537 - 555d.C.). Sono venerati come santi dalla Chiesa cattolica e da quella ortodossa.

Accadde oggi

2 Giugno

455 – I Vandali entrano a Roma e saccheggiano la città per due settimane

1946 – Con un referendum istituzionale gli italiani decidono di trasformare l'Italia da monarchia a Repubblica (12.717.923 voti contro 10.719.284)

2001 - In Italia viene ripristinata la Festa della Repubblica, che in precedenza era fissata la prima domenica di giugno

Eventi

Festa della Repubblica

Frase del giorno

"Quando il 2 Giugno 1946 nacque la Repubblica, tutti avemmo la consapevolezza che conservare integri nel tempo gli ideali cui essa si ispirava, avrebbe comportato momenti di duro impegno ed anche grandi sacrifici" (Giovanni Leone)

Il Santo di domani: SAN MARCO, Evangelista