Santo del giorno - SANTI GIOVANNI E PAOLO, martiri

Santi Giovanni e Paolo, martiri di Roma. Vissuti nel IV secolo, furono fratelli di fede oltre che di fatto. Le informazioni su di loro sono discordanti e risalgono soprattutto ad una "Passio" in parte leggendaria: Essi sarebbero stati due cristiani ricchi e particolarmente caritatevoli, che Giuliano l'Apostata avrebbe condannato ad essere decapitati e sepolti sotto la loro abitazione. Sembra però che il martirio di Giovanni e Paolo potrebbe essere avvenuto almeno 50 anni prima, all'epoca di Diocleziano, perché le persecuzioni di Giuliano sono avvenute in Oriente. Ad ogni modo, sotto la basilica Celimontana a loro dedicata sono stati ritrovati resti di una villa romana abitata da cristiani, con il piccolo vano della "confessio" che reca affreschi di scene di martirio, sotto cui c'è una fossa per il seppellimento di due corpi.

La Chiesa cattolica celebra la loro memoria liturgica il 26 giugno. "A Roma commemorazione dei santi Giovanni e Paolo, al cui nome è dedicata la basilica sul monte Celio lungo il clivo di Scauro nella proprietà del senatore Pammachio"(Martirologio Romano). Soprattutto nei paesi di lingua tedesca, ma non solo, i due santi sono considerati "Wetterheiligen", cioè protettori contro le tempeste e, in genere, le avversità atmosferiche.

Accadde oggi

26 Giugno

1819 – Viene brevettata la bicicletta

1963 – John F. Kennedy pronuncia la famosa frase: "Ich bin ein Berliner" ("Sono un berlinese") nell'intento di comunicare alla città di Berlino e alla Germania stessa una sorta di vicinanza e amicizia degli Usa

2000 – Viene divulgato il testo del terzo segreto di Fatima

Eventi

Giornata internazionale contro l'abuso e il traffico illecito degli stupefacenti

Giornata internazionale per le vittime di tortura

Frase del giorno

"Il viaggio attraverso i paesi del mondo è per l’uomo un viaggio simbolico, ovunque vada è la propria anima che sta cercando. Per questo l’uomo deve poter viaggiare" (Andrej Tarkowsky)