Santo del giorno - SANT'ALESSANDRO DI ALESSANDRIA D'EGITTO, vescovo

Sant'Alessandro di Alessandria d'Egitto, vescovo, III sec. d.C. Divenne il settimo Patriarca della Chiesa di Alessandria d'Egitto (313 - 326 d.C.), rinnovò il clero scegliendo uomini di provata rettitudine e costruì la grande Chiesa di S. Theonas. Separò dalla comunione ecclesiale il suo sacerdote Ario dopo aver tentato di convincerlo paternamente; la lotta che condusse contro l’arianesimo è tuttora testimonianza del suo senso di giustizia, della sua forza spirituale e della sua integrità morale.

Uomo di profonda cultura unita a zelo e bontà, redasse gli atti del primo Concilio Ecumenico (Nicea 325 d.C.) dove si riconobbe che il Figlio è consustanziale al Padre e non generato, contraddicendo in tal modo le tesi di Ario che, pur ammettendo che Gesù fosse di sostanza simile a Dio, riteneva che questi avesse iniziato ad esistere solo nel momento in cui era stato generato. Il concilio adottò, inoltre, la partizione civile dell'Impero come modello di partizione giurisdizionale della chiesa, riconoscendo per la prima volta ad Alessandria il ruolo di patriarcato.

CURIOSITÀ: Viene venerato come santo dalla Chiesa cattolica (26 febbraio), da quella ortodossa (26 febbraio, anche se per lungo tempo il 17 aprile) e da quella copta (22 aprile).

Accadde oggi

26 Febbraio

1815 Napoleone fugge dall'isola d'Elba

1956 – Termina il XX Congresso del PCUS in cui Nikita Krusciov inizia la "destalinizzazione" dell'Unione Sovietica

 

 

Frase del giorno

"Ed io ti sento l’anima battere, dietro il silenzio, come un filo vivo di acque dietro un velo di ghiaccio" (Antonia Pozzi)
 

Il Santo di domani: SAN MARCO, Evangelista