Santo del giorno - SANT'AGOSTINO DI CANTERBURY

Abate benedettino a Roma, fu invitato da San Gregorio Magno ad evangelizzare l'Inghilterra, ricaduta nell'idolatria sotto i Sassoni. La Gran Bretagna infatti, evangelizzata fin dai tempi apostolici (il primo missionario a sbarcarvi sarebbe stato, secondo una leggenda, Giuseppe di Arimatea), era caduta nell'idolatria in seguito all'invasione dei Sassoni nel quinto e nel sesto secolo. Qui fu ricevuto da Edilberto, re del Kent, che aveva sposato la cattolica Berta, di origine franca. Edilberto si convertì, aiutò Agostino e gli permise di predicare in piena libertà.

Nel Natale successivo al suo arrivo in Inghilterra, più di diecimila Sassoni ricevettero il battesimo. Il Papa inviò altri missionari e nominò arcivescovo e primate d'Inghilterra Agostino, che cercò di riunire la Chiesa bretone a quella sassone senza riuscirci perché troppo forte era il rancore dei bretoni contro gli invasori sassoni. Suo merito però è stato quello di aver convertito quasi tutto il regno di Kent.

Morì il 26 maggio del 604 e fu sepolto a Canterbury, nella chiesa dell'abbazia dedicata ai santi Pietro e Paolo (oggi abbazia di Sant'Agostino). Viene ricordato il 27 maggio.

Accadde oggi

1703 – Lo zar Pietro I di Russia fonda la città di San Pietroburgo

1930 – Lo statunitense Richard Drew inventa il nastro adesivo

1939 – Esce negli USA Detective Comics #27, fumetto che vede la prima apparizione di Batman, personaggio creato da Bob Kane e Bill Finger

Il Santo di domani: SAN MASSIMO DI TORINO, vescovo