Santo del giorno - SAN PIETRO CANISIO

Pietro Canisio nasce a Nimega, in Olanda, nel 1521. È figlio del borgomastro della città, ha perciò la possibilità di studiare diritto canonico a Lovanio e diritto civile a Colonia. In questa città ama trascorrere il tempo libero nel monastero dei certosini e la lettura del breve opuscolo degli Esercizi spirituali che Sant'Ignazio ha scritto da poco determina la svolta decisiva della sua vita: compiuta la pia pratica a Magonza sotto la direzione di padre Faber, entra nella Compagnia di Gesù ed è l'ottavo gesuita a emettere i voti solenni. A lui si deve la pubblicazione delle opere di San Cirillo di Alessandria, di San Leone Magno, di San Girolamo e di Osio di Cordova.

Prende parte attiva al concilio di Trento, come teologo del cardinale Truchsess e consigliere del papa. Sant'Ignazio lo chiama in Italia, mandandolo dapprima in Sicilia, poi a Bologna, per rimandarlo quindi in Germania, dove resta per trent'anni, in qualità di superiore provinciale. Pio V gli offrì il cardinalato, ma Pietro Canisio pregò il papa di lasciarlo al suo umile servizio della comunità. Morì a Friburgo, in Svizzera, il 21 dicembre 1597.

Accadde oggi

21 Dicembre

164 a.C.Giuda Maccabeo restaura il Tempio di Gerusalemme. Questo evento viene celebrato per 8 giorni nella festività ebraica dell'Hanukkah

1913 – Il "word-cross" di Arthur Wynne, il primo cruciverba, viene pubblicato sul New York World

Frase del giorno

"Fra gli esseri umani, si riconosce pienamente l’esistenza soltanto di coloro che amiamo" (Simone Weil)

 

Il Santo di domani: SAN GIACOMO, Apostolo