Santo del giorno - SAN MARCELLINO DI ANCONA, Vescovo

San Marcellino di Ancona, vescovo. Nacque in Africa da genitori cattolici ricchi di beni e di virtù. Fin da bambino fu istruito nella religione cristiana. Era forse ventenne, quando di comune accordo con due suoi compagni, si ritirò in una grotta, lungi dai rumori e dalle distrazioni mondane, e qui nella meditazione delle divine verità e nell'esercizio della penitenza, trascorse vario tempo.
Desiderando far conoscere Gesù e il suo Vangelo alle genti che ancora erano nelle tenebre, Marcellino passò nelle Gallie predicando il Vangelo nei paesi presso le Alpi con abbondanti conversioni.
Nella seconda metà del VI secolo esercitando il suo ministero con grande zelo, S. Gregorio Magno lo definisce "vir vitae venerabilis", fu ordinato vescovo di Ancona. Si narra che in un furioso incendio, difficilmente controllabile, il Santo si fosse fatto portare impedito nella deambulazione per una grave forma di gotta, vicino al fuoco con il vangelo in mano, ottenendone la cessazione delle fiamme.
Nel tempo stesso che Marcellino si dedicava alla salvezza delle anime, non trascurava la sua, ma sempre più la rendeva bella e grata a Dio con la meditazione e la preghiera. Dio lo chiamò a sè nell'anno 374 d.C. La sua memoria è legata ad un Codice Evangeliario.

Accadde oggi

9 Gennaio

1448 - Nella piazza Sant'Ambrogio di Milano si tiene la prima lotteria, ideata dal banchiere Cristoforo Taverna

2007 Steve Jobs, durante la conferenza di apertura del Macworld, presenta il primo modello dell'iPhone

Frase del giorno

"Gli sciocchi aspettano il giorno fortunato. Ma ogni giorno è fortunato per chi sa darsi da fare" (Buddha)

Il Santo di domani: SAN MARCO, Evangelista