Santo del giorno - SAN GIORGIO, martire

San Giorgio, martire (III-IV secolo d.C.), la cui gloriosa lotta a Diospoli o Lidda in Palestina è celebrata da tutte le Chiese da Oriente a Occidente fin dal IV secolo. La tradizione popolare lo raffigura come il cavaliere che affronta il drago, simbolo della fede intrepida che trionfa sulla forza del maligno. La sua memoria è celebrata il 23 aprile anche nei riti siro e bizantino, ed è onorato dai musulmani con il titolo di "profeta". Il suo sepolcro è a Lidda (Lod) presso Tel Aviv in Israele.

In mancanza di notizie biografiche certe su san Giorgio, le principali informazioni provengono dalla Passio sancti Georgii, che però già il Decretum Gelasianum del 496 d.C. classificava tra le opere apocrife. Secondo questa fonte, Giorgio era originario della Cappadocia (regione dell'odierna Turchia), figlio di Geronzio, persiano, e Policromia, cappadoce, nato verso l'anno 280. I genitori lo educarono alla religione cristiana. Trasferitosi in Palestina, si arruolò nell'esercito dell'imperatore Diocleziano, comportandosi da valoroso soldato fino al punto di giungere a far parte della guardia del corpo dello stesso Diocleziano, divenendo ufficiale delle milizie.

Il martirio sarebbe avvenuto sotto Diocleziano (284-337 d.C.) stesso (che però in molte versioni è sostituito da Daciano imperatore dei Persiani), il quale avrebbe convocato settantadue re per decidere che misure prendere contro i cristiani. Giorgio donò ai poveri tutti i suoi averi e, davanti alla corte, si confessò cristiano; all'invito dell'imperatore di sacrificare agli dei si rifiutò: secondo la leggenda venne battuto, sospeso e lacerato fino al martirio.

CURIOSITÀ: È considerato il patrono dei cavalieri, degli armaioli, dei soldati, degli scouts, degli schermitori, della Cavalleria, degli arcieri, dei sellai; inoltre è invocato contro la peste, la lebbra e la sifilide, i serpenti velenosi, le malattie della testa, e particolarmente nei paesi alle pendici del Vesuvio, contro le eruzioni del vulcano.

Accadde oggi

23 Aprile

1616 – Stesso giorno di morte degli scrittori William Shakespeare, Miguel de Cervantes e Garcilaso de la Vega motivo per cui l'UNESCO ha proclamato questo giorno "Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore"

1956 – Il cantante Elvis Presley tiene il suo primo spettacolo a Las Vegas, Nevada

2005 - Nasce YouTube: alle ore 20:27 viene registrato il primo account e viene caricato il primo video, intitolato Me at the zoo

Frase del giorno

"Chiodo scaccia chiodo, ma quattro chiodi fanno una croce" (Cesare Pavese)