Santo del giorno - SAN FEDELE DA SIGMARINGEN, sacerdote e martire

San Fedele da Sigmaringen, sacerdote e martire. Nato a Sigmaringen, in Germania, nel 1578, si laureò in filosofia e in diritto all'università di Friburgo in Svizzera, e intraprese la carriera forense a Colmar in Alsazia. Accolse con entusiasmo l'invito del conte di Stotzingen, che gli affidava i figli e un gruppo di giovani perché li avviasse agli studi. Soggiornando per ben sei anni nelle diverse città dell'Italia, della Spagna e della Francia, impartì ai giovani e nobili allievi ammaestramenti che lo fecero ribattezzare col nome di "filosofo cristiano".

Poi all'età di 34 anni, abbandonò ogni cosa e tornò a Friburgo, stavolta al convento dei cappuccini. Fu guardiano al convento di Weltkirchen. Dalla Congregazione di Propaganda Fide ebbe l'incarico di recarsi poi nella Rezia, in piena crisi protestante. Le conversioni furono numerose, ma attorno al santo predicatore si creò un'ondata di ostilità. Nel 1622, a Séwis, durante la predica, si udì qualche sparo. Fra Fedele portò ugualmente a termine la predica e poi si riavviò verso casa. All'improvviso gli si fecero attorno una ventina di soldati, capeggiati da un ministro, che in seguito si sarebbe convertito. Gli intimarono di rinnegare quanto aveva predicato poco prima. "Non posso - disse san fedele -, è la fede dei vostri avi. Darei volentieri la mia vita perché voi tornaste a questa fede". Colpito pesantemente al capo, ebbe appena il tempo di pronunciare parole di perdono, prima di essere abbattuto a colpi di spada. Era il 24 aprile 1622. Fu canonizzato nel 1746 da Benedetto XIV. Condusse un'austera vita di veglie e di preghiera.

Accadde oggi

24 Aprile

1184 a.C. – Secondo la tradizione gli antichi greci entrano a Troia servendosi di un finto cavallo

1704 – Viene pubblicato il primo giornale delle tredici colonie degli Stati Uniti, il Boston, Massachusetts – News-Letter

1996 – Gli Usa introducono leggi speciali antiterrorismo

Frase del giorno

"Le idee non si rifiutano, germinano nella società, poi pensatori e artisti le esprimono" (Lucio Fontana) 

Il Santo di domani: SAN GIOVANNI PAOLO II